omar Fardin
Secondo Telecom, il 54% delle cabine viene utilizzato ogni giorno per fare un massimo di tre telefonate; mentre il 27% per un massimo di 2 telefonate.

Da questo triste quadro parte la campagna di demolizione delle cabine telefoniche. Circa il 30% del totale delle cabine verranno distrutte. Il bello è che il garante ha voluto che in ogni cabina oggetto di demolizione venga prima messo un avviso con indicato un numero di telefono da chiamare e una email a cui scrivere per richiedere la non-demolizione.

A me le cabine piacciono. E' vero, non le usa più nessuno. Io sono anni che non faccio una telefonata da una cabina. E come me chissà quanti di voi. Ma chi come me ha ormai un'età (!!!) si ricorda bene che fino a poco più di 10 anni fa per telefonare erano indispensabili... La diffusione di massa del telefonino è cosa recente. Prima ci si metteva spesso in coda davanti a una cabina. Si in coda... incredibile eh?  Eppure era l'unico modo per telefonare alla morosa o al moroso senza far sapere alla mamma o al familiare di turno tutti i tuoi affari. 

E che dire di quando pioveva? Via a fare una telefonata in cabina stando bene attenti a chiudere bene le porte e con una buona manciata di monetine in tasca.  Dopo sono arrivate le schede telefoniche, e con loro il dramma di aver bisogno di fare una telefonata urgente e non averne una in tasca.  

Chiamare il 12 per avere un'informazione da una cabina poi era sempre gratuito. Altro che i numeri a valore aggiunto di cui ho già parlato. Bei tempi andati.

E poi erano un modo per fare una pausa, soprattutto per chi lavorava in giro come i rappresentanti. Oggi siamo tutti a telefonare dall'auto, in corsa frenetica da un posto all'altro. Senza pause. Troppo spesso senza auricolari. Incazzosi al telefono e con gli altri automobilisti di riflesso. Che tempi... E al povero superman vogliamo pensare? Dove andrà a cambiarsi?? 

Ok, sto farneticando. Vi lascio. E se vedete una povera cabina a rischio estirpazione.... Salvatela!! :-) 

Etichette: , , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Sti due tizi hanno avuto la fantastica idea di sfruttare le buche delle strade per fare delle foto davvero... strmbe! :-) Guardare per credere. (anche su repubblica.it)

A me non sarebbe mai venuto in mente. Giuro. 

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Buon Natale a tutti miei piccoli e grandi lettori. Che queste feste Vi portino tanta serenità e tanta pace e siano.... Naaaaaaaa  Che balle ste frasi scritte mille volte tutte uguali e senza sentimento!!!

In realtà a Natale son tutti sclerati altro che. Basta guardare il traffico!! E per non parlare della gente arrogante e pretenziosa che è arrivata in negozio in sti giorni. Ma non è colpa loro. Sono stressati. lo siamo tutti. I soldi son quelli che sono ed un regalino non si deve negare a nessuno. Mica facile eh. Tutti all'ultimo minuto di corsa da un negozio all'altro. Tutti a pretendere che il povero negoziante abbia la bacchetta magica per risolvere il nostro ritardo cronico. Mah... Io non ho fatto regali a nessuno. Sappiatelo. Spiacente ma per servire al meglio i miei clienti ho dovuto trascurare i parenti. E non solo! :-( 

Mi rifarò, magari durante l'anno. Per ora vi auguro un BUON NATALE di cuore.

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Da un articolo di oggi sul giornale:

" [...] I modelli sono modelli, e quello di Santa Klaus non funziona. Il professor Grills è categorico: «Dobbiamo essere consapevoli della capacità di Babbo Natale di influenzare la gente, soprattutto i bambini. Per questo proponiamo una nuova immagine di Santa Klaus che assicuri che la sua influenza sulla salute pubblica sia positiva». Quindi, prima di tutto si metta a dieta e faccia un po’ di moto. Anche perché - sostengono gli studiosi - nei Paesi dove è più amato ci sono più bambini obesi: «L’immagine di Babbo Natale promuove il messaggio che la grassezza sia sinonimo di buonumore e giovialità». 

Secondo, abbandoni l’insana passione per l’alcol. Terzo, niente fumo: quella pipa con cui spesso si fa immortalare perfino nei biglietti d’auguri è un messaggio a dir poco scorretto: «Fuma, avrà almeno cent’anni e non è morto di cancro». Qualche ragazzino potrebbe fraintendere. Anche le scelte d’immagine sono pessime, secondo Grills: ha prestato il volto a pubblicità di prodotti non salutari e non rispetta le normali regole d’igiene. E in tempi d’influenza suina può diffondere il contagio fra i piccoli: si fa starnutire addosso e abbraccia un bambino dopo l’altro, senza preoccuparsi delle malattie. Insomma è pure un po’ untore.[...]"

Ma mi sembrano davvero esagerati... Ma non hanno altro a cui pensare sti qua?? 


2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' da un po' di giorni che non pubblico un post. Lo so. Non voletemene. Per il mio lavoro i 20 giorni che precedono il Natale sono caratterizzati da una frenesia e da una corsa continua. 

Stamattina mi sono svegliato a casa dei miei, in mezzo alla campagna veneta. Dovevo portare mio padre in un posto stamattina presto.  Mi sono alzato e guardando fuori... Cavolo... LA NEVE!!! E tanta, tanta neve. Almeno per i canoni della nostra campagna negli ultimi anni. 

Mi si è stampato un sorriso inenarrabile sul viso. Seguito da un dubbio. Come fare per andare al lavoro? 

La macchina era al riparo. Almeno quello. Ma le strade... decisamente impraticabili. Ok, mi sono armato di santa pazienza e di stivaletti da neve e  ho montato le catene. Tanto dico... le strade di campagna saranno pure impraticabili, ma quando si arriva sulle arterie principali... PEGGIO!!!

Ma andiamo con ordine. A parte qualche difficoltà ad aprire il cancello sono andato bene. Quando sono arrivato in strada era una sensazione bellissima. Tutto bianco come non lo ricordavo dai tempi dell'asilo, in cui aspettavo con mia madre per mano il pulmino della scuola davanti casa e intanto giocavo con la neve. Adesso guido una station wagon nella neve, che non è esattamente lo stesso. Ho pure visto un uccellino svolazzare qua e la alla ricerca di cibo, che evidentemente fatica a trovare non potendo andare sotto alla neve. 

Arrivo sulla castellana. Praticamente una lastra unica di ghiaccio, spezzata solo nelle carreggiate, larghe quanto uno pneumatico, da quei pochi fortunati con le catene come me. 

Ma dico io... E non potevo non metterci un filo di polemica in mezzo, è da una settimana che si sa che deve nevicare. Dove sono i mezzi spargisale?? Dove sono gli spazzaneve?? Possibile?? Si, possibile. Decisamente possibile. 

In ogni caso ci ho messo un'ora di tempo per fare 15 km ma sono arrivato sano e salvo. Oggi di clienti nemmeno l'ombra, nonostante vari appuntamenti fissati nella giornata. E intanto continua a nevicare. Ho spazzato la neve davanti al negozio e a distanza di un'ora ce ne sono già altri 3 cm. che diamine. Vado a spazzare di nuovo va... 

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Sono... o meglio... Sto passando a Mac. Mi son comprato un imac. Mi son stancato di aver problemi con il pc. Per stavolta ho dato ascolto a tutti quelli che mi hanno sempre detto che con i mac non ci sono problemi. In pratica tutto quello che dicono in questo video, che è davvero esilarante.

OK, il prezzo è alto. Spero che verrò ripagato con un po' di soddisfazione in più. E con un po' di rotture di balle in meno. Per ora... devo imparare ad usarlo!!!

Etichette: 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Le ho sempre detestate. E non sono sicuramente l'unico.Eppure c'è una sorta di perversione nelle raccolte punti tale per cui tutti noi non possiamo fare a meno, almeno ogni tanto, di provare a farle. E via a farneticare di premi e di regali con gli amici per capire cosa prendere e chi ci arriva prima. Negli ultimi anni sono diventate qualcosa di diverso... ma andiamo con ordine.

Quelli del latte, quelli delle merendine, dei cereali, del caffe' o dei vari supermercati. Ma anche quelli della benzina e quelli della carta igienica. In pratica ogni momento è buono per raccogliere i bollini. Per portare a casa la qualunque. Dallo sconto sulla benzina stessa all'ultimo videogame.

E finchè son quelli della benzina o del supermercato adesso son tutti elettronici. Ma quelli del latte o delle merendine... Devi stare attento a scartare il pacco senza rompere il bollino. Poi devi tagliarlo. Sembra che li facciano sempre più piccoli e stampati nei posti più sfigati apposta. Poi devi incollarlo negli appositi spazi che in genere sono sempre più piccoli del bollino... grrrrr Uno alla fine si incazza, butta tutto per aria e buona notte alla raccolta.

Inizialmente la raccolta dei bollini serviva a fidelizzare il cliente. Negli ultimi anni si sono trasformate sempre di più in un modo per vendere prodotti. In una nota catena di supermercati della zona qualche anno fa avevano messo come premio tra i tanti una macchina da caffe' espresso.  Un miliardo di punti da raccogliere (non mi ricordo quanti, ma tantissimi) e poi un contributo di 40 euro per averla. 

Io che non mi faccio mai sfuggire l'occasione per polemizzare scrissi alla direzione del supermercato. Gli chiesi perché mai dovevo prima raccogliere uno sterminio di bollini, per poi pagare 40 euro, per avere una macchina da caffè che al supermercato accanto vendevano a 45.

Mi hanno risposto. dicendomi che i loro prodotti erano un'esclusiva e che non era possibile che io l'avessi trovata in vendita da qualche parte. In effetti era vero. La macchina che vidi nel supermercato accanto aveva un nome diverso. Ma era comunque la stessa. Stesse caratteristiche, stessa forma, stesso colore, solo il nome diverso. Una vera e propria presa per i fondelli. 

Con questo banale sistema riescono a vendere prodotti che altrimenti non venderebbero mai. Un asciugamano? 500 punti, un punto ogni 5 euro di spesa, + 15 euro di contributo...  Se ti mettevano lì l'asciugamano in vendita a 15 euro sullo scaffale non l'avresti mai comprato. Ma siccome i punti te li caricano ogni volta che fai la spesa... quando arrivi ad averli (se ci arrivi) vuoi non comprarlo? con tutta la fatica che hai fatto per raccogliere i punti? certo che si!!

Meccanismo interessante non trovate?

In ogni caso esiste anche un sito che parla solo di raccolte bollini. Cliccare per credere.

Etichette: , , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Riprende una vecchia candid. Ma con un oggetto moderno e alla moda. Un tizio ha pensato bene di incollare un i-phone di fronte a uno degli Apple Store newyorkesi. 

A parte che mi fa impressione quando per incollarlo lo calpesta... E' troppo simpatica la reazione della gente! :-)
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
No, non quelle che pensate voi. Posizioni nel sonno. Io sono uno che non riesce a dormire con il cuscino. Non ce la faccio. é un ingombro che non so che farmene. O meglio. Potrei concepire il cuscino quando si dorme di lato. La spalla ti tiene su la testa che quindi un cuscino  sostiene. 

Quando ti fanno vedere le immagini di uno che dorme in genere lo vedi sempre di lato.

 Pero' non tutti dormono di lato. Io in genere prendo sonno a pancia in giu'. quindi il cuscino a che diamine mi serve? A stare alzato a mo' di foca che applaude?  Poi mi fanno un po' ridere tutte le rappresentazioni anche in televisione di quelli che vendono materassi. Ti mostrano la persona distesa per venderti il materasso a 6-7-24 zone e dieci strati. 

Io non so voi, ma io mi muovo durante la notte. Mi rannicchio su me stesso se ho freddo per esempio. E sono un'anima in pena stile girarrosto se ho caldo.  A volte mi capita di svegliarmi in terra... Insomma delle 7 zone di morbidezza non so decisamente che farmene! 

Lo so che i medici inorridiscono. Lo so che bisognerebbe dormire correttamente. Lo so che poi le posizioni scorrette si pagano nella vecchiaia. Ma che ci posso fare? Mi lego al letto? 

Voi come diamine dormite? 

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

MTV mette tutto online. 25.000 titoli online visionabili gratuitamente. 

Evidentemente si sono sentiti insediati da youtube e dalla diffusione massiccia di video sul web. IN ogni caso hanno deciso di mettere tutto online e risolvere il problema. Hanno lanciato MtvMusic.com. SI ha accesso a quasi tutto l'archivio storico di Mtv. Dagli Mtv Unplugged agli speciali Divas di VH1, alle divertenti ospitate di artisti nei programmi più noti, a tutti i grandi eventi. Insomma... c'è da perderci un bel po' di tempo. Fateci un giretto... se vi piace la musica!! 

ps. di come scaricare musica legalmente quasi gratis avevo già parlato qui.

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
In pratica... mi si è rotto il Pc. O meglio... l'hard disk del pc. Ecco. In più mi son preso un mezzo raffreddore. Che palle. Non ho più potuto scrivere perchè mercoledì mattina ho schiacciato il bottone di accensione del pc e... magia! Non voleva saperne di partire. Windows si riavviava continuamente. e come se non bastasse mi dava anche degli errori di alcuni settori dell'hard disk. E allora vai, direi che il mio bel Hard disk è bello che andato. Nessun problema, ho sempre fatto il backup di tutto, ho il ghost dell'installazione... basta cambiarlo!

Vado di corsa a comprare un Hd nuovo. E qui la sorpresa. Il mio Pc non è recentissimo ok. Ha gli hard disk sata. Il problema è che in vendita ci sono solo hard disk sata II. E mentre fino a qualche tempo fa  avevano un jumperino dietro per regolarli come se fossero sata I, adesso niente. Solo sata 2. Con buona pace di chi ha un pc un po' datato. 

Per fortuna che un caro amico mi ha procurato un suo Hd sata II con jumper. OK. Ieri sera vado a prenderlo. Stamattina arrivo in negozio e metto su. NIENTE: Il mio Pc è proprio uno strxxxo. Non ne vuole sapere di vederlo. O meglio. Peggio ancora. Il Bios lo vede, windows non ne vuole sapere. Anche Ubuntu lo vede ma non riesce a montarlo. Ma porc... 

Alla fine ho trovato un vecchio Hd da 120 Gb  sata1 e ho messo su quello. Con buona pace del metterlo nuovo, cosa che proprio non mi è riuscita. Che palle. 

Ultimo atto della vicenda: La partizione creata a suo tempo con ghost non vuol saperne di funzionare bene. Mille problemi. Mi rassegno. Formatto tutto e riparto daccapo. Programma per programma, driver per driver aggiornamento per aggiornamento con eterna, infinita, trascendentale pazienza. Fanc....

Devo iniziare a mettere via soldini per comprare un pc nuovo. E' ufficiale. :-(

Etichette: , , 4 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
L'altra sera, tornando a casa con i miei colleghi da un cantiere a Pederobba, ci siamo fatti una domanda: "Ma come aumentano i numeri delle targhe italiane?". Chi diceva che dopo AA 000 AA ci fosse la targa AA 000 Ab e chi invece supponeva che la seguente fosse stata AA 001 AA, così mi sono informato al Pra e letto anche un paio di articoli e sono arrivato alla conclusione che le targhe aumentano prima con il numero poi le lettere partendo dall'ultima, cioè dopo la targa AA 000 AA arriva AA 001 AA e solo dopo essere arrivati a AA 999 AA quella dopo sarà la AA 000 AB.

In più ho scoperto che le targhe vengono assegnate alle province a lotti, seguendo indicativamente la frequenza di immatricolazioni, cioè le province ricevono mediamente lotti di 1000 o multipli. Tanto per farvi un esempio, Milano ha ricevuto il lotto che parte da DJ000WA, e finisce con DJ999WX, quindi 20 mila targhe.
Questo vuol dire che può succedere di immatricolare un auto a Venezia con targata DJ234ZY e successivamente una a Milano, anche dopo un paio di mesi, con targa DJ135WC.
Così si può capire anche da che provincia arriva un auto guardando le ultime due lettere, se si sanno i lotti.

Vengono fornite a richiesta anche delle targhe posteriori (dette "quadrotte") con proporzione base/altezza vicina ad 1 (altezza leggermente inferiore alla base). In questo caso la targa posteriore è costituita da due righe. Per queste targhe, la numerazione inizia da ZA 000 AA, utilizzando sempre il sistema descritto in precedenza.

Un' altra precisazione; non vengono usate le lettere I , O , Q , U per il semplice motivo che sarebbe facile confonderle con dei numeri tipo la I per un 1, la O e la Q per uno Zero.

A partire dal 1º gennaio 2003, è stata introdotta la possibilità di ottenere targhe personalizzate; tuttavia esse devono rimanere all'interno dell'attuale sistema di numerazione ed è previsto un costo aggiuntivo rispetto alle targhe normali. Al marzo 2009 non è ancora stato emanato il regolamento di esecuzione, pertanto tali targhe non sono ancora state emesse. Ma si possono fermare le targhe con una richiesta al Pra. Ad esempio il titolare di mia moglie è riuscito a farsi dare per la sua Porsche 996 GT3 la targa ** 996 GT, oppure come il titolare di questa Ferrari Enzo.


Etichette: 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ho trovato un video molto interessante. Vi dimostra come fare a dimagrire bevendo birra. Anche senon avete molta dimestichezza con l'inglese è facilmente intuibile. :-)

Be' ovviamente è uno scherzo... PEro' è troppo carino. Soprattutto nelle scene dove si vede la tipa bionda e carina che ha atteggiamenti tipicamente maschili...  Ma siamo così rudi noi maschi?? :-) 

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' qui. Esiste per davvero.  L'acquasantiera elettronica. Per tutti i fedeli che pero' hanno paura di prendere chissà quale strana malattia o anche semplicemente la tanto temuta l'influenza A. A me sembra un tantino esagerato, ma devo ammettere che di questi tempi probabilmente non sara' un'invenzione che passerà inosservata. Le intenzioni sono nobili. questo è certo.

Riporto dal sito: "Acquasantiera Elettronica è semplice, pura ed innovativa. I fedeli non dovranno più intingere le mani nelle vecchie acquasantiere, ma basterà attendere qualche millesimo di secondo e l'acqua arriverà dall'alto, come un segno divino. Un piccolo spruzzo, azionato dal sensore in grado di riconoscere la presenza della mano, darà la giusta e necessaria quantità di acqua prima del segno della croce. Un simbolo dei tempi che cambiano, della nostra fede che segue e comprende la modernità." 

Secondo me se mettevano un po' di amuchina nell'acqua forse facevano prima!!

Grazie Alvi per la segnalazione.

Etichette: 3 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

E' da un po' che su facebook gira sto video. Adesso ho deciso di postarlo anche io. E' recitato bene e il messaggio è decisamente carino. Porta la firma di un certo Alex90, anche se dubito che la voce sia la sua. In ogni caso un ragazzo che si dichiara così alla sua fidanzata... E' decisamente tenerone. Forse troppo.

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
 

Oggi voglio portarvi a conoscenza di un progetto che vorrebbe veder realizzato nell’area ex PA2/a del petrolchimico un impianto di stoccaggio e incenerimento di rifiuti tossici nocivi provenienti da tutta Italia, totalmente in controtendenza rispetto alla riconversione ecocompatibile di Marghera. Per saperne di più sul progetto, hanno realizzato questo video in cui si intervista l’ex Assessore all’Ambiente Ezio da Villa. Cio' che ne viene fuori è che come sempre, a meno che non si riesca a bloccare il progetto, ce l'abbiamo nel didietro sempre noi poveri cittadini. E questa è una cosa che ci toccherà tutti. Vi consiglio vivamente di guardare/ascoltare il video e di carpirne il succo.

Tratto dal sito dei GrilliVenezia

omar Fardin
Ne avevo parlato qualche post fa e adesso se ne accorgono anche i media. Riporto un articolo di repubblica

"Una coltre di cocaina avvolge l'Europa. Oltre 13 milioni di europei adulti hanno provato la polvere bianca nella loro vita. Di questi, 7,5 milioni sono giovani (15-34 anni), tre milioni dei quali l'hanno usata negli ultimi 12 mesi. Nel dettaglio l'Italia si conferma uno dei Paesi a più alta prevalenza, insieme a Danimarca, Spagna, Irlanda e Regno Unito. La polvere bianca si confermacosì la sostanza stimolante illegale più popolare in Europa. Lo dice il Rapporto 2009 dell'Osservatorio europeo sulle droghe presentato oggi a Bruxelles, che conferma la diffusione costante della cocaina. 

In Italia, Danimarca, Spagna, Irlanda e Regno Unito, nell'ultimo anno, l'uso tra i giovani si è attestato tra il 3,1% e il 5,5%, mentre nella maggior parte degli altri Paesi europei si registra una tendenza alla stabilizzazione o all'aumento del consumo nella fascia d'età 15-34 anni.

Tra i pazienti che entrano per la prima volta in terapia per disintossicarsi, il 22% ha indicato la cocaina come sostanza primaria. Nel 2007 sono stati segnalati circa 500 decessi associati al consumo di questo potente stimolante.

Accanto alla cocaina prende piede anche la metamfetamina che sfrutta la facilità con cui può essere prodotta. Storicamente, l'uso di questa sostanza si concentra nella Repubblica ceca, dove sono stati individuati quasi 400 piccoli laboratori di metamfetamina. Ma nell'ultimo anno la disponibilità di questo stimolante sta aumentando in alcune zone dell'Europa del Nord, come Svezia e Norvegia."

Hanno scoperto l'acqua calda?? 500 morti in un anno. E poi vengono a parlarmi dell'influenza A... ma per piacere...

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Come cosa? La bolla finanziaria? Roba vecchia. La bomba atomica? Roba ancora più vecchia. Adesso va di moda l'influenza H1N1. Ne avevo già parlato qui e qui. Ma adesso stanno davvero esagerando. Domenica sono andato alla fiera di Padova e cosa mi vedo? Le macchinette che vedete in foto sparse un po' ovunque. Igenizzante per le mani. Ma dico... Se uno ha le mani sporche basta andare a lavarsele no? Cos'è? ti spruzzi un po' di alcool sullo sporco e ti spalmi alcool e sporco su tutte le mani sperando di aver risolto il problema? E poi... potranno essere anche comodi sti aggeggi, e sicuramente sono utili in molti impieghi,  ma qui sembra che stiano facendo di tutto per diffondere il panico tra la gente! (che poi non c'è scritto da nessuna parte che sono contro l'influenza eh... pero' visto il periodo non credo sia un caso che siano apparse proprio adesso!)

Ora io non sono un medico. Ma vi assicuro che nemmeno i medici son tutti d'accordo sul fatto di dover fare il vaccino, anzi. C' è un sacco di gente che si vaccina tutti gli anni. E puntualmente ogni anno si ammale lo stesso. E continuano a farsi fare il vaccino. C'è gente che sta malissimo dopo aver fatto il vaccino, e continua ogni anno a volerselo fare. C'è da uscirne pazzi. 

Io non mi vaccinero' ne per l'influenza maiala ne' per qualcunque altro genere di influenza. Se mi ammalo amen. Se mi faccio il vaccino probabilmente mi ammalo di qualcosa di peggio. OK, è solo il mio pensiero, ovvio. Ognuno è libero di fare come crede. Ma e' dovere di ognuno informarsi bene prima di farsi iniettare robaccia chimica. Mi raccomando!!

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' in crisi. Ufficialmente. La sisal ci sta perdendo. Oppure, forse è più corretto, ci sta guadagnando meno di quello che pensava. 

Notizia di oggi: "L'alto numero di vitalizi (69) vinti nel primo mese di vita, mette a rischio l'economicità dell'intero sistema di gestione del gioco. In questo primo mese infatti le vincite con "0-1-2-3-7-8-9-10" punti ammontano a circa 68 milioni di euro. I 69 vitalizi pagati danno vita ad una cifra pari a 66,2 milioni di euro. All'Abruzzo sono andati 48,1 milioni di euro, mentre i ricevitori hanno incassato 16,8 milioni di euro. Le quattro voci danno vita ad un totale di 199,1 milioni di euro. Considerando gli 8,4 milioni incassati da Sisal, alla quale spetta il 4% della raccolta, si arriva ad una somma totale di 207,5 milioni di euro contro i 210 milioni incassati. In pratica se ci fossero stati appena 3 vitalizi in più, le somme totali tra vincite e competenze avrebbero superato i 210 milioni di raccolta. Forse a priori è stato sottostimato il numero dei possibili vitalizi vinti ogni mese e comunque si tratta di un fenomeno strano relativamente ad un gioco a totalizzatore."

Forse è il caso di andare a giocare finchè dura. Perchè è ciaro che un gioco così non puo' durare di certo!! :-) 

Etichette: , 4 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Argomentino pesante, lo so. Ma mi è venuto in mente perchè ieri sera mi son fermato in un bar a bere qualcosa e parlando del più e del meno con la tipa che lavora lì ed un altro paio di ragazzi è venuto fuori l'argomento. Da premettere che sti ragazzi hanno un'età che sta intorno ai 20 anni. 

Si diceva che i giovani al giorno d'oggi più che di pastiglie varie si "fanno" di coca. E allora io ingenuamente ho chiesto quanto mai potrà costare la coca. La risposta è stata stupefacente. Intanto perchè è andata ben oltre la domanda, e poi perchè in pratica ho capito che sti ragazzi sono decisamente bene informati.

La tipa ( che vi assicuro aveva decisamente l'aria di una ragazza bene) ha cominciato a spiegarmi non solo i prtezzi, ma anche a come fare per risparmiare, in che porzioni viene venduta e che aspetto deve avere. Mi ha spiegato che in disco oltre alla coca vendono la speed, la speedboom, e altri nomi che non ricordo, sempre spiegandomi le differenze tra l'una e l'altra. Insomma una piccola esperta del settore.  E gli altri ovviamente non erano da meno. 

Mi sono stupito, ma non voglio fare il moralista. Le droghe in disco ci sono sempre state. Quando ero un habitué delle discoteche ne ho viste di tutti i colori anche io. E anche un po' di più di tutti i colori quando sono stato ad un rave a londra per capodanno. Quindi niente moralismi. Ma quello che mi ha stupito è la naturalezza con cui parlavano di questi argomenti. Come fosse la cosa più normale del mondo. E ovviamente come se tutti indistintamente sniffessero l'impossibile. 

Comincio a diventare vecchio mi sa. Comincio a fare anche io i discorsi che sentivo fare "dai grandi" quando ero io lo sbarbino. Devo preoccuparmi? No, io non divento vecchio. Divento saggio! 

Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' la nuova encicolopedia. In 140 caratteri massimi. Sulla scia di Twitter. Si chiama SveltoPedia.

Ovviamente è una cosa da ridere. Pero' è simpatica, decisamente!!

Per la cronaca e per chi vuole farsi gli affari miei da oggi sono anche su Twitter. Per ora un po' in sordina, ma un po' alla volta crescero'! Se siete iscritti, ma anche se non lo siete, diventate miei "followers"!! Mi trovate su http://twitter.com/OmarFoto

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Io l'avevo scritto qualche tempo fa, adesso se ne è occupato anche Report. Loro l'hanno fatto meglio, ovvio, è il loro lavoro. Riporto dal loro sito:

"Noi siamo tra i Paesi più colpiti dalla crisi e di conseguenza l’anno prossimo il macigno del debito pubblico si avvia a pesare il 118% della gamba che lo tira, che è il famoso Pil, il prodotto interno lordo. 
Per dare un’idea, stiamo quasi tornando ai livelli di palla al piede che avevamo negli anni Novanta. È come se non ci fossimo mai venduti la Telecom, le Autostrade, parte dell’Enel e dell’Eni… Adesso non abbiamo più molto da dar via, ma ci consoliamo per il fatto di essere in buona compagnia.
Dall’America alla Gran Bretagna, in media tutti i paesi avanzati hanno aumentato il loro debito pubblico dal 75% al 115% del Pil. Loro però si stanno indebitando per salvare il sistema produttivo, mentre noi sudiamo per smaltire un debito pubblico accumulato con gli sperperi degli anni Ottanta, un debito che ci frena sempre di più, ci limita nei movimenti e rende la vita più faticosa alle imprese e alle famiglie.
Oggi la storia ci presenta il conto perché proprio a causa di questo debito obeso l’Italia non può attivare spesa pubblica al pari degli altri Paesi per stimolare l’economia, asfissiata dalla crisi. Intanto all’orizzonte si profila una nuova minaccia: l’aumento dei tassi d’interesse, che inevitabilmente ci sarà. I tassi sono così bassi che non possono far altro che salire[...].

E Allora penso che siamo presi male, ma penso anche che all'italiano medio non glie  ne frega un tubo. Anche se dovrebbe. Perchè purtroppo Incide in tutte le piccole cose di tutti i giorni.

Perchè devo sempre pensare a cose più grandi di me? :-)

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Eh si. I giornali e soprattutto i politici se ne sono accorti solo adesso. Ma io nel mio piccolo ne parlavo  già un anno fa. 

Questo la dice lunga di quanto lontani siano i nostri governanti dalla realta' di tutti i giorni. E soprattutto di quanto lontani siano dalle nuove tecnologie, dalla rete, dai movimenti che nascono dal basso della rete. E ci credo, hanno tutti un'età che starebbero bene all'ospizio!!

Adesso si sono stupiti di sto gruppo che conta quasi 16000 iscritti. Ma un'anno fa ne aveva già circa 3000, e dico i nostri politici dormono o fanno finta di dormire??? Ah no, appunto, non dormono, vivono in un'altro pianeta, Gerontolandia.  E vale per tutti eh! Di gruppi simili ce ne sono anche per gli uomini di Sinistra. Ma ovviamente la parte del leone la fa sempre chi è in carica al momento.

Adesso si lamentano pure del fatto che non possono chiedere l'oscuramento del gruppo in quanto facebook ha  i propri server in California, quindi per farlo serve una rogatoria internazionale con tutte le difficoltà del caso. Ma pensa te...

Grazie a Marco per la vignetta.

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Recita lo slogan: "Ogni nostro sofà è frutto del lavoro sapiente dei nostri artigiani"... Questo è il claim di una pubblicità di una nota marca di poltrone e di sofà italiana. Peccato che l'ultima puntata di report ha svelato (l'acqua calda?) che in realtà i divani di quasi tutte le ditte più blasonate non solo italiane sono fatti da mani cinesi. In Italia, ma da cinesi. Made in Italy, non c'è dubbio!

In effetti in sti giorni c'è la pubblicità di una promozione in cui ti vendono un divano 3 posti in pelle a 900 euro. Ma tra struttura, imbottiture, manodopera e giusto guadagno sia di chi lo fa che di chi lo rivende...  la vedo molto dura. A meno che, appunto, la manodopera non costi nulla o quasi. 

Un anno fa circa mi sono addentrato nel mondo dei divani. Ho girato tutti i negozi di tutte le marche. E poi sono andato anche nei negozietti dove facevano divani di produzione propria. E in effetti i prezzi erano spesso più alti. Alla fine ho preso un banalissimo divano di quelli che te lo porti a casa e te lo monti da solo. Costano poco, durano forse meno delle grandi marche ma lo sai, sai quello che compri e cosa aspettarti, e soprattutto lo paghi il giusto. 

Ma quando vedo trasmissioni come quella di report mi viene il nervoso. Hanno fatto chiudere decine di piccoli artigiani per farsi fare i divani dove e da chi costa meno e poi nella pubblicità si vantano di essere made in italy, si vantano dei loro "sapienti artigiani". Ma vaffan... 

Il problema è che siamo tutti un po' colpevoli. Tutti andiamo in cerca del prezzo più basso. Tutti cerchiamo di stimolare la concorrenza il più possibile. Gli stipendi son quello che sono e di conseguenza ognuno cerca di risparmiare dove puo'. E mi rendo conto che mi sto addentrando in un discorso che sfugge facilmente al controllo. Alla fine non si risolverà nulla. ma almeno dobbiamo essere consapevoli che quando compri qualcosa con scritto made in italy, o quando vedi una pubblicità non bisogna crederci. Mai.

Il servizio di report QUI.

Etichette: , , , 5 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Ho trovato questo filmato sul parco di San Giuliano di Mestre. Guardatelo, ascoltatelo e fatevi un'idea. La mia è che un po' la stracciano, ma sicuramente quando hanno interrato le immondizie del parco qualche rifiutino tossico ce l'hanno nascosto... Come sempre a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca no? :-)
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Non è sempre facile scrivere un blog. Sono partito più di un anno fa e l'idea era quella, entusiastica, di scrivere qualcosa ogni giorno lavorativo. Poi passano i mesi. E all'inizio è facile, avevo la mante piena di argomenti, di idee. Avrei potuto fare 10 post al giorno. 

Poi passano i mesi e pian piano mi accorgo che spesso mi vengono in mente argomenti di cui parlare che in realtà ho già trattato.

E poi ci sono gli impegni. I blogger più famosi  fanno solo quello. Oppure al massimo hanno un lavoro part-time. In pratica devono per forza dedicare un po' di ore al giorno alla ricerca, alla documentazione, alla scrittura. Non è facile. Soprattutto non è facile fare articoli interessanti e originali. E non è facile farlo senza copia-incollare da questo o da quel sito. 

Tutto questo non per dirvi che voglio rinunciare al mio blog, anzi. Solo per dirvi due cose. La prima: Se qualche giorno salto di scrivere non abbiatene a male. Probabilmente ho avuto da fare sul lavoro. Una volta i miei "buchi" venivano  coperti da yanopin, che pero' adesso ha ben altro a cui pensare. Quindi tranquilli, non scappo, medito!

La seconda. Mi piacerebbe leggere qualche commento in più. I commenti sono la benzina del blogger. Se quando scrivo poi leggo dei commenti vuol dire che a qualcuno è interessato leggere quanto ho scritto. Se poi arrivano critiche va bene lo stesso. Ma almeno vuol dire che siete attivi. Invece mi accorgo che spesso siete pigri. Oppure mi trovo gente che legge il blog e poi in facebook mi dice cosa ne pensa di questo o quell'articolo. O addirittura mi scrive in mail. Ma dico... è così difficile commentare direttamente sul blog?

Spero di sentire la vostra voce. :-) 

Etichette: 4 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Argomento di questi giorni, la costruzione del ponte sullo stretto di Messina. Io se non sono polemico non son contento, ormai lo sapete. Non che mi freghi molto di che parte politica lo spinge e lo sostiene. Ma vorrei capire come da una parte si parla del nuovo record del debito pubblico di cui peraltro avevo già parlato, e dall'altra si parla di costruire un'opera faraonica. Ok, non è il mio lavoro fare l'economista. In questi giorni vari esponenti politici hanno detto che il ponte sarà pronto fra 6 anni e che la sua costruzione inizierà entro dicembre.

Il problema è che nessuno dice (ma guarda un po'), nonostante non sia certo un segreto, che il progetto esecutivo ancora non c'è. E allora cosa diamine cominciano a costruire???
E con che soldi sarà costuito il ponte? La risposta che danno è "con i soldi delle banche". Magari con quelle aiutate dallo stato per non fallire, aggiungo io. Aiutate dallo stato con i soldi di chi secondo voi? Vabbe' pazienza.

La cosa che mi fa innervosire di più pero' è la poca chiarezza. Perchè è così difficile fare le cose chiare in Italia? Si deve costruire il ponte? Ok. Si faccia una gara e si dia l'appalto ad una ditta. Ma che sia una ditta seria e unica. Mi spiego. Avete mai visto e capito chi ha vinto invece la gara d'appalto? E non sto parlando di inciuci che pur sono possibili (probabili) come la storia italiana insegna. Non mi interessa se chi costruisce è amico di chichessia. Purchè ci sia chiarezza. Invece no.
Ci ho messo del mio per capire tutta la scaletta e provo a spiegarvela, ma faccio il fotografo di lavoro eh, non l'inciuciologo! La gara la vince la Eurolink. La eurolink è formata da 4 soci uno dei quali, il maggioritario, è la Igli. La Igli è formata da tre società tra le quali figura anche la società "edizioni Holding" . Questa società a sua volta è di proprietà della società autostrade s.p.a. del nostro amato Benetton.
Ovviamente io ve l'ho strasemplificata, ci sono altri attori in questa scenetta. Ma in soldoni già da qui si puo' capire che razza di intrigo di scatole cinesi gestirà sta cosa. Come si fa a non essere sospettosi? Se un giorno i costi lieviteranno per qualsiasi motivo (e potete scommetterci che ci saranno degli aumenti del preventivo strada facendo per "sopraggiunte difficoltà tecniche") a chi si andrà a chiedere conto? Se come prevedibile ci saranno una marea di subappalti... siamo sicuri che sarà tutto chiaro e trasparente? La mafia se ne starà a guardare? mah...

E non sono sceso nei dettagli deì motivi per cui costruire o non costruire il ponte. Non mi interessa, ognuno ha la sua idea e amen. Ma se ci fosse un po' più di chiarezza saremmo tutti più contenti no?
Torno al mio lavoro che è meglio va...
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Fino a pochi anni fa le sigarette vendute sul mercato italiano erano prodotte per il 95% in Italia. L'Ente Tabacchi Italiano, allora proprietario di tutti i brands italiani, prima di essere venduto nel 2004 alla British American Tobacco, produceva anche le Marlboro per Philip Morris.

Oggi il 99% delle sigarette vendute in Italia (inclusa la Logista S.p.A. che si occupa della loro distribuzione), un settore da oltre 14 miliardi all'anno di entrate fiscali, è di proprietà di un cartello di società straniere, che ne hanno ormai spostato in altri paesi quasi tutta la produzione.

Queste società si dividono ben 2 miliardi e 800 milioni di euro di fatturato per anno, senza pagare tasse in Italia.

Il comportamento dello Stato Italiano è paradossale, poichè vende tutte le marche di sigarette italiane a società straniere, ed è indifferente davanti al fatto che queste società spostino la produzione all'estero togliendo posti di lavoro in Italia.

Tratto dal blog Yessmoke.

La sostanza è che lo stato obbliga a vendere tutte le sigarette ad un prezzo minimo, così facendo la gente quando trova poca differenza di prezzo sceglie per forza le sigarette di marca più famosa.  In pratica lo stato aiuta la philip morris a vendere di più a svantaggio delle poche marche italiane rimaste. 

Vabbe'. Per fortuna che io non sono un fumatore. Per la cronaca l'immagine che ho messo è di un pacchetto che ho trovato per terra. Comprato in un "egypt air tax free shops", come scritto nell'etichetta sul retro, ma chiaramente per il mercato .... Non lo so!! non ho idea di che lingua sia quella scritta, ne di cosa ci sia scritto, anche se vista la foto posso facilmente immaginarlo. Alla faccia delle nostre scritte "il fumo uccide"!!

Vi invito a dare un occhio al blog yesmoke

Di sigarette e di come risparmiare per comprarle ne avevo parlato anche io qualche tempo fa. Qui.
Etichette: , , , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Ho trovato un articolo con delle foto molto interessanti su Repubblica.it. Riporto: "In Cina c'è qualcuno che a furia di osare è riuscito a trovare un equilibrio davvero notevole. E' un artista cin grado di rendere i suoi modelli più leggeri dell'aria. Lavora così Li Wei capace di usare una combinazione di cavi metallici, specchi, impalcature e acrobazie per creare questi impressionanti montaggi artistici."

Non è esattament eil mio genere fotografico. un po' troppo irreale. Pero' bisogna ammettere che sono foto di sicuro effetto. :-) 

Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
La moda. Il lusso. Le firme. Mi sforzo di capire come certe persone facciano a vivere nutrendosi praticamente solo di questi argomenti. C'è gente che non riesce a "sentirsi vestita" se non ha addosso pantaloni da 300 euro e maglietta da 150. O peggio a volte. Se andiamo nel super lusso, quello dei grandi stilisti Italiani, le cifre in genere hanno uno zero in più. No dico... ma perchè??? Ok, forse io non posso capire fino in fondo questa sorta di perversione perchè decisamente non posso permettemelo. Pero' siamo strani forte eh?

Qualche settimana fa sono stato con degli amici ad uno di quegli outlet dove vendono tutte le grandi marche a prezzo ribassato. Già il concetto in sé è strano. Se possono vendere gli stessi capi che trovo in centro nel negozio di prima linea ma alla metà del prezzo le cose sono due. O in centro mi stanno "silurando" alla grande, oppure non sono gli stessi capi, visto che nessuno in questo ambiente fa beneficenza e che anche i titolari degli outlet devono ben guadagnarci.

Il problema, se di problema si puo' parlare, è che in sti negozi vendono una polo a 150 euro e poi vai a leggere l'etichetta e ci trovi scritto "made in China". L'ho vista io con i miei occhi. Ecco quello che proprio non capisco.

Se un grande marchio si fa fare milioni di capi tutti uguali li paga qualche euro l'uno. Se se li fa fare in Cina probabilmente li pagherà anche meno di un euro l'uno. Ma visto che poi ognuno di quei capi viene venduto 150 euro o più, perchè diamine andare a farseli fare in Cina? Tra l'altro con costi di trasporto incredibili (sicuramente calcolati eh), e costi in termini di inquinamento ambientale e di sfruttamento minorile (pratica largamente diffusa in Cina) incalcolabili?

Sicuramente questi ultimi non vengono minimamente presi in considerazione. Pero' Io quando vedo poi il Valentino di turno che va in tv e tutti lo lodano mi viene il nervoso. Perchè nessun giornalista gli chiede mai perchè diamine va a farsi fare le magliette in Cina?

Prossimamente apriranno un nuovo negozio Abercrombie & Fitch a Milano. Sarà il primo in Italia, e se ne sta parlando da settimane. Poco importa se anche lì venderanno merce made in china. Ci saranno gli immancabili modelli mezzi nudi all'ingresso e tutto "puzzerà" di profumo A&F. Ci sono gli addetti appositi che devono spruzzare profumo sui capi. C'è da scommetterci che ci sarà la fila per entrarci. C'è da scommetterci che venderanno più loro che tutti gli altri negozi messi insieme.

Il marketing fa miracoli. Purtroppo.

P.s. E' bene ricordare a qualcuno questo bel servizio ormai dimenticato. Gli italiani hanno il difetto che dimenticano in fretta. Troppo in fretta.

Etichette: , , 8 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ma quanto sono buoni i dolci? Alzi la mano chi di voi non ha mai fatto una mezza indigestione di cioccolatini. O di nutella. O di pasticcini.
A me è toccato con la meringata. Avevo tipo 15 anni. Eravamo in 4 amici e ci siamo presi una torta meringata da 12. Tagliata in 4 e mangiato ognuno 1/4 di fetta fino a non riuscire più nemmeno a vederla. Per anni. Adesso mi è un po' passata, ma quando posso scelgo ancora qualcos'altro!
I dolci hanno il grosso neo di essere ipercalorici. Ma il grosso neo si accompagna ad una grossa attrativa a volte irresistibile. Tipo per la nutella. Vero Yano? Io per non sbagliare sono anni che non compero un barattolo di nutella. Durerebbe troppo poco.
E vogliamo parlare dei cioccolatini? I miei preferiti erano i ferrero rocher. Erano. Fino all'apparizione dei Raffaello. Il cocco abbinato al cioccolato bianco secondo me è pura libidine.
E poi ci sono una miriade di dolci uno più buono dell'altro... Quando vado al supermercato devo evitare come la peste il repardo dei dolcetti. Salvo poi trovarli sul banco del bar sottocasa...

Ci sono invece dei dolci che piacciono ai più e che a me invece più di tanto non vanno. Per esempio il mars. Troppo dolce. In genere non mi piacciono tutti quelli con il mou.
Qua con sto post solo a scriverlo sono ingrassato un chilo. Ma come si fa a resistere???
E poi c'è il capitolo dei dolci fatti in casa. Come ve la cavate voi? io sono capace di fare qualcosa... Ma niente di troppo elaborato! La ricetta che mi viene meglio sono... I muffin! In particolare quelli alla cannella. E poi e' passato alla storia un certo dolce a base di nutella, panna e pavesini... A ridaglie con la nutella!!!
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
L'altra sera ho guardato lo speciale di Italia 1 su Sanaa e le altre ragazze giovani Marocchine picchiate o uccise dai parenti solo perchè pur essendo di religione musulmana volevano vivere alla maniera occidentale qui in Italia. Io dico che non è giusto che quando noi andiamo ospiti nei paesi orientali, dunque di origine religiosa diversa, ci costringete a comportarci rispettando il Corano o almeno cercare di non fare certe cose contrarie alla vostra religione come far guidare una donna o altro, però quando voi venite nel nostro paese ci costringete lo stesso a rispettare la vostra religione. Visto che siete voi ospiti nostri perchè non rispettate la nostra religione e cercate di rispettare anche noi Occidentali? Allora mi domando perchè se voi venite a vivere qua da noi, che ovviamente non vi costringiamo con la forza a vivere qui in Italia, non cercate di vivere come la nostra civiltà, non dico di cambiare la vostra religione, ma visto che siete ospiti di un paese cattolico, cercate pure voi di rispettarci e non crearci sempre dei problemi. Non voglio fare di tutta l' erba un fascio, parlo solo con quelli che vediamo ai notiziari.
E penso che dovreste anche capire che crescere una figlia in un paese di religione diversa, non sia semplice educarla alla vostra religione visto che sono in contatto tutti i giorni con coetanee Occidentali e con stile di vita differente. E' ovvio che la maggior parte delle giovani ragazze mussulmane si abitueranno allo stile occidentale. Se proprio non volete rischiare che crescano con una cultura differente dalla vostra dovreste restare in un paese con le vostre stesse abitudini.
Ma se proprio volete rischiare non potete uccidere vostra figlia solo perchè vuole vivere la propria vita differentemente da voi, è sempre un omicidio, sia se siete Mussulmani che Cattolici, di destra che di sinistra, etero o gay!!
Questo resta sempre però un mio pensiero, non voglio offendere nessuno!!
Scusate lo sfogo!!!!!
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Oggi è una giornata strana. prima di tutto perchè quest'anno sembra non voler regalarci l'inverno. Fa caldo. Più che caldo umido. Che palle. Io amo l'invero e sembra che non arrivi mai. Le Zanzare in compenso non vogliono andarsene.
Poi c'è stata l'innondazione in Sicilia. Uno dei responsabili stamattina su Radio24 ha detto che non era prevedibile ne evitabile, vista la quantità d'acqua che è caduta. Sarà. Se posso, trattandosi del meridione, io qualche dubbio in merito ce l'avrei. Se invece che spendere miliardi per progettare un cavolo di ponte investissero quei soldi in qualcosa di più utile sarebbe molto meglio. Il problema è che le opere di sistemazione idrogeologica non si inaugurano. Il ponte si. Le opere di ordinaria manutenzione non fanno parlare di se' negli anni a venire. Invece il ponte si. Fra venti o trent'anni non diranno " i canali di scolo messi in ordine da pinco pallino". Invece se fanno il ponte diranno "il ponte sullo stretto voluto e costruito da pinco pallino." Ecco perchè non si investe nella manutenzione ed ecco perchè poi succedono sti disastri.
Ieri è stato approvato lo scudo fiscale. Non è mia intenzione parlare di politica. Ma non posso ignorare una legge del genere. Cioè... io frodo qualche miliardo al fisco incassando soldi in nero e per non pagarci le tasse che sarebbero del 30-40% metto i soldi all'estero. Ok. tanto poi basta aspettare la legge ad-hoc che mi permetterà di riportare tutto in Italia pagando solo il 5%. Ma dico... e allora tutti quelli che hanno pagato le tasse regolarmente sono stati degli imbecilli?? Probabilmente si.
Tutto qui. A me non interessa a chi porta benefici o se sono leggi fatte per amici di amici. A me da fastidio sentirmi preso in giro. Quasi quasi prendo tutti i miei incassi e li porto all'estero. Così risparmierei come minimo il 30% di tasse... non sarebbe malaccio. Il problema è che non ho incassi tali da giustificare sto giochetto. Ecco un'altro motivo per cui mi puzza. Alla fine non porterà beneficio ai poveri crisiti lavoratori dipendenti o piccoli imprenditori come me. Anzi.
E poi oggi c'è la manifestazione sulla libertà di stampa. Qualcosa in merito avevo già scritto. Stasera sentiremo che per il governo erano in 10.000 e per gli organizzatori erano in 2milioni. Siamo Nel 2009 e ancora non hanno un sistema per contare quante persone ci sono in una piazza... il che la dice lunga.
Buon weekend!
yanopin
Eccomi di ritorno. Dopo una mia prolungata assenza per doveri familiari, sono riuscito a ritagliarmi un po' di spazio per uno dei miei hobbies.
Spezie Per La Mente mi è proprio mancato. Mi è mancato il non poter esprimere le mie idee e condividerle con voi, anche se il mio italiano, come dice qualche amico, non è da professore.
Queste tre settimane, ovviamente le ho passate tra pannolini, ciuccie, e camminate alle 3 di notte con in braccio una frugoletta di nome Sofia. Posso dirvi, da neo papà, che la vita del genitore per ora è dura, ma molto piacevole. Se lasciamo andare le borse sotto agli occhi alla mattina e i mal di schiena verso sera, dico che si passano anche dei bellissimi momenti, come il suo primo sorriso ad esempio mi ha fatto sganasciare un bel po'.
Ovviamente cambiano sia i ritmi di vita e sia le priorità, infatti ho una gran voglia di una buona birra in compagnia dei miei amici e delle solite chiaccherate con loro o una bella partita a Coloni di Katan o una sfida a Wii. Forse sta sera (Venerdì) provo a corrompere mia moglie per farmi dare una buonuscita con gli amici.
Devo smettere di postare, per la vostra gioia, perchè sento il capitano Sofia che strilla e richiede la mia presenza, spero di riuscire a riprendere il prima possibile.
P.s. quella in foto è proprio lei.
Etichette: , , 3 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' domenica mattina di inizio primavera. Tardino. Sono a letto, sotto le coperte calde che ancora per qualche settimana pervaderanno il mio letto. Ore 10 circa diciamo. La luce che entra dalle fessure della finestra mi dice che è mattino inoltrato. Appena i miei sensi iniziano a svegliarsi sento anche un cinguettio. Là fuori da qualche parte, svegliatesi ben prima di me, ci sono innumerevoli passeri che cinguettano allegramente sugli alberi. Mi alzo, apro la finestra e davanti a me vedo una distesa di prati che iniziano a fiorire, alberi che si risvegliano e un profumo di erba fresca che inebria i sensi. E' la prima vera in Campagna che esplode in tutto il suo fragore.

E' domenica mattina di inizio primavera. Tardino. Sono a letto, comincio già ad avere caldo. Nel posto in cui sono, nonostante la primavera sia appena iniziata, fa già caldo. Mi accorgo che è tardi perchè suona la sveglia. Dalle finestre nessuna luce, il palazzo di fronte non le permette di entrare. Devo arieggiare la stanza. Apro la finestra. Nella strada sottostante passa uno degli innumerevoli autobus che scarica direttamente verso la mia finestra i suoi effluvi puzzoni. Trattengo il respiro. Richiudo la finestra. Fanculo a quella volta che ho dato ascolto ai miei amici : "In città ci sono più servizi, più comodità, più feste, più gente". Si son dimenticati di dirmi che in città ci sono anche più smog e più rumori. Ma non è colpa loro. Chi è sempre vissuto in città non li sente più i rumori. Non si accorge della qualità dell'aria che respira. Ci convive da sempre. Devo tornare in campagna....

Potrebbe essere l'inizio di un libro in effetti. Potrei iniziarlo così! :-) Chissà, magari un giorno mi ci metto d'impegno! Oppure magari qualche lettore mi ruba l'idea!! 

Voi siete più per la città o la campagna? Ditemi i vostri pensieri!

Etichette: , , 3 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Visto il post precedente che mi è piaciuto un sacco... ho trovato anche questo. poi smetto, giuro! 

0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

C'è da dire che sti giapponesi (o sono cinesi?)  se le inventano tutte. E gli riesce pure bene! Per tutti quelli che sognano un lcd veramente grande... eccolo qui! Unico inconveniente: qualche centinaio di persone da mantenere! Si perchè incredibile ma vero... Sono persone! 

Qualcosa di lontanamente simile si era visto alle ultime olimpiadi.  Ma qui sta sceneggiatura, indubbiamente con tutti i limiti imposti dal luogo, è davvero qualcosa di unico. Complimenti alla fantasia e all'organizzazione che senza dubbio è impeccabile! :-)

0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
"Qualcuno aveva tentato di entrare nella sua officina forzando la porta (4 volte nell'ultimo mese), per questo un meccanico, Bruno Campello 62 anni, ha deciso di dormire in camper di fronte all'immobile che si trova a Mogliano. In nottata ha sorpreso due ladri e ha fatto fuoco colpendone uno. Ora è indagato per lesioni gravi. [...]"

Questa è l'ultima vicenda in fatto di cronaca di questo genere. Sto pover'uomo era la quinta volta in un mese che arrivavano i ladri. Dopo il quarto tentativo ha ngiustamente "montato la guardia". Ed è riuscito nel suo intento. Ha sparato contro il pavimento, proprio per non ammazzare nessuno. Ma i pallini del fucile da caccia sono rimbalzati colpendo uno dei malviventi. 

Secondo me ha fatto bene. E' solo una mia opinione chiaramente, ma visto che aveva avvertito 4 volte i carabinieri dei furti precedenti e visto che a nulla era servito... che poteva fare? Lasciarsi derubare? In Italia funziona così. Devi lasciarti derubare, perchè se tenti la difesa con la pistola ad acqua è probabile che sia il ladro a spararti, e se invece spari te è la giustizia a blindarti. In questo caso ha sparato per spaventare, mirando al pavimento. Che altro poteva fare? Offrire un rinfresco di benvenuto ai ladri? 

Credo che chiunque di noi se di notte sente dei rumori in casa e capisce che c'è qualcuno reagirebbe d'istinto. E l'istinto non ti dice certo di dare una stretta di mano all'intruso. E non pensiamo che chiamare le forze dell'ordine serva a qualcosa. Nel tempo che arrivano il ladro se l'è già svignata. E poi te le vedi le forze speciali che ti circondano la casa per un ladro d'appartamento? Vorrei proprio vedere...

In America per esempio la giustizia fai da te è anche troppo diffusa. Mai che ci sia una giusta via di mezzo. Ma la cosa certa è che in Italia siamo decisamente messi male. Vedremo sto pover'uomo se sarà condannato. Spero vivamente di no, un po' di buon senso insomma!

Etichette: , , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
C'è una cosa che non mi va proprio di quest'epoca moderna. La gente che compra cose che fanno schifo solo perchè sono la moda o solo perchè sono belle da vedere. Oggi me la prendo con tutti quelli che si comprano i televisori Full hd in formato 16/9 e poi magari guardano i film scaricati da internet. No dico... ma perchè butti i soldi dalla finestra? 

Ad oggi le uniche trasmissioni in HD sono quelle di sky. Con le quali tra l'altro ci sono numerose diatribe in corso. Infatti risultano affetti da molti artefatti quali squadrettamenti, distruzione dell'immagine, macroblocchi, rallentamenti e scattosità varie.  Insomma... una Mxxda. I forum sono pieni di gente che si lamenta.

E poi ci sono le trasmissioni normali. Uno ogni tanto vorrebbe anche guardarsi un canale normale. Striscia la notizia o qualunque altra trasmissione che possono fare anche sul digitale terrestre. Che pero' è sempre in formato 4:3. E allora uno prende un televisore al plasma, 42 pollici Full HD formato 16:9 per poi vedere la televisione normale. Possono avvenire tre cose: 1- vedi tutti schiacciati e deformati. Costanzo è già ciccio di suo... che bisogno c'è di deformarlo ancora di più?  2- vedi due bande nere a lato, e allora ti sei comprato un 42 pollici per poi vedere la tv come un 28.  3- tagli l'immagine sotto e sopra. Cosi' ti perdi una buona fetta di trasmissione. Il fatto è che poi la gente si abitua a ste aberrazioni e non ci fa più caso. Ho assistito a scene di gente che si lamentava quando vedeva le persone normali in tv dicendo che sembravano filiformi. E invece erano talmente assuefatti dallo schifo di vedere tutti "cicci" che non riuscivano più a distinguere il buono dal marcio. 

Non c'è che dire, sti televisori moderni vanno bene solo  se hai un lettore blu ray e ti guardi i costosissimi film in blu-ray. Il problema è che ormai vendono solo televisori in sto cavolo di formato. E anche i pc subiscono lo stesso problema. Una volta ti prendevi uno schermo da 19 pollici e andavi benone. Adesso un 19 pollici non ci fai un tubo perchè è più stretto di un vecchio 15 pollici. E' più lungo d'accordo... ma quando devo vedere un'immagine verticale per esempio... sono rovinato!

Qui dettagli anche tecnici sulle trasmissioni sky HD.  Lo so che adesso prendero' mexxda da tutti i tecnologico-dipendenti. Ma non venitemi a parlare di qualità vi prego. Siamo ancora molto lontani.


Etichette: , , , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Allora... Io e la Sam ci siamo decisi a fare qualcosa. Si perchè una vita tra poltrona e lavoro sedentario, dove il peso massimo alzato è quello del telecomando non è certo una vita sana. E allora ci siamo messi d'accordo per trovarci ed andare a correre. Niente di che eh, chiariamoci. Per un pantofolaio nato come me dopo il primo km di corsa ero già finito. Pero' da qualche parte si deve pur iniziare no? Ieri sera quello qui sopra ero io, non Homer. 

Il divertente è che quando parli con gli amici di questa cosa avvengono due cose: 1- ti dicono che tanto non durerai. 2- Ognuno di loro ti da la propria ricetta per fare una corsa fatta bene.  "Devi correre senza mai fermarti e quando sei stanco saltella". " Devi correre e poi camminare". " Devi correre e fare anche ginnastica e percorsi vita".  E svariate altre.

Il bello è che la maggior parte delle volte sti consigli arrivano da gente che di corsa non ne ha mai fatta un minuto in vita sua. 

In ogni caso abbiamo cominciato, a modo nostro, un po' alla volta ma abbiamo iniziato. E adesso abbiamo tutta l'intenzione di continuare quanto è più possibile. Non so quanto resisteremo, ma certo non ho intenzione di mollare tanto in fretta. :-) 

Ho trovato un sacco di siti che parlano di corsa online. Talmente tanti che ho deciso di non mettere nessun link. Basta scrivere "running" su un motore di ricerca e si trova di tutto e di più. E tutti con consigli più o meno mirati. Dopo aver letto qualchje pagina ho chiuso tutto. Vado a correre e basta. credo che il giusto sia sempre nel buon senso. Non esagerare, correre il giusto e cercare di non sentirsi supereroi soilo perchè si corre da due giorni. Punto. 

Ah si. Poi bisogna associare una dieta, senno' col cavolo che perdo qualche chilo. Ne avevo già parlato tempo fa qui.

Fra qualche settimana vi aggiornerò sui risultati. Fate il tifo per noi!! 

Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ieri sera sono andato a trovare l'amico Yanopin, neopapà. Uno un bel giorno si sveglia e come d'incanto... scopre che è diventato grande. 

Conosco Yano da molti anni. Insieme ne abbiamo combinate un bel po'. Per alcuni momenti la nostra vita ha preso anche strade diverse, ma sostanzialmente siamo "diventati grandi" insieme. Diventati grandi per uno come lui è una parola grossa, per quello l'ho messa tra virgolette. Nottate passate insieme al parco o a gironzolare, pizze alle 2 di notte in una improbabile pizzeria dalle parti di carpenedo. Infinite partite a giochi di società e, manco a dirlo, a flipper. Poi ovviamente ognuno si costruisce una vita, ognuno di noi si è fidanzato, è cresciuto dentro e, purtroppo, fuori. 

La prima botta arrivo' quando mi disse il fatidico "guarda che mi sposo". azz... Vabbe' tutto sommato non cambia nulla. Ci si trovava comunque spesso per giocare e divertirsi. Erano finiti i tempi delle 4 di mattina, ma pazienza. Tanto più che nemmeno io ho più il fisico.

Ma la botta vera è arrivata ieri sera, quando è arrivato in cucina con un fagottino dicendoci... "vi presento mia figlia". Vedendo negli occhi come la guardava si capiva che ormai era diventato grande davvero.  Incredibile ma vero, il nostro caro Massi è diventato papà. Sul serio. Per davvero. E non c'è possibilità di recesso. 

Il nostro eterno bambinone è finalmente cresciuto un po'. E per giunta diventando papà di una bellissima bambina. 

Adesso tutti li a sprecarsi su frasi sceme del tipo: "ha gli occhi della mamma" o " ha il naso del papà"...  La realtà è che ogni genitore, ma anche ogni nonno o ogni zio, vede quello che vorrebbe poter vedere. Ma è così che funziona, altrimenti ci saremmo già estinti.

Tutto sto popo' di post perchè non mi bastava fargli solo gli auguri. Al mio migliore amico vorrei riuscire a fare un augurio speciale... ma non sono bravo con gli auguri ne con i regali. Adesso speriamo solo che la nuova arrivata faccia dormire, almeno un po', sia lui che sua moglie. Povera Silvia. Ma di bambino non te ne bastava uno? :-)

Un abbraccio forte forte. A tutti e Tre.

P.S. Ho aggiunto una casella a destra. E' la "spezia del giorno". Scriverò ogni tanto un pensiero. Il pensiero del momento, che magari è troppo breve per farci un post, ma che mi piacerebbe lo stesso comunicarvi. Buttateci un occhio...

 

6 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Ormai ci siamo. Domani è il gran giorno. Tempo fa vi avevo detto che volevo rinnovare il mio studio. Ebbene, dopo un mese di lavori... ci siamo!

Domani mattina apro con un bel buffet per tutti (fino a sera o fino ad esaurimento scorte) e presento la nuova collezione autunno inverno.... Ehm... espongo tutte le novità che si possono fare con le foto digitali al giorno d'oggi.  Vi garantisco che coordinare tutti i progetti e i lavori, scegliere cosa va dove va e come va di ogni singola cosa, scegliere e pensare scritte e colori nuovi, organizzare la campagna pubblicitaria ecc ecc non è stata una passeggiata di salute. Ma adesso finalmente ci siamo e devo dire che sono davvero contento del risultato.

In sostanza si puo' stampare su supporti nuovi che arredano e si possono inventare dei nuovi modi di vedere la fotografia. Se siete in zona vi consiglio vivamente di venire a trovarmi!! Questo è il sito dello studio dove ci sono anche le indicazioni di dove sono se non lo sapete! :-) 

Etichette: , , 4 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Il nuovo messenger richiede a tutti i costi di essere installato. Io lo odio per una serie infinita di motivi, primo fra tutti la mancanza delle cartelle condivise, strumento di lavoro più che utile. Ma ne avevo già parlato qui. Ma se io voglio tenermi la versoione vecchia perchè devono obbligarmi a quella nuova?

Se volete evitare l'aggiornamento obbligatorio c'è la scappatoia. Basta installare una patch francese, che non cambia la lingua del vostro messenger, ma risolve alla radice il problema.

La trovate qui. E poi ditemi che non sono utile!! 

Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

E' di questi giorni la notizia di una nave "clandestina" ufficialmente mai naufragata che pero'... è naufragata eccome!

Il problema è che sembrerebbe che questa sia una nave fatta affondare apposta per imboscare una quantità incredibile di rifiuti radioattivi, fanghi di lavorazione  e altro. Bene direi. E' dal 92 che sta lì. Probabilmente i pentiti si sono decisi a dirlo adesso perchè dopo tutti sti anni c'è davvero il rischio che il metallo dei fusti si sia corroso e che i materiali fuoriuescano. Una vera e propria bomba ad orologeria. 

Direi che la pena per chi fa questi reati dovrebbe essere quella di rinchiuderli con i bidoni radioattivi nel luogo di stoccaggio... per sempre. 

Il fatto è che sembrerebbe che non fosse manco l'unica nave fatta affondare per sbarazzarsi di sti rifiuti. Ma io mi domando... chi produce sti rifiuti come fa a giustificare di averli smaltiti se poi al centro di smaltimento non sono mai arrivati? Vogliamo controllare chi produce sto genere di rifiuti? E soprattutto... con che coraggio tornano a parlarci di centrali nucleari quando poi la gestione anche delle scorie avviene in questo modo? 

Adesso dicono che è URGENTE  recuperare quei bidoni. Ma se ci sono voliuti 4 anni (1460 giorni) per semplicemente svuotare una piscina in un ambiente pulito e all'asciutto (vedi il video sopra) secondo voi quanto potranno impiegarci per fare un tale recupero in mare con tutte le difficoltà del caso? Sempre sperando che non saltino fuori altre navi nel frattempo...

Si, lo so, non è detto che sti fusti arrivino dalle centrali nucleari. Ma sempre rifiuti di quel genere sono e quindi dovrebbero essere sottoposti ai medesimi trattamenti.  Andiamo bene...

omar Fardin
Oggi voglio trattare un tema un po' difficile. Molti parlano della pericolosità dei vaccini e in rete si trova di tutto e di più a sostegno di una o dell'altra tesi.

Ma a me ha colpito la storia dell'influenza suina.

Ne avevo già parlato qualche tempo fa. Adesso pero' stanno tornando alla carica, con l'avvicinarsi dell'inverno.

Il "problema" è che stanno contando di vaccinare il 40% della popolazione. Un discreto businness per le multinazionali del farmaco. E a me potrebbe anche fregare poco dei soldi che fanno loro. Se di mezzo non ci fosse la salute mia e dei miei cari.
Dovete sapere infatti che in america, dove si preparano ad una vaccinazione anche superiore come percentuale alla nostra, hanno cambiato la formulazione del vaccino proprio a seguito delle proteste della gente. Eh si, perchè lì la gente è informata di quello che si fa, mica come in Italia dove sembra esistere solo la bega politica di turno, come ho già detto.

Be' dicevo... hanno cambiato la formulazione del vaccino, togliendo un coadiuvante che si chiama "squalene". Nome in codice MF59. Perchè l'anno tolto? Perchè hanno ammesso che proprio bene non faceva. In teoria serve ad accellerare la reazione che ha l'organismo verso il vaccino. Ma in pratica ha un sacco di effetti collaterali che potete leggere qui. E vi consiglio vivamente di leggerli.

In Italia pero' potevamo non essere migliori? Ovviamente da noi verrà commercializzato con il coadiuvante. Evvai... Così possiamo scegliere se ammalarsi di influenza o di qualche altra malattia più o meno sconosciuta.

Come sempre per fortuna esiste la rete dove le notizie vengono riportate guardando alla stampa estera... perchè in Italia... eeeeh be'.

Insomma, se avete bambini (vero Yano) o se stavate pensando comunque di vaccinarvi.... Informatevi bene prima! 

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
La famiglia di Spezie Per La Mente si è allargata di un'unità, e che unità!! Ebbene sì, la cara Silvia questa mattina ha partorito una bella bambina. Sono "ultra felicissimo da morire", anche perchè io (spero :) ) sono il papà!! Sofia, questo è il nome della bellissima neonata, è nata alle 7 di questa mattina con un peso di 3 kili e 700 grammi.
Non so descrivervi l'emozione che ho avuto sia vederla nascere che la prima volta che l'ho presa in braccio, ma penso che se ne avete avuto uno anche voi, lo capirete al volo.
Un saluto a tutti, ci sentiremo presto.
Etichette: , , 6 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Un paio di Italiani vogliono provare la scalata alla montagna Goggle News con il sito ZicZac che è un progetto italianissimo che nasce grazie al lavoro di due ingegneri, che hanno i natali a Padova e Genova. Il primo, Michele Zelco, 32enne, è l'ingegnere elettronico veneto che ha creato l'algoritmo in grado di lanciarlo nel panorama delle novità assolute del web. Il secondo è Giulio Arduino di 37 anni, di Genova ed è un informatico con background di studi a Chicago.

Da qui parte la teoria «della partecipazione attiva» proprio perchè le segnalazioni di articoli arrivano personalmente dagli utenti, e sono gli stessi che ne classificano la rilevanza, la popolarità e la correttezza. Sono queste le caratteristiche principali del nuovo «aggregatore di news», che si ispira al sistema Google ma che in più, rispetto alla piattaforma americana, combina le informazioni degli utenti a quelle delle fonti ufficiali.
Democrazia, completezza, veridicità dell'informazione potrebbero essere le parole chiave per arrivare a risultati finora snobbati dal circuito ordinario. Ma è una formula che già si annuncia come successo: quattrocento gli articoli inseriti ogni giorno, un milione le pagine visitate in un mese.

Diciamo che il sito ZicZac è abbastanza semplice e intuitivo molto colorato, ma per me manca ancora qulche cosa in più se proprio si vuole scalare la montagna Google News.
A voi provarlo e darmi i vostri pareri.
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
La libertà di stampa è uno dei princìpi fondamentali di una repubblica. Dovrebbe essere un diritto fondamentale sempre, ma sappiamo tutti che non lo si puo' dare per scontato.

Spesso la libertà di stampa si confonde con la politica, perchè le restrizioni arrivano quasi sempre da lì. Ma non solo. Un esempio lampante è il fatto che non si parli mai dei problemi creati dalle grosse compagnie telefoniche. Gli inserzionisti pubblicitari di fatto fanno pressioni affinchè certe notiezie non passino. E questo è un fatto. 

Ma io non credo che in Italia manchi la libertà di stampa in senso generico. Secondo me c'è una stampa manipolata e in mano a pochi noti. E badate che non sto parlando di Berlusconi o del politico di turno. Il problema secondo me è ben più ampio. Sono settimane che i giornali tutti fanno operazione di "distrazione di massa" con la scusa dei caxxi di berlusconi. Io vorrei che i giornali mi dicessero cosa succede nel mondo e cosa succede in parlamento, che leggi stanno passando sotto silenzio con tutto sto can-can mediatico. Che mi frega a me di quello che scrive uno su l'avvenire e poi il_giornale che fa 9 pagine solo su questo o repubblica che fa le crociate anti questo o anti quello.... 9 pagine su il giornale, le ho contate!!

Repubblica ormai sul sito occupa colonne solo per questo, i giornali di sinistra pure, Libero non ne parliamo nemmeno. E sarebbe questa l'informazione libera italiana? Ricordo che sono tutti giornali pagati con finanziamenti pubblici, cioè con i NOSTRI soldi. Ci sono miriadi di notizie che uno deve andarle a trovare solo nei giornali esteri. Ogni settimana il parlamento Europeo per esempio si occupa di leggi e di provvedimenti che ci riguardano. E in italia di cosa si parla? Di quante donne si porta a letto il premier. Che potrebbe essere anche un dato interessante e pure rilevante, ma non puo' occupare per settimene o mesi le testate dei principali giornali e tg. Manco della morte del papa ne hanno parlato così a lungo! E soprattutto non è ammissibile che ogni notizia sia poi fonte di scaramucce interne riportate nei minimi dettagli occupando pagine e pagine di spazio.  Ci sono un sacco di notizie che passano inosservate perchè i giornali sono occupati a farsi la guerra personale. Ce n'è per la sinistra e per la destra, dai vari casi del premier al prosieguo del caso Unipol. Insomma a me sta troppo su quel posto la stampa tutta, soprattutto perchè si fanno i caxxi loro con i soldi anche miei... ecco. 

Vignetta di GavaVenezia. Grazie Marco!
0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Sono un fotografo. E ogni tanto nel mio blog non posso non parlare di argomenti fotografici. Ma non voglio essere noioso. Solo che prendo spunto dal lancio sul mercato di una nuova macchina fotografica per farvi riflettere un po'. 

Partiamo dal prodotto. Hanno lanciato, ovviamente con toni entusiastici, la nuova Canon Eos 7D. Buona macchina semi professionale. Non sto a scendere nei dettagli tecnici che potete, se vi interessa, trovare qui

Il motivo del mio post è che ogni volta che lanciano sul mercato una nuova macchina la lanciano come se fosse "LA" macchina. E ne ho viste fin troppe di macchine lanciate sul mercato con toni a dir poco entusiastici. Alcune volte anche con toni rivoluzionari. Con prove, con dichiarazioni da parte di fotografi affermati e non. Ogni volta leggevo su forum i commenti di chi l'aveva provata ed erano sempre entusiasti, pazzeschi. Al punto che uno ha il modello precedente comprato a volte meno di un anno prima e lo vorrebbe schiantare sul muro. salvo poi accorgersi che il modello nuovo è solo... leggermente rivisto e corretto.

E allora ormai ho imparato che non bisogna più crederci, perchè ogni volta puntualmente si è rivelato tanto, tantissimo fumo e poco o pochissimo arrosto.

Mi ricordo per quando hanno lanciato la macchina fotografica Sigma. Ero andato a Orvieto ad una convention di fotografia e l'avevano presentata come la rivoluzione del mondo digitale. Il nuovo sensore chiamato foveon. Ce l'avevano descritto nei dettagli, dicendoci e spiegandoci perchè doveva essere praticamente uguale alla pellicola e avrebbe dovuto surclassare qualsiasi sensore presente e futuro... pareva na presentazione herbalife. E poi invece come volevasi dimostrare... è stata una bolla di sapone.

Ma questo succedeva anche in tempi più antichi quando presentavano le nuove pellicole.
Sembrava una rivoluzione ogni volta. E poi invece era solo la vecchia pellicola leggermente migliorata. Per non parlare di quando hanno lanciato l'aps( qualcuno se lo ricorda?) non avete idea di quanto mi hanno spaccato i maroni dicendomi che ero un cretino a non crederci, che quella era la vera rivoluzione del futuro. Rivoluzione poi durata puntualmente il tempo di accorgersi che era una cagata pazzesca..


E' sempre stato così. E al giorno d'oggi con il digitale è ancora peggio. Le macchine digitali sono merce che scotta. Bisogna vendere, vendere , vendre e ancora vendere. E' l'imperativo. I costi di progettazione sono altissimi, i guadagni risicati, l'obsolescenza dietro l'angolo. Ogni espediente è buono per vendere.

Ora io non dico che questa macchina nello specifico non sia meglio delle altre. Sicuramente è un po' meglio di altre. Ma diffidate sempre dai toni troppo entusiastici. Fidatevi di chi c'è già passato. fidatevi più del buon senso. E soprattutto ricordate... una bella foto la fa il fotografo, non la macchina!


Etichette: , , , 1 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Si dice che lo Spritz esista da oltre cent'anni, si presume che la sua origine sia da collocare nel periodo austoungarico dagli stessi soldati austriaci, che trovando il vino Veneto troppo alcolico, rispetto al tenore cui erano avvezzi, lo allungavano con un goccio di selz o acqua frizzante. Il Suo nome deriva proprio dalla parola austriaca "spritzen", che significa "spruzzare".
Da buon Veneziano posso confermare che nelle vere "cicchetterie" il mitico spritz era fatto di semplice vino bianco e acqua frizzante. Solo col passare degli anni vi sono state apportate varie modifiche fino a renderlo un vero e proprio aperitivo.
La sua notorietà a livello nazionale è avvenuta tramite la pubblicità di una nota casa produttrice di bevande alcoliche che ad inizio 2008 ha avviato una campagna pubblicitaria inneggiante al consumo di Aperol Spritz. Infatti se oggi ordini uno spritz a Bari lo sanno fare anche loro, tuttavia l'originale rimane sempre a noi Veneti.

E adesso arriva pure la rivoluzione, firmata da Mon­telvini e Moletto (cantine vinicole nel Trevigiano): lo spritz sarà venduto in fusto e sarà così servito alla spina. Tutto questo solo per far prima, però così si rischia di cancellare il rito che personalizza l’aperi­tivo in ogni bar.
Per esser sicuri di non patire il furto dell’idea, hanno addirittura deciso di registrare il marchio con il nome di «SpritzOne».

Credo che i professionisti del marketing abbiano fatto un ottimo lavoro, permettendo allo Spritz di emergere in tutto il territorio Italiano, tuttavia sono del parere che le origini delle cose dovrebbero sempre essere mantenute.
Etichette: , , 3 commenti | |
Reazioni: