omar Fardin

Eccomi... No, non ero sparito. Sono qui in questo limbo che sta tra il Natale e il capodanno, a riprendermi dalla digestione forzate e a prepararmi per altre cene e banchetti.

Per chi mi segue assiduamente informo che ho finalmente acquistato il portatile nuovo. Ne avevo parlato qui. Alla fine il budget si era ulteriormente ristretto e ho capito che una caratteristica che mi interessava avere era una buona durata della batteria. E allora ecco QUI la mia scelta. Per la cronaca pagata più di 100 euro in meno. Dichiarano 8 ore di durata, ma la effettiva durata è di circa 5 ore che decisamente non è male. Scelta caduta alla fine su un i3 con scheda video Ati. Dopo un paio di giorni di lavoro devo dire che sono decisamente soddisfatto.
Chiusa parentesi dei fatti miei.

Ho messo un video che ho trovato divertente. Quello che fa l'attore sul trampolino è uno dei coinventori del trampolino elastico. Decisamente gli attori d'oggi non fanno cose così. Questo sembra quasi uno stuntman. Era il 1951. Buona visione.
Etichette: 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Tanti Auguri piccolo mondo di Blog-Lettori!
Un abbraccio lungo e largo quanto il giro che farà Babbo Natale in questa notte!
Non sto qui a invocare la pace nel mondo e più soldi per tutti. Tanto non serve a nulla.
Ma spero che ognuno di noi, nel suo piccolo, per queste feste e per il prossimo anno si sforzi di essere un po' più gentile e disponibile verso gli altri, anche verso chi non si conosce. Un piccolo sforzo che cambierebbe davvero il mondo che ci circonda.
Buone Feste blog!

P.s. E non abbuffatevi troppo su!!
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Oggi mi va di fare un po' di chiacchiere da bar. Manca poco a natale. Il Santo Natale. Festa che ha rimpiazzato molti lustri fa la festa del Sol invictus dei pagani.
Sono quasi nauseato dall'aspetto commerciale del Natale. C'è una frenesia incredibile. Chi come me lavora in un negozio si rende conto che la gente in questo periodo dell'anno impazzisce.
La corsa al regalo dell'ultimo secondo non è un modo di dire. E' una corsa vera. Ho visto gente in un centro commerciale prendersi a male parole per la contesa dell'ultimo panettone rimasto. Vedo gente in negozio sempre più nervosa, sempre più agitata perché devono comprare regali a tutti, bambini, nonni, e altri. Poveri nonni. Usati tutto l'anno come baby sitter o come parcheggio per i pargoli poi a Natale bisognerà pur ricordarsi di dargli un pensierino no?
E via a comprare le cose più immonde. Quest'anno poi molti soldi e qualche stipendio se ne sono andati in televisori nuovi o in decoder. Quindi conti ancora più stretti...

E poi c'è il capitolo religioso della cosa. La notte del 24 alla messa di mezzanotte le chiese straripano di fedeli o presunti tali. Siamo il paese simbolo dell'ipocrisia. Se ci credi dovresti andarci tutto l'anno, mica solo a Natale. Se non ci credi che senso ha andarci a Natale? E invece è pieno di gente che dice frasi idiote del tipo "è ma... almeno a Natale ci si deve andare". Secondo me sei più coerente se non ci vai. E forse sei anche un tantino più onesto con te stesso no? E' come quelli ai quali non piace il calcio ma i mondiali li guardano. Perché sono i mondiali. Ma i mondiali di nuoto o di pallavolo manco sanno che esistono e durante l'anno una partita non la guardano manco per sbaglio. Figli della società manipolata dalle televisioni.
Ok, mi sono alzato con una brutta giornata. E allora la finisco qui. Qualche pensiero in libertà l'ho detto ed un po' mi son sfogato.
Alla prossima.
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Oggi torno a parlarvi di telefoni dual sim. Dell'Ngm Soap per la precisione. Azienda che si sta affermando sul mercato con una serie di telefoni dual sim che nulla hanno a che vedere con le cineserie vendute su internet o nelle fiere.
Qualche giorno fa la mia dolce metà ha preso il telefonino full touch screen "Soap" vista anche la mia esperienza positiva con il modello Enjoy. E ovviamente ne ho approfittato un po' per smanettare e capire come funziona. E devo dire che è stata un'altra piacevole sorpresa.
Partiamo anche stavolta dal costo. 129 euro per un telefono full touch decisamente sensibile ed immediato.
Come il solito non sta a me elencarvi le caratteristiche tecniche che peraltro potete trovare nel sito ufficiale.
Invece voglio porre l'attenzione su alcuni dettagli simpatici e diversi dal solito. Almeno in questa fascia di prezzo.
La dotazione software è decisamente ampia. Oltre al sistema di scrittura T9, c'è anche in questo telefono l'Area Privè, che avevo descritto nel post del telefono Enjoy e un'altra funzione che ho trovato interessante, la possibilità di blocco dei numeri anonimi e dei numeri non in rubrica, comodo per chi ha la fissa della privacy.

C'è da dire che l'interfaccia grafica è decisamente simpatica è immediata. Un sacco di widget inseribili e disinseribili a piacimento dal "desktop" la rende totalmente personalizzabile. Insomma... decisamente interessante e piacevole.

La ricezione di entrambe le sim è ottima, il vivavoce funziona molto bene, la fotocamera da 3,2 mega non è male, anche se è decisamente migliorabile in condizioni di scarsa luminosità.
Vi ricordo che stiamo parlando di un telefono che fa di tutto con un costo di soli 129 euro. Tra l'altro è già predisposto per twitter, msn, facebook, googleTalk e molto altro.

Non voglio ripetermi. Molte funzioni come la radio e la mail sono uguali a quelle che avevo già descritto per l'NGM Enjoy.

Un'altra funzione che ho trovato simpatica è la possibilità di inserire dei rumori di sottofondo in una telefonata. In pratica se volete far credere al vostro interlocutore di essere in un ristorante basterà selezionare l'apposita voce e l'effetto sarà quantomai realistico. Se abbinato alle funzioni privè anche questo telefono sembra fatto apposta per chi ha l'amante!!

Insomma... decisamente interessante. Tra l'altro con la dotazione standard ti danno oltre alle cuffie stereo auricolari anche 5 cover di vari colori per personalizzare al massimo il vostro telefono!
Se avete qualche domanda come sempre sono a vostra disposizione!
Etichette: , , 25 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Quando tutto il mondo ti da la caccia è inevitabile che ti prendano. Quando lo fanno per davvero intendo. (Ogni riferimento è puramente casuale n.d.b.)
Del suo sito avevo parlato in tempi non sospetti. E già gli davano la caccia.
Adesso l'hanno arrestato. Ma secondo alcuni è stato lui a "consegnarsi" alla polizia.
Fattostà che iultimamente non se l'è vista molto bene.
Ultimamente wikileaks era senza neppure nome di dominio (ultimamente il nome del sito è http://213.251.145.96/ ma chissà se e per quanto resterà questo), coi server spenti in mezzo mondo, l'account Paypal chiuso, il conto svizzero chiuso (Sempre che ne avesse uno solo), le polizie intercontinentali a caccia, accuse farlocche di stupro. Insomma gli hanno messo i bastoni fra le ruote in ogni modo possibile.

Ma Assange diceva che il suo sito era a prova di attacco, a prova di tutto. E ha dichiarato che 100.000 copie dei documenti erano già state inviate sottoforma crittata ad altrettante persone. In caso di blocco totale sarebbero partite le password verso tutte queste persone e i documenti a quel punto sarebbero diventati di pubblico dominio comunque.
Ho usato il condizionale perchè in questo caso è tutto così ombroso che non si può capire fin dove si spingeranno quelli di wikileaks (certo non è solo Assange a portare avanti la baracca no?) e fin dove si spingeranno quelli che invece vorrebbero mettere a tacere i presunti documenti compromettenti.

Io credo che i documenti scottino. Altrimenti non si spiegherebbe un tale spiegamento di mezzi e forze per fermarli. E credo che Assange non se la passerà molto bene. Probabilmente lo interrogheranno in maniera molto persuasiva... E chissà.
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Da cui imparare. Con una fotografia spettacolare. Inquadrature mozzafiato. Luce e contrasto di colori entusiasmanti. Da vedere a 1080p.
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Questo non è un video. E' una sequenza di belle immagini. E' diversa la cosa.
Io non sono un appassionato di video. Ma di Fotografia si. E' la mia vita. E questo è un video pubblicitario che ha una qualità di immagine fotografica decisamente superiore alla media. Nei video si parla di Fotografia per intendere l'armonia delle luci e delle inquadrature soprattutto.
E qui c'è un ottima scelta delle inquadrature e armonia tecnica e buon gusto nello sfruttare la luce che rende il video decisamente coinvolgente. Se avete la possibilità di guardarlo in HD non esitate a farlo.

Insomma... se capite un po' di fotografia non potrete che apprezzarlo.
Qui il sito da cui è tratto.

Etichette: 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Già... ho scritto vivere biologico e non comprare biologico. Non è esattamente lo stesso. A comprare biologico son capaci tutti. Ammesso che siamo sicuri che tutto quello che viene marchiato come "bio" poi lo sia davvero. Ma vivere biologico be'... è un'altra storia.

Come si fa a vivere senza danneggiare l'ambiente e quindi noi stessi? Be'... innnanzitutto una precisazione. A meno che non decidiamo di tornare indietro di almeno un centinaio d'anni credo sia impossibile vivere a impatto zero per l'ambiente. Pero' possiamo limitare i danni. E di molto anche.

Vediamo in sti giorni i mucchi di immondizia del sud Italia e inorridiamo. Ma se andate ad analizzarli quei mucchi di immondizia ci trovate una prima spiegazione. C'è di tutto lì in mezzo. La raccolta differenziata non sanno nemmeno cosa sia e aspettano sempre che siano gli altri a farla.
Ecco allora che un primo passo potrebbe essere questo. Fare tutti e bene la raccolta differenziata. quanto più possibile.

E poi? E poi cercare di consumare meno prodotti dannosi per l'ambiente e per noi stessi. C'è gente che lava casa e bagno tutti i giorni con abbondanti dosi di candeggina. La candeggina ha l'innegabile proprietà di essere un potente disinfettante. Ma poi arriva tramite gli scarichi agli impianti fognari, dove distrugge anche i batteri che servono a disgregare i rifiuti biologici.
C'è gente che si lava usando quantità spropositate di bagnoschiuma, shampoo e quant'altro. Tutta roba che va negli scarichi, nelle falde e in ultima torna sempre a noi. Insomma... Bisogna che cerchiamo di essere un po' più coscienziosi. Nessuno puo' cambiare il mondo. Ma se tutti facessero qualcosa... si starebbe molto meglio.

Per cominciare forse non lo sapete, ma ormai in molte città si trovano in vendita i detersivi sfusi. E' un ottimo sistema per risparmiare almeno la plastica di milioni di flaconi buttati ogni giorno. A mestre per esempio li ho trovati facilmente. E devo dire che funzionano proprio bene. Allo stesso modo si puo' risparmiare di buttare cartoni e tetrapack comprando il latte sfuso. E' buonissimo e costa meno.

Ho trovato anche un sito interessante per chi vuole cimentarsi a fare il piccolo chimico. Ti insegnano come farsi in casa i detersivi con pochi e semplici mezzi. Non male come idea. Appena ho un po' di tempo magari provo!!

P.s. non sono molto presente in sti giorni, ma purtroppo il mio lavoro sta lasciandomi poco tempo... non disperate... non sparirò!
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' arrivata la banda larga. Ma larga eh.
Dal prossimo gennaio il VEGA (che compra banda larga da Fastweb) metterà a disposizione delle imprese insediate 300 mb di banda oltre ad una importante copertura wifi.
Vega per chi non lo sapesse è il "parco scientifico-tecnologico di Venezia". In pratica una serie di uffici e di locali che nelle intenzioni dovrebbero ospitare aziende che hanno a che fare con l'information Technology.

"Da Gennaio infatti il Vega Park di Venezia si doterà di ben 300 Mb di banda (oltre a 170 hot spot wifi) dedicata alle imprese digitali che possono presentare dei progetti innovativi che usufruiranno di cotanta connettività."

Lo spot per il lancio di questa novità è appunto "cosa fareste con 300 Mb di banda larga?" e hanno organizzato un convegno per domani mattina venerdì 26 novembre 2010, con inizio alle ore 9.30, al VEGA.

Non entro nei dettagli tecnici. Li lascio a chi è più competente di me. Ma un amico un dubbio me l'ha messo. Se fosse che i 300 mb fossero in condivisione sarebbe una fregatura perchè se ci sono 100 aziende attaccate sono 3 mega a testa... come l'adsl normale. Ma sicuramente non sarà così.... vero?

Grazie a Sgio65 per la foto del Vega.
Etichette: , , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


Il 24.11.10 gli alieni si riveleranno a tutta l'umanità. Domani. Di nuovo. Ancora una volta torna il messaggio "derivato da attenti calcoli matematici" che dice che il tal giorno gli alieni si metteranno in contatto con l'umanità. Eeeeh be'...
Nel 2008 ne avevo parlato per un caso analogo. Ormai è la storia di Pierino che grida "al lupo". La volta che poi verranno davvero, se mai succederà... non ci crederà più nessuno. Ma mai disperare! Vedremo domani! Siete Pronti al contatto?

Se volete potete unirvi all'osservazione collettiva, leggendo qui.

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
L'ho già detto un sacco di volte. Il mondo della scuola mi sta a cuore. Uno perchè l'ho vissuta da poco in prima persona. Due perchè sono fermamente convinto che la scuola sia una componente importante per lo sviluppo di un paese. Solo se c'è istruzione c'è progresso. Punto.

E il governo che fa? Piange, dicendo che non ci sono soldi per la scuola (oltre che per un sacco di altre cose), che bisogna tagliare e risparmiare e contemporaneamente aumenta gli stanziamenti per la scuola privata. Eccellente.
E chi ci guadagna? Solo e sempre il nostro amico Vaticano. Si perchè buona parte delle scuole private in Italia appartiene a loro. Chiudono ospedali, atenei e spariscono borse di studio, sovvenzioni, contributi. Ma i fondi alla scuola privata non solo non si toccano, ma anzi... aumentano pure rispetto allo scorso anno... Lo stato più ricco del mondo, il Vaticano, in un modo o nell’altro, riesce sempre a guadagnarci.

Come? non potete permettervi di mandare i vostri figli in una scuola che costa migliaia di euro all'anno solo di iscrizione? Affari vostri....
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Volevo segnalarvi che La Stampa ha messo online il suo intero archivio storico. Ha cioè scansionato e messo online gratuitamente tutte le copie di tutti i quotidiani usciti dal 1867 ad oggi. Tratto dal sito:

[...] "L’ Archivio Storico La Stampa contiene la copia digitale dell’intera collezione di tutte le edizioni del quotidiano, dal primo numero del 9 febbraio 1867, quando si chiamava Gazzetta Piemontese fino al 2005. Tutte le pagine pubblicate durante questi 138 anni sono disponibili in formato immagine e testo digitale, così come i principali articoli (oltre 12 milioni) con la possibilità di cercare ed evidenziare tutte le parole che contengono."

Un lavoro titanico e decisamente interessante. Ho provato a fare qualche ricerca. Oltre ai vari nomi politici del passato (scrivete Mussolini o Hitler per esempio) è interessante anche scrivere anche altro.
Ricercando Idrogeno per esempio si trova un articolo del '58 in cui si afferma senza ombra di dubbio che "L'energia che sarà prodotta dalla fusione H costerà pochissimo, l'energia che si potrà ottenere da 23 litri di acqua marina avrà la stessa forza che oggi si ottiene da 10 tonnellate di carbone".
Eccellente.

Ho poi fatto una ricerca per la mia passione, scrivendo "Flipper" e sono usciti un sacco di articoli interessanti sui videogames in Italia, da quando i Flipper sono arrivati da noi e da tutte le polemiche che scatenarono... ma non voglio dilungarmi.

Vi do' qualche suggerimento. Cercate: Telefonino, Aspirina, Pane....

Fate qualche ricerca. E' interessante. E se trovate qualcosa di carino fatemelo sapere.
Vi consiglio di leggere direttamente dalla scansione del giornale, in quanto la ricostruzione Ocr soprattutto per le edizioni più vecchie ha qualche lacuna.
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Entrerà in vigore il 17 novembre 2010 il regolamento che istituisce il registro pubblico delle opposizioni, che accoglierà tutti gli abbonati telefonici che non desiderano essere contattati telefonicamente per fini commerciali o promozionali: gli abbonati potranno chiedere, gratuitamente e secondo modalità semplificate, che il proprio numero telefonico sia iscritto nel registro.

Siamo in Italia dove le cose funzionano al contrario. In teoria si dovrebbe fare una legge in cui si vieta di fare telefonate indesiderate. Nessuna famiglia può essere disturbata se non ha dato il consenso a ricevere chiamate. Invece si fa una legge che istituisce un registro dove gli utenti dovranno iscriversi (e non si sa ancora come nonostante manchi solo qualche giorno, anche se si parla di un numero verde da chiamare) se non vorranno ricevere telefonate pubblicitarie.

Al momento dell'iscrizione a sto fantomatico registro dovremo comunicare nome, cognome, codice fiscale e il numero di telefono che vogliamo preservare dalle chiamate promozionali. Da quel momento - almeno in teoria - saremo al riparo da pubblicità indesiderata. Ma nel regolamento c'è il trucco. E te pareva?All'articolo 2 infatti chiarisce che il registro protegge le persone presenti nell'elenco del telefono. Solo in quello capite? I call center potranno ancora raggiungere i numeri che abbiano ricavato (in modo lecito) da elenchi di altro tipo. Magari anche da elenchi creati ad uso interno da loro stessi.

Ha dell'incredibile tutto questo. Invece che tutelare gli utenti si continuano a fare gli interessi dei soliti noti.

Ovviamente chi ha istituito il registro dice che è un vantaggio per la riservatezza degli utenti ma anche uno stimolo per la competitività delle imprese, che potranno utilizzare con maggiore efficacia gli strumenti del telemarketing, indirizzando le proprie campagne solo a quanti non si avvarranno del "diritto di opporsi".

Siamo in Italia. Benvenuti!
Etichette: 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Consumi si. O pensavate che facebook consumasse solo l'energia necessaria per il vostro computer?
Un anno fa scrivevo che il più grande social network del mondo consumava un milione di dollari al mese in energia elettrica. Oggi saranno anche ben aumentati questi costi.
L'interconnessione di tutti i vostri amici, la possibilità di cliccare mi piace o non mi piace richiede un sacco di spazio in server che consumano energia elettrica, che riscaldano ambienti che vanno raffreddati consumando energia elettrica. Senza parlare dei costi di costruzione e di mantenimento di questi luoghi.

Insomma un bel problema. Non tanto per le casse di facebook che a quanto sembra tirano su un bel po' di soldi dalla pubblicità (anche se io qualche dubbio sulla copertura dei costi continuo ad averlo) , ma è un bel problema anche in termini ambientali.

Fa riflettere su questo punto la dichiarazione ufficiale di facebook che lo scorso gennaio ha annunciato che le sue nuove centrali dati in Oregon, ovvero le fabbriche che creano i collegamenti di cui parlavo prima saranno alimentate da un giacimento di carbone nello Stato dell’Idaho. Non c'è male.
Facebook, l'icona tecnologica del 2010 ....va a carbone.
E ovviamente lo stesso problema riguarda anche twitter, o tutte le realtà che spopolano in rete, ma Facebook è il più grosso, e l'unico che ha dichiarato da dove prende la sua energia.

Ma una potenza come Facebook non potrebbe pensare anche di ricavare l'energia che gli serve da fonti rinnovabili? In fin dei conti i server potrebbero essere messi in zone dove c'è abbondanza di sole o di vento ed essere alimentati, almeno in larga parte, da queste fonti. Ma ovviamente torniamo sempre lì... I costi. E' decisamente più economico attaccarsi alla rete elettrica e non farsi troppe domande.
Greenpeace qualche mese fa ha lanciato una campagna per invitare Facebook a rimediare...
La cosa è andata discretamente raccogliendo l'adesione di più di 500mila persone, e ora il direttore esecutivo di Greenpeace International Kumi Naidoo ha inviato una lettera aperta a Mark Zuckerberg chiedendo un cambio radicale nelle politiche energetiche della corporation.

Ce la faranno i nostri eroi?
Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Appaiono sempre più spesso nei banner pubblicitari su youtube. Appaiono anche negli annunci AdSense di google nei vari siti anche famosi. Ed è tutta fuffa. Ovvio.

Nonostante anche da più parti si mettano periodicamente in guardia le persone dal non farsi abbindolare da proposte miracolose di guadagno on-line, è un dato di fatto che Internet brulichi di siti che offrono promesse di questo tipo decisamente sospette, o almeno poco chiare.
Non metto link a questi siti per non fargli pubblicità gratuita, ma basta un ricerca su google per rendersi conto di questo. Scrivete cash online o cash generation e ve ne renderete conto.

Il funzionamento di quasi tutti sti siti è molto semplice: Ti invitano a fare delle giocate su vari casino' online con un metodo che loro dicono essere infallibile e che ti consentirebbe di guadagnare un sacco di soldi facilmente e senza investimenti. In realtà questi siti non fanno altro che convogliare traffico sui siti di gioco d’azzardo, con i quali sono affiliati e dai quali ricevono una commissione per ogni persona che ci va a giocare.

Inutile dire che i “metodi” consigliati da questi siti non hanno nessuna valenza matematica o scientifica. Leggo su uno dei tanti siti, che peraltro sono spesso fotocopie l'uno dell'altro: [...] "abbiamo trovato il modo di migliorare la tua fortuna attraverso la matematica. Anche se non sei un esperto di roulette, non avrai alcuna difficoltà nell'applicare il nostro metodo." [...] Di matematico e scientifico ci sono solo gli accessi generati ai vari casinò online.
Insomma, non fatevi infinocchiare. Per vincere al casinò, online o reale, ci voule solo il buon caro vecchio cu...!
Etichette: 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


Purtroppo in sti giorni ho poco tempo. Natale si avvicina e per noi negozianti è decisamente un periodo bello pieno...
Vi propongo questo filmato. Riprese effettuate in Brasile, qualche giorno fa. Decisamente impressionante. Sembra una costruzione di lego che cade...

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


La storia dei videogame in un rap-video americano, dall'atari alla wii. Be'... è ovviamente un riassunto un po' striminzito, ma l'ho trovato simpatico. Chi come me è cresciuto insieme a ste cose... saprà apprezzarlo!
Come ho trovato simpatica questa immagine di un cimitero. Sempre americano, ci mancherebbe. Oppure è un abile manipolazione photoshoppesca? mumble mumble... Chi se ne frega. In ogni caso in effetti un cimitero dove riposi pacman... non può che essere così!

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Mi sono imbattutto inrete in questo sito: per i poco pratici dell'inglese vi dico io di cosa si parla.
Ci sono persone che credono seriamente che la Terra sia al centro dell'universo e che Galileo avesse torto.
E' interessante per quanto strambo il loro punto di vista.

Tratto dal sito:
"I dati scientifici a nostra disposizione negli ultimi 100 anni e che non erano disponibili durante il confronto di Galileo con la chiesa dimostrano che la posizione di quest'ultima sulla immobilità della Terra è non solo scientificamente sostenibile, ma è il modello più stabile e quello che meglio da una risposta a tutto ciò che osserviamo nel cosmo."
Se lo dicono loro...
Sostengono che il dibattito tra Galileo e la chiesa era molto più che una semplice divergenza di opinioni. E hanno sul loro sito la risposta ad ogni vostra domanda.

"Apri la mente e permetti agli autori dei libri di mostrarti fatti e cifre che sono stati nascosti al pubblico per molto molto tempo"
Già... la vendita di libri non poteva mancare no?

No dico... ce n'è di gente che ha tempo da perdere....
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Bene. Ho valutato il problema ed ho deciso di fare un post sull'argomento.
Ho trovato un interessante resoconto di Hardware upgrade.
In pratica il galaxy S ha un problema di ritardo nell'apertura della applicazioni e l'apparizione di schermate nere. Più che fastidioso per un telefono che costa più di 500 euro. E certo la spiegazione generica che da Samsung non è che mi convinca molto. E' incredibile come le aziende riescano sempre a minimizzare i problemi. Qualcuno dovrebbe dirglielo: "Caxxo ho speso una fortuna per un aggeggio che funziona di merda!!!" Fortunatamente la soluzione non ufficiale, creata cioè dagli sviluppatori di tutto il mondo, è già disponibile. Potenza del sistema operativo Android di cui è dotato sto telefono e che viene sviluppato dagli smanettoni di tutto il mondo. C'è da dire però che fondamentalmente non impedisce l'uso del telefono come invece avviene nel iphone 4.

Un paio di settimane fa è venuto in studio da me un rappresentante di una compagnia elettrica. Nulla di nuovo, passano tutti i giorni. Ha visto il mio imac e mi ha chiesto come mi trovavo. E lui mi ha mostrato il suo iphone 4 dicendomi che è un telefono stupendo ma.... che ogni volta che è al telefono cade la linea. Che gli tocca richiamare tutti i clienti più volte. E che alle sue proteste al centro apple come tutta risposta gli è stata regalata la famosa cover. Bella soluzione... davvero.

In ogni caso trovo assurdo che queste aziende immettano nel mercato prodotti che costano quasi uno stipendio e poi si scopre che hanno problemi. Siano cadute di linea o semplici rallentamenti non posso tollerare che spendo una cifra esagerata e poi son li a smadonnare per far andare l'apparecchio.
Evidentemente purtroppo le aziende hanno fretta di lanciare sempre nuovi prodotti e non stanno lì a perdere troppo tempo con test di tutti i generi. E anche se sanno di alcuni problemi poi preferiscono intanto lanciare sul mercato il prodotto e poi casomai rilasciare il nuovo software, o gli aggiornamenti o .... una cover. Ci vorrebbe un po' più di serietà... Ma non è di questi tempi. Oggi è tutto basato sulla frenesia e sulla corsa al nuovo prodotto sperando sempre di sbaragliare la concorrenza. Fregandosene del resto. Con buona pace dei clienti.
Io per ora ho il mio Ngm enjoy. E con meno di 130 euro sono un uomo felice! :-)
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ultimamente la trasmissione Le Iene si è occupata del mondo degli emo. Questo sconosciuto aggiungerei. ragazzi un po' strani che si radunano a feste chiamate durex-party.
Io ci son rimasto un po' di sasso. Non tanto per quello che fanno, ma per quello che sono. ok, anche per quello che fanno, ma un po' meno.

La prima cosa che mi lascia un po' così è che si parla di ragazzini di 13-17 anni che fanno sesso con chiunque senza tanti problemi e senza alcuna protezione. Ma dico... io non voglio fare il moralista. Anche io a 15-16 anni ne ho combinate. Ma non andavo nei locali a farmi pagare e a ricambiare offrendo il mio corpo.
La seconda cosa che mi lascia un po' così infatti è proprio che spesso in mezzo ci sono degli adulti. Che approfittano di queste feste per soddisfare i propri desideri.

I "ragazzi moderni" non hanno idee, non credono in niente, fanno sesso a casaccio e non protetto, si drogano, bevono, non fanno i compiti, non salutano e non dicono grazie, prego, per favore. Ti dirò che novità. 30 anni fa era lo stesso. I ragazzini son ragazzini, punto. E infatti non è questo che mi preoccupa. Ma delle differenze comunicative che ci sono rispetto a una volta non si può non tener conto.

Anche quando io avevo 17 anni c'erano nei locali dei pr più grandi che ci provavano e si vociferava di festini a base di droghe e sesso a casa di questi. Probabilmente quindi ste cose ci sono sempre state. Ma noi eravamo ragazzini normali, come dire... insospettabili. Quello che mi lascia un po' strano qui è che questi qui, cosiddetti Emo, sono un po' strani. Li vedi che son "su un altro pianeta". Vestono in maniera strana, si pettinano in maniera ancora più stramba e non di rado si truccano, anche se sono maschi. Voglio dire... I loro genitori dove diavolo sono? Nel video (potete cliccare sull'immagine sopra per vederlo) c'è un ragazzino che dice che non sapeva dove andare a dormire. Ma che cavolo... Io credo che se avessi un figlio che sta sempre sulle sue, che si pettina in modo stramboide, che magari si trucca, e che sta fuori la notte non so con chi... un minimo indagherei no? Anch'io stavo spesso fuori a dormire. Ma mia madre sapeva dove ero. E spesso si accertava che fosse vero.

Le differenze comunicative rispetto a una volta. 15 anni fa non c'erano i cellulari e nemmeno internet. Forse era più difficile organizzare feste come quelle che si fanno ora, radunando gli stramboidi di tutta Italia. Forse a 13 anni nemmeno ci si pensava a certe cose. Di certo non andavo a feste in giro per l'Italia a 13 anni. Ma i tempi son cambiati. Oggi con un clic organizzi, ti incontri, ti omologhi a questo o a quel gruppo. Tutto facile e a portata di schermo. Avere un figlio oggi comporta responsabilità sempre più grandi. Mica facile!
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ho trovato una lettera scritta da un ex dipendente dell'apple store di Grugliasco, provincia di Torino. E ho scoperto che anche la Apple quando deve insegnare ai propri dipendenti come vendere i propri prodotti usa la tecnica "all'americana", ovvero gasare al massimo i propri dipendenti che si dimostrano di mente molto debole.

Sempre più spesso le grosse aziende usano queste tecniche. Il tipo in questione è stato mandato a fare un training di una settimana prima dell'inaugurazione del nuovo centro apple (quello della foto) presso il quale era stato assunto, peraltro per un periodo di prova di sei mesi, e lo descrive:

"[...] All'improvviso le porte si aprono ed entriamo tra due file di persone che ci accolgono applaudendo e urlando, battendo il cinque a tutti, man mano che si entra. Saranno i nostri insegnanti, mentor e futuri manager dello Store.

Dopo le presentazioni di tutti i membri dello staff e dei manager - il tutto intervallato da continui applausi, urla, e incitamenti - finalmente si dà il via.

Poi arriva il training vero e proprio: ogni giorno ci fanno vedere dei video, interpretati da attori vestiti da lavoratori Apple che mostrano com'è bello lavorare per la casa di Cupertino. In altri video ci sono dei finti clienti che esprimono la loro felicità.

Arriviamo all'ultimo giorno della formazione e sui prodotti Apple non sappiamo niente di più di quello che sapevamo quando siamo entrati. Però c'è una specie di recita finale, da performare sul palco.

Il giorno dell'inaugurazione è piuttosto adrenalinico: siamo tutti a mille, e veniamo "motivati" per un'ultima volta. Con la gente fuori dalla porta veniamo incitati a fare cori da stadio, urlare ed applaudire continuamente, insomma una cosa un po' hollywoodiana. [...]"

Io ho assistito qualche volta a questi "indottrinamenti". Sono veramente ridicoli. Ridicoli perchè riescono a farti fare delle cose che non faresti mai da solo e che se ti vedessi dall'esterno ti rivedresti come estremamente imbecille. A volte vengono usate le stesse tecniche per convincerti a fare il venditore di questo o di quel prodotto. Eppure quando sei lì e tutti fanno gli stupidi e si gasano come degli invasati per un prodotto più o meno valido... Ho avuto anche delle discussioni con amici che mi davano dello stupido perchè non sapevo cogliere l'occasione che mi si presentava. Salvo poi a distanza di tempo capire che forse tanto stupido non ero.

Ma la dignità di questi ragazzi che cercano un lavoro dov'è? Viene messa da parte solo perché sono convinti di aver trovato un bel posto? Come si può accettare di essere obbligati a fare tali ignobili teatrini, applausi, strilli, ovazioni, girotondi, finti sorrisi di approvazione, finti occhi lucidi di finto entusiasmo, frasi cretine da spot pubblicitario ripetute mille volte a pappagallo, tutto per rendere il prodotto un mito divino, senza vergognarsene neanche un pochino, senza capire che si sta subendo un lavaggio del cervello? Come si può accettare?? E non venitemi a dire che è normale. Per favore.

Leggetevi la lettera integrale. Ne val la pena. E il bello sono anche i commenti. C'è chi si ostina a non perdere occasione per osannare i prodotti apple. Come se centrasse qualcosa con il tema della lettera. Parlare di Apple è sempre più come parlare di una religione. Guai a chi la tocca, pena la dannazione eterna!

Poi per carità, non metto in dubbio che un dipendente messo alla porta possa in qualche modo calcare la mano a proprio favore. Ma non sta a me giudicare termini e metodi. A me ha lasciato sconvolto il metodo di indottrinamento più che il resto....

Etichette: , 3 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Vi ricordate che tempo addietro avevo scritto in un post delle future nuove ricerche sul web del "real time", cioè notizie trovate all'interno dei social network?? Per rimembrare clicca qui.
Citavo del "signor" Google che aveva firmato contratti con i più svariati social network del momento, ora è arrivato il momento per lui di cavalcare l'onda! Ha creato il suo nuovo motore di ricerca in real time (www.google.it/realtime).
La sua caratteristica principale è che trova i risultati delle ricerche su un ampia gamma di importanti social network. Per il momento non è ancora potentissimo e i risultati arrivano quasi tutti da Facebook e Twitter, ma conoscendo Google non ci metterà molto tempo ad aumentare le sue risorse!

Parlando ancora di Google, posso dirvi che è arrivata una novità dalla concorrenza. Alzi la mano chi non ha mai usato il mitico (e "querelato") Google Street View per orientarsi, per curiosare o anche solo per gioco!? Sappiate che da oggi potrai scegliere tra Google e Bing.com. Microsoft, infatti, ha deciso di potenziare alla grande le sue mappe, dando vita ad un'alternativa davvero valida al solito Street View. Il nuovo gioiellino si chiama StreetSide, e grazie a lui Bing Maps raggiunge un livello di zoom e una qualità delle immagini senza pari sul web permettendo di vivere le mappe a livello stradale, proprio come se si stesse passeggiando o correndo per le strade di 56 diverse aree metropolitane statunitensi.

E visto che ultimamente parlando di Apple abbiamo acquisito un paio di amici lettori, vi dico che iTunes si rinnova ed entra anche lui a far parte del mondo Social.
iTunes è indubbiamente lo store musicale che ha più successo sul mercato in questo momento, ma la totale assenza di meccanismi social stava iniziando a pesare alla maggior parte dei clienti. Ecco perchè la nuova versione integra Ping (clicca qui), il neonato social network ideato da Apple completamente dedicato alla musica. Come su Facebook (anzi se vuoi puoi sincronizzarlo pure con fb) cerchi gli amici, condividi i tuoi acquisti musicali e commenti quelli degli altri... e in più puoi seguire tutte le novità dei tuoi artisti preferiti.
0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
In questi giorni mi sto dedicando a una delle cose più cervellotiche che possano esistere se fatta con criterio. La scelta di un computer portatile da acquistare per poter lavorare anche da casa.
Ci avete mai provato? Per far capire alle ragazze la difficoltà della cosa è come se vi portassero in una stanza dove sono state radunate tutte le migliori creazioni dei migliori stilisti di scarpe, dicendovi che dovete sceglierne solo un paio. Probabilmente stareste in quella stanza per qualche anno.

Ecco. Io oggi pomeriggio mi son dedicato a una cosa simile. Ti trovi in un negozio specializzato dove ci sono più o meno una decina di marche diverse. E ogni marca ha almeno una decina di modelli. E ogni modello ha almeno una decina di variabili. Da andar fuori di testa.
Ma andiamo con ordine.

Tolta la apple per ovvi motivi non da ultimo anche economici comincio a guardare altre marche. La mia unica certezza è il mio budget e il fatto di volere un pc almeno un po' performante ma certo non al top di gamma che altrimenti costerebbe una fortuna comunque.

Mi cade l'occhio su il primo dello scaffale. Buono, mi sta pure simpatica la marca. Leggiamo le caratteristiche. Processore, ram, scheda video hard disk... e quant'altro. Questo ha un buon processore ma poca memoria video. Il prossimo ha tanta memoria video ma un processore vecchio. Quello dopo ha una pessima estetica. L'altro ancora costa troppo. Un'altro ha tutto che mi piace ma ha solo 2 porte usb. Eh che cavolo... Ma come si fa? Meglio un i3 con una scheda grafica da 1 Gb o un i5 con una scheda grafica da 512 Mb???? No perchè se speri di trovare la combinazione che sarebbe ovvio ci fosse... Manco se t'impegni.

Quando poi alla fine di una estenuante ricerca capisci che ti piace il modello JK44-GG665-4455T/R7 (e vi garantisco che i nomi dei modelli sono esattamente così) te lo segni e dici... vado a vedere in un altro negozio quanto costa. Eh si... come no. Nel negozio a fianco c'è lo stesso modello... JK44-GG665-4455T/R8. Identico. Stesse caratteristiche. Ma c'è quel numero diverso... e allora non è lo stesso. Ma porc....

Alla fine non ho comprato un tubo. Impossibile scegliere. Sono andato a casa e su internet ho scoperto che quel numero di differenza indicava una porta usb in più sul lato.
Insomma... il problema non è davvero da poco. Credo che alla fine andrò in un negozietto specializzato di quelli dove il commesso che ti parla capisce un po' di quello che vende, al contrario dei centri commerciali dove le rape rosse del reparto ortofrutta sembrano più colte del commesso di turno del reparto computer.

Se avete consigli.... Sono bene accetti...
Etichette: , 4 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Tutti voi conoscete i virus informatici. E non è certo mio compito star qui a spiegarvi come difendervi o aggiornarvi circa gli ultimi virus scoperti. Ma in sti giorni è arrivata una notizia che mi ha lasciato un po'... a bocca aperta.
Il cosidetto terrorismo si sta spostando su nuovi fronti. Ed è di questi giorni la notizia che un Virus particolarmente "cattivo" ha infestato i computer di gestione del reattore nucleare di Bushehr in Iran. (quello della foto)
Ora, al di la delle polemiche politiche (la presenza del virus è stata anche smentita, ma su altre fonti si dice che è stato "solo" debellato) è invece intrigante capire come possa un virus riuscire a superare le difese di una centrale nucleare, che tra l'altro, proprio per garantirne la sicurezza, non è collegata in alcun modo alla rete internet. Le idee su come possa essere avvenuta l'infezione sono molte, ma la più accreditata è quella secondo cui qualche nazione ha creato il virus (la complessità del quale fa pensare che non possa essere uno dei tanti creati da un hacker qualunque) e ha fatto in modo di metterlo in una chiavetta usb che poi hanno fatto trovare tra le attrezzature dei tecnici della centrale.
Me lo vedo io l'homer simpson di turno che trova una chiavetta e chiedendosi cosa ci sia dentro magari la inserisce nel primo computer disponibile infettando tutto il sistema!!

Le chiavette usb sono il veicolo ideale per la trasmissione delle "malattie" informatiche. Giusto per dirne una, l'anno scorso l'ibm ha regalato durante una conferenza in Australia delle penne usb ai partecipanti. Tutte infette. Peccato che si trattava di una conferenza sulla sicurezza informatica.
In ogni caso non si ha la percezione che le chiavette usb possano essere fonte di infezione. Immaginate di trovare una chiavetta per terra sul marciapiede sotto casa. la prima cosa che farete sarà sicuramente quella di metterla sul vostro computer per vedere cosa c'è o di chi è. E voilà... il gioco è fatto. Se il virus è programmato a dovere non ci si accorge di nulla, ma l'infezione inizierà, e ogni cosa collegherete al vostro computer si infetterà....
Insomma val la pena di stare molto attenti...

Se volete saperne di più su questo bel virus potete leggere qui.
Etichette: , , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Navigando qua e la ho scoperto anche un nuovo interessante progetto di google, chiamato Leanback. Andate a vederlo. Cliccate su www.youtube.com/leanback. Non prendete paura. E' un nuovo progetto di google per youtube, per avvicinare ancor di più il mondo dei video online a quello della TV. Visto che ultimamente sono sempre di più i televisori che hanno integrata la possibilità di navigare online direttamente con il telecomando... Capirete che si tratta di un gran bel progetto.

Ci si trova di fronte uno schermo pieno con un video scelto a caso. Un po' come quando si accende la tv, non si sa cosa o chi apparirà sullo schermo. Ma anche qui come con una tv si scopre subito quanto è facile cambiare “programma”. Basta infatti cliccare sul monitor per veder apparire i menu' di scelta in maniera decisamente poco invasiva e gradevole. Tutti i filmati simili appaiono subito e andando all'estrema destra o sinistra si caricheranno i successivi. Il resto scopritelo da soli... è più facile da fare che da spiegare! Per tornare poi alla vecchia youtube basta premere il tasto Esc. Fatto!
Etichette: 2 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Faccio un post per rispondere ad un commento ricevuto ad un articolo scritto da Omar tempo fa sul comportamento degli alunni dei nostri tempi, un po’ troppo vivace e maleducati (proprio la parola più giusta MAL - EDUCATI), perchè questo argomento, ora, mi APPARTIENE. Qui trovi l’articolo.

Il commento era di una , suppongo, mamma di nome Susy e commentava così:

essere genitori non è sempre così facile. E spesso è veramente difficile dire di no. Ma forse nessuno di voi ha figli. Vorrei proprio vedere!”

Cara Susy, io sono diventato papà da un anno e posso confermarti che quando ti guardano con quegli occhioni è molto difficile dire di no, ....MA e ripeto MA so pure che viziarli troppo vuol dire anche andare in contro ad un/a monello/a.

Vedendo e sentendo di certi alunni un po' troppo monelli (quasi delinquenti) sia nelle scuole elementari che nelle medie e soprattutto alle superiori, penso che sarebbe meglio dirgli un po’ più spesso “NO”, che viziarli a tal punto che poi sarà più dura rimetterli in carreggiata. Ad esempio si leggono sempre più spesso, negli articoli di giornale, di ragazzi tra i 12 e 17 anni che pestano gli amichetti handicappati o extracomunitari oppure mettono le mani sul sedere delle professoresse e molti altri episodi che puoi trovare anche su youtube!

Se ti sei ben informata di quello che è successo nelle aule scolastiche anche l'anno passato, penso che ti verrebbe voglia di dargli un paio di sculacciate in più o almeno lo spero!

E ricordo che non si può denunciare un Prof. perchè tira un orecchio all'alunno che ha bruciato i vestiti di un compagno, ma va punito il figlio!!!!! Genitori mi raccomando, la scuola sta andando a rotoli e aumenta la microcriminalità anche per la troppa liberta e troppi vizzi datogli dai genitori troppo permissivi!!!

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Mi sto godendo i miei tre giorni di vacanza, e mi sono accorto che con la 3 la tariffa per navigare con la chiavetta è la stessa che ho in Italia. Non male, considerando che vengono mantenute anche tutte le opzioni e le promozioni, a patto di connettersi alla rete tre presente nel paese, nel mio caso Austria.
Ho attiva l'opzione superweb 100. prevede 100 ore di navigazione in italia senza scatti alla risposta e senza le odiate sessioni di 15 minuti di cui avevo parlato tanto tempo fa. Avevo paura di spendere una fortuna, e su questo il sito della tre è decisamete poco chiaro. Ma poi sono arrivato qui ed ho provato a connettermi. Non solo funziona, ma vedo che il credito residuo rimane intatto e invece prosegue il conto dei minuti usufruiti nell'opzione. Insomma, tutto come in italia.

Non è male il servizio della tre. Vale in tutti i paesi dove è presente la rete tre. Unico neo di queste opzioni è che se scarichi più di un giga in 24 ore ( e guardando qualche filmato è decisamente un attimo) ti rallentano la chiavetta portandotela a 128k per 48 ore. E non riesci più a fare un tubo. Amen.
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Non ci sarò per qualche giorno, fino a martedì. Godetevi questo video... se non siete impressionabili!! :-)
0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Quasi un anno fa a quest'ora stavo meditando di comprare un computer nuovo. Alla fine come qualcuno di voi ricorderà mi sono deciso ed ho fatto il salto. Bene. A quasi un anno di distanza è ora di fare un po' di conti e di tirare qualche conclusione.

Smorzo subito gli entusiasmi dei mac-dipendenti. Pur non essendo del tutto deluso non sono rimasto folgorato dalla mac-mania. Ma andiamo con ordine. Premetto che queste sono le mie opinioni. non voglio convincere nessuno. ma ovviamente devo dire cosa ne penso. Il computer scelto (un i-mac da 21.5) è una gran bella macchina. Sul design non si discute. E' decisamente ineguagliabile. Ma siccome non è con il design che si lavora è giusto capire come stanno le cose sotto il bell'aspetto.

Notate che ho aspettato quasi un anno prima di scrivere questo post. Un anno di uso intenso, molto intenso. Se avessi scritto prima sarei stato di parte. Perché l'impatto è di quelli tosti. E all'inizio ho faticato non poco ad abituarmi al nuovo modo di lavorare. Non tutto è stato facile ed intuitivo come tutti mi dicevano. Il sistema operativo è nettamente diverso da windows. E questo comporta una serie ovvia di piccole incomprensioni.
Ma superate le logiche difficoltà iniziali più di forma che di sostanza ho iniziato a trovarmi di fronte ad una serie di problematiche di cui nessuno mi aveva mai fatto cenno.

Innanzitutto il software. Con il Mac ti danno la suite i-life, vendendotela come la panacea di tutti i problemi di un creativo. Palle. E' una suite di programmi penosa, degna di stare su qualche cd allegato all'acquisto di una stampante di second'ordine. E vi garantisco che mi son messo d'impegno per provarla.
OK, io forse son troppo esigente. In effetti il mio uso spesso richiede delle applicazioni un po' più professionali ed invece queste son pensate per un pubblico amatoriale. Probabilmente molto amatoriale. Non entro nel merito delle singole applicazioni altrimenti dovrei scrivere pagine di insulti. Ma non è ammissibile (ma vi garantisco che è così) che se creo una presentazione con i-movie poi per masterizzarla come dvd video io debba prima passarla (con relativa renderizzazione) per quicktime, poi ripassarla (con un'altra renderizzazione) per i-dvd e infine creare il dvd (con un terzo passaggio). E alle mie rimostranze qualcuno mi ha risposto che sono io che non sono abituato, che i programmi apple son tutti interconnessi tra loro e che quindi è normale...

Secondo aspetto. La comunicazione con il resto del mondo. Se uno si compra il mac e lo usa senza mai attaccarci un tubo probabilmente lo riterrà il miglior computer di sempre. Ma appena cominci ad attaccarci qualche periferica... apriti cielo. E sto parlando anche di semplici stampanti eh. Intendiamoci, non che non funzionino. Ma I driver ed i relativi programmi che ho avuto modo di testare e che prima usavo su pc son decisamente più scarni e poco intuitivi. Ovviamente qui mi si risponde che la colpa non è di apple, ma di chi crea i driver ed i software per mac che li fa in maniera diversa o meno accurata. Giusto. Ma io intanto ho dovuto installare una macchina virtuale con dentro windows (perché con windows i driver funzionano benissimo) per esempio per vedere i livelli di inchiostro della stampante epson.
E non sto qui a parlarvi del fatto che per fare trasferimenti di grosse quantità di dati in un disco esterno spesso il sistema si blocca. Come non sto qui a dirvi che molti dei programmi ai quali ero abituato su pc su mac non esistono oppure esistono in versioni decisamente inferiori e ridicole o, ben che vada, solo in inglese.

Terzo aspetto. La non infallibilità del sistema. Spesso sono le aspettative che ti fregano. Quando lo compri ti dicono che puoi dimenticarti le scermate blu di windows. Vero. Non sono blu infatti. Photoshop mi si è chiuso più volte "inaspettatamente" come dice la simpatica schermata che appare dopo il crash. La masterizzazione di cd e dvd fallisce spesso e volentieri. Anche usando programmi diversi. Proprio mentre scrivo queste righe ho tentato di masterizzare delle foto su un dvd. Si è inchiodato tutto e adesso non mi vede più il masterizzatore e dovrò riavviare tutto il sistema. E non è la prima volta.

E poi un paio di dettagli. La apple cura i dettagli. Ma allora perché diamine mi metti solo 4 porte usb, tutte nel retro quindi non certo comode, e tutte appiccicate? E perchè sulla tastiera non c'è il tasto canc??? Perché???? Diamine, a uno che scrive testo (ma non solo) il tasto canc gli risolve un sacco di cose. E non venitemi a dire che è lo stesso il backspace abbinato al tasto fn!

Insomma... non voglio tirarla troppo per le lunghe. E non voglio nemmeno dire che sia tutto pessimo e negativo, altrimenti a quest'ora l'avrei già dato via. Invece un po' perchè ci si abitua a tutto e un po' perché almeno spero di non dover formattare tutto due volte all'anno come con windows me lo tengo. I vantaggi di un mac non ve li elenco. Li trovate ovunque. Il mio voleva essere un punto di vista diverso dalla massa. Perché se qualcuno mi avesse detto tutto questo quando mi sono informato io per comprarlo... Magari l'avrei comprato lo stesso, ma con delle aspettative più corrette. Insomma, ci sono molti pro, ma ci sono anche dei contro, e quando si parla di apple i contro sembrano svanire nel nulla, anche di fronte all'evidenza. Per la cronaca... ho comprato proprio oggi il mouse nuovo per sostituire il magic mouse apple, che è decisamente troppo sensibile facendoti cambiare le pagine senza volerlo...

Sono stato un po' cattivello, lo so. E con questo post mi sono giocato tutti i lettori mac-dipendenti. Ma mi pareva giusto far sentire una voce fuori dal coro. Spero solo che le eventuali critiche siano costruttive...
Etichette: , , 7 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

OK, non è una notizia fresca di stampa. Ma io l'ho saputa adesso e come sempre... mi girano!

L’8 aprile 2009 le Commissioni Difesa di Camera e Senato hanno entrambe approvato un progetto chiamato Jsf, cioè Joint Strike Fighter: un programma di riarmo internazionale lanciato dagli Stati Uniti e a cui hanno già aderito diversi Paesi, tra cui l’Italia. Il Governo italiano nel 2009 ha infatti approvato l’acquisto di 131 nuovi caccia bombardieri americani, chiamati F35, per un costo totale di quasi 15 miliardi di euro.

Non servono commenti vero? 15 miliardi di euro. E la scuola pubblica non ha manco i soldi per la carta igienica. E come sempre non parlo di fazioni politiche. Tanto per dire la prima intesa per il progetto fu firmata al Pentagono nel 1998 con il governo D’Alema, la seconda nel 2002 con Berlusconi, la terza nel 2007 con Prodi e l’ultima, appunto, nel 2009, di nuovo con il Governo Berlusconi. Lasciamo perdere senno' mi dicono che sono il solito demagogo. E poi avevo già parlato di qualcosa di simile l'altro giorno.

E in tutto questo ovviamente l'informazione non esiste. Ma siamo in Italia. Il 25 e 26 settembre a Cesena c'è stato il Woodstock 5 stelle. Due giorni di informazione alternativa organizzati da Beppe Grillo. Centinaia di migliaia di persone per gli organizzatori. Decine di migliaia per la questura. Meno di mille per il Tg4. Io dico solo di vedere il video e giudicare.
La folla si entusiasma quando Grillo dice che i politici è ora che inizino a fare una cosa strana... Lavorare! Io lo dico da un bel po'...
Ma non è demagogia. Non solo almeno. le proposte ci sono... ma vengono ignorate. Ma siamo in Italia, basta non toglierci il calcio...

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Qualche tempo fa avevo già parlato di un nuovo concorrente dell'ipad. E come era prevedibile adesso iniziano ad arrivare altri competitors.
Rim, la società che produce il BlackBerry,si è buttata in questa impresa presentando playbook, concorrente diretto dell' iPad con un sistema operativo completamente nuovo basato su Qnx. Durante una conferenza per sviluppatori di software a San Francisco hanno spiegato che il tablet ha schermo touch screen 7 pollici sensibile al movimento, doppia webcam ad alta definizione sul fronte e sul retro e processore da 1Ghz dual-core. Inoltre, cosa da non sottovalutare, è pienamente compatibile con la tecnologia Flash, vera nota dolente dell'ipad.

Sarà disponibile a partire da gennaio 2011 ma anche questo non è esente da qualche neo. La prima versione infatti avrà connessioni wi-fi e Bluetooth, ma per connettersi ad internet dovrà essere collegato a un terminale Blackberry. Le versioni totalmente indipendenti saranno disponibili soltanto più tardi, ha precisato la Rim.
Bisognerà poi capire che software potrà girare su questa macchina, un fattore decisivo per il successo di un tablet. Le premesse sono buone, ma c'è anche da dire che nel secondo trimestre del 2011 è previsto anche il lancio dell' ipad 2G, quindi direi che la gara è aperta!

Per chi vuole capirci di più un ottimo confronto tra gli attuali tablet sul mercato lo trovate qui.

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


Credo siano discorsi ovvi. Ma forse anche no. Lo so, è la solita retorica, il solito paparozzo sinistroide. Ma val la pena leggerlo. Il fatto è semplice. L'italia va a catafascio e i nostri bravi governanti stanno lì a fare il teatrino sul di chi è un appartamento e chi l'ha affittato, chi ci ha cucinato o chi ci ha trombato dentro. Eccheccaxxo!! Ma dico??? I problemi sono altri. E non venitemi a dire che sono sempre i soliti discorsi. O meglio, sono i soliti discorsi, ma stavolta la soluzione ci sarebbe. Bisognerebbe cominciare a far lavorare il parlamento per cose utili non per ste scemenze di cui non frega un tubo a nessuno.

Ma loro hanno il loro teatrino da portare avanti. Hanno i miliardi in tasca. La serva che gli va a fare la spesa e la cuoca che gli prepara la cena. Probabilmente hanno pure "l'intrattenitrice notturna". Il tutto pagato da me. De te che leggi. Da tutti noi. Mi sono rotto i coglioni. Ecco. L'ho detto e scritto. Se cadrà il governo non me ne importa na cippa perchè tanto dopo son sempre gli stessi che vanno al potere. E non parlo di destra o sinistra. Sono tutti multimiliardari con i nostri soldi. Hanno una legge elettorale che gli consente di farsi beatamente i Caxxi propri. Si sono blindati. Fanno i teatrini per noi del popolo ma loro vip sono lì, intoccabili.

Leggetevi questo bell'articolo. Credo sia interessante. La distrazione di massa delle masse.
0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Nessuno ha mai avuto dubbi che il legame tra chiesa e denaro sia alquanto forte. Fin dai tempi antichi la chiesa ha svolto operazioni che di facciata erano di evangelizzazione, ma di fondo erano metodi più o meno invasivi per fare soldi.
La chiesa in Italia gode di numerosi privilegi, primo fra tutti l'esenzione del pagamento dell'ICI. Ora la comunità europea vuole vederci chiaro. In pratica la UE ha messo sotto inchiesta lo Stato Italiano per "aiuti di Stato incompatibili con le norme sulla concorrenza". In pratica il vaticano viene visto come un'azienda che viene aiutata da anni da parte dello stato, senza averne il diritto.
Questa "azienda"che conta più di 100 mila fabbricati è al top della classifica nazionale: ospedali, scuole private, alberghi e altre strutture commerciali che godono di un'esenzione totale dal pagamento dell'Ici e del 50% da quello sull'Ires. Con un risparmio annuo mostruoso.
E' interessante anche la metodologia con cui si arriva all'esenzione.

Innanzitutto c'è da dire che la decisione di rendere esnte dal pagamento la chiesa è bipartisan. E' stata introdotta nel dicembre 2005 dal governo di destra e quindi rivista da quello di sinistra l'anno sucessivo. Il quale però era controllato dalla Ue ed aveva ristretto i privilegi solo alle attività "non esclusivamente commerciali". Peccato che quel "non esclusivamente" sia stato interpretato in maniera molto furba dalla chiesa che ha messo all'interno di scuole ospedali ed altre strutture un piccolo locale adibito a luogo di culto, divenendo così "non esclusivamente commerciale". Fatta la legge...

Adesso ci vorranno 18 mesi perché la UE si pronunci. E se deciderà di far pagare quanto dovuto... ne vedremo delle belle, visto che gli arretrati son decisamente ingenti.

Vi consiglio di vedere questo video che è un'inchiesta di report alquanto illuminante.
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Vi segnalo un sito interessante, soprattutto per per gli amanti della statistica.
Il sito è italiaora.org.
Ed ecco che si scopre che per esempio che i soldi spesi per la chirurgia estetica sono 1 miliardo e mezzo. Che lo stipendio di un calciatore è in continuo aumento, così come il numero di cellulari venduti ogni giorno. Insomma... lascio a voi i commenti e le opinioni. Ovviamente alcuni dati sono un po'... strani ecco. pero' val la pena darci un occhio!
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Be'... una pubblicità apparsa ultimamente negli states. A voi giudicare...
Il concetto in se' non è sbagliato. Ma non credo sia molto realistica la cosa.

0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Quante stranezze si possono comprare nel web oramai? Di tutto di più!
Ma questa, oltre essere strana è innovativa e geniale:"Spray-on Fabric" ossia un'innovativa miscela di fibre di cotone, polimeri e solventi che si spruzza direttamente sulla superficie che si vuole, il corpo umano ad esempio, con una pistola spray o con un areosol, creando una patina che si secca immediatamente. In questo modo si possono realizzare, in breve tempo e senza fatica, indumenti che si adattano perfettamente al corpo a seconda dei gusti (si possono scegliere colori e persino profumi diversi).

Niente pià grinze o pieghe. Una volta asciugati, questi speciali indumenti possono essere tolti, lavati e re-indossati. Se invece si decide di cambiare look, basta sciogliere il composto e riutilizzare il materiale recuperato realizzando nuove creazioni. Attraverso questo Spray-on Fabric per vestirsi servono solo 15 minuti e i capi realizzati possono essere personalizzati a seconda dei gusti, scegliendo il colore preferito.

«Volevo realizzare un materiale futuristico, senza cuciture, veloce e confortevole», ha spiegato il dottor Torres al londinese Daily Mail, «che mi permettesse di creare abiti all’istante e a poco prezzo e che garantissero una perfetta vestibilità. E così, per dimostrare che scienza e tecnologia possono davvero aiutare gli stilisti di moda, sono finito per tornare ai princìpi dei primi tessuti come il feltro, che erano prodotti prendendo le singole fibre e cercando di legarle insieme, senza punti o cuciture». Stando allo stesso designer, ci vorranno almeno un paio d’anni prima che la tecnologia possa arrivare nei negozi, ma nel frattempo la ricerca prosegue, cercando un modo per movimentare le forme (non a tutti piace che i vestiti seguano ogni minima curva del corpo) e per minimizzare l’odore (non certo gradevolissimo) dei solventi.
Per quelli/e che non riescono mai a trovare il vestito giusto che stia bene con i colori giusti, ora se lo possono spruzzare direttamente addosso con diverse tonalità di colore!
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Come tutti sanno Facebook è il Social Network più conosciuto e più popolare negli ultimi tempi, e tutti sanno che serve per farsi pubblicità gratuita, trovare vecchi amici, conoscere gente nuova e a far sapere i nostri cavoli al resto del mondo.... e specialmente a gente che vi osserva per sapere magari quando non siete a casa così possono venirvi a trovare senza disturbarvi. Come è successo in una cittadina del New Hampshire dove la polizia di Nashua avrebbe sgominato una banda di ladri che individuava le case da derubare tramite il celebre social network.
La banda, composta da tre individui, è stata arrestata con l'accusa di aver svaligiato più di 18 case nell'ultimo mese, mettendo da parte un bottino di oltre 200.000 dollari. I membri della banda avrebbero tenuto sotto controllo i profili delle persone che abitavano nella zona per individuare le case incustodite.

La compagnia di Zuckerberg aveva suscitato già molte polemiche quando, ad agosto, aveva lanciato "Places", un’applicazione che dà la possibilità agli utenti di localizzare geograficamente la propria posizione, comunicarla ai propri amici attraverso lo status e soprattutto controllare chi altro è presente nel posto in cui ci si trova.

Dunque mi raccomando fate attenzione a quello che postate sui social network, alcuni criminali cercano sui social network le case vuote da poter svaligiare. In Italia non ho ancora notizie di appartamenti svaligiati tramite indizzi su Facebook, ma non vorrei che ora che la notizia sta facendo il giro di tutti i web-giornali, non la prendessero come spunto.

Intanto in Italia è successo il contrario. Letto da un articolo di un anno fa:"Arrestato ladro internauta, rintracciato grazie a Facebook. Si era introdotto all'interno di un appartamento con l'intento di rubare, ma trovando un pc acceso non ha resistito alla tentazione di collegarsi su Facebook e chattare con gli amici. Il giovane, già noto alle forze dell'ordine, si intrufolò in un appartamento per rubare, ma durante la perlustrazione trovò un pc acceso e tramite account personali, si collegò sul social network. Grazie ai suoi dati personali memorizzati sul pc, e soprattutto attraverso una mail, i militari sono riusciti a risalire alla sua identità. Dalle perquisizioni effettuate all'interno della sua abitazione, i Carabinieri hanno ritrovato parte della refurtiva rubata dall'appartamento. Il giovane è stato perciò arrestato con l'accusa di furto in abitazione e la refurtiva restituita al suo legittimo proprietario."
Ecco cosa fa la malattia di Facebook, è come la droga, non riusciamo a farne a meno.
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

OK, da qualche anno a sta parte, dopo la mia positiva avventura con un corso serale mi sono avvicinato al mondo della scuola e decisamente è un ambiente che mi piace.

Purtroppo in questo nuovo anno scolastico arrivano notizie di tagli, di classi superaffollate, di classi con pochi insegnanti e di scuole senza presidi. Insomma un mezzo disastro.

A tutto questo si aggiunge la poca civiltà di alcuni genitori. Prendendo spunto da questa notizia e parlando poi con una amica insegnante sono usciti alcuni spunti che volevo ora condividere con voi.

"Questi sono molti dei genitori coi quali abbiamo a che fare a scuola: ridono se i loro ragazzi si divertono a prendere a calci un immigrato, protestano se i figli vengono rimproverati a scuola quando è opportuno farlo, prendono sempre le loro difese anche quando sarebbe il caso di punirli, li incitano a riprendere col telefonino gli amici e le amiche..."

Questo era il suo laconico commento alla notizia. Un commento così, fatto da una persona che è del mestiere, a me fa riflettere. Lascio dunque alle sue parole il compito di esplicare meglio la cosa. Valgono certo più delle mie.

"costa più fatica dire qualche "no" che dire sempre "si"... i bambini "rompono" di meno, e non si è costretti ad avere a che fare anche con i propri sensi di colpa... rimproverare o punire un figlio quando sbaglia non è una cosa simpatica per nessuno, anche se lo si ritiene giusto ed indispensabile... purtroppo però i genitori dimenticano che la vita non dice sempre "si", anzi, spesso sono di più i "no" e il loro modo distorto di intendere l'educazione dei figli ne farà dei ragazzi che diventeranno adulti non in grado di tollerare la minima frustrazione e che non sapranno gestire in maniera autonoma e costruttiva le difficoltà che incontreranno nel loro percorso, si sentiranno sempre degli inadeguati, batteranno i piedi e alzeranno la voce ogniqualvolta qualcuno non gliela darà vinta... quindi, molti genitori di oggi, credendo di spianare la strada ai figli, non fanno altro che rendergliela più faticosa..."

Purtroppo è drammaticamente vero. Qualche tempo fa un'altro amico insegnante mi diceva che una mamma di un suo allievo l'aveva chiamato offendendolo perché suo figlio non era stato ammesso all'esame. Mia madre mi avrebbe fatto passare un brutto quarto d'ora... a me pero', non certo al professore.... Insomma... si potrebbe andare avanti per ore. Aspetto qualche commento da chi è del mestiere magari. :-)
Grazie a V. per la preziosa testimonianza.
Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
OK, il titolo è volutamente provocatorio. Pero' da un po' di tempo la voce gira sempre più insistentemente. Il più grande show sulla terra, fornito a voi da Michael Jackson in persona.


Partiamo dai disclaimer. Non ho ovviamente certezza di quello che scrivo. Ma in rete ci sono talmente tante notizie al riguardo che ormai non è più possibile ignorarle come ho fatto sino ad oggi.
Partiamo da un concetto semplice. Michael era il cantante più conosciuto al mondo. Quello che aveva in assoluto il maggior numero di fan, anche e spesso molto estremisti. E' quindi logico pensare due cose.
1. Sicuramente molti di loro non si arrenderanno mai all'idea che possa essere morto e quindi faranno di tutto per dimostrare (anche a se stessi) il contrario, anche ricorrendo in maniera più o meno inconscia a foto, video, testimonianze e quant'altro completamente falsi.
2. Altrettanto sicuramente molti, moltissimi fan non rinunceranno a cercare di capire la verità su quella che è stata la morte del loro idolo. E non sono tutti ragazzini implumi. Ci sono anche molti ricercatori, giornalisti, gente che fa indagini di lavoro.

Quindi, visto quanto sopra, non sta a me cercare di convincere nessuno. Pero' girando un po' in rete si trova veramente di tutto. E anche togliendo tutta la "fuffa" rimangono delle cose che è oggettivamente difficile liquidare come coincidenze o come teorie complottiste.

Innanzitutto esiste un sito ufficiale. Un sito che si occupa di raccogliere tutte le "prove" e che analizza tutti i fatti in maniera molto dettagliata ed in tutte le lingue. Vi lascio a loro per quanto riguarda l'analisi completa ma il riassunto è più o meno questo:
Michael Jackson era veramente alle prese con una grave forma di dipendenza da medicinali e forse anche droghe. Erano stati previsti una serie di concerti a Londra che se effettuati lo avrebbero sicuramente ucciso. Michael decide quindi di inscenare la sua morte, e di andare in qualche paese dell'est a curarsi. Solo con la sua morte infatti non avrebbe avuto problemi con le penali previste in caso di annullamento dei concerti, e solo con la sua morte i paparazzi ed i fan di mezzo mondo avrebbero smesso di dargli la caccia. La sceneggiata inizia fin dalla presentazione del tour "this is it" che in effetti mostra un michael con una voce profonda e una carnagione scura.

I dubbi sulla sua morte si sono riaccesi con maggior violenza il 3 settembre, quando alla trasmissione "larry king show" in America si presenta un tale Dave Dave, amico intimo di michael Jackson gravemente ustionato al viso da un incidente. Chi è costui? Le teorie dicono che si sia trattato di Michael Jackson in persona. E numerose analisi della voce e del viso sembrano confermare l'ipotesi.

Insomma tutta questa storia è un gran pasticcio. In ogni caso se la morte è finta non posso che dare ragione al povero Jackson. Probabilmente è davvero l'unico modo per non avere tutto quel peso sulle sue spalle. Se volete saperne di più basta che cerchiate "michael Jackson è vivo" su google. Passerete molte ore a leggere tutto... ed il contrario di tutto!

Etichette: 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Potevo anche intitolare questo post "Problemi da miliardari". Si perché di questo si tratta. I calciatori di serie A minacciano di fare sciopero se non otterranno quello che vogliono. Sa com'è. Se gli chiedono di trasferirsi da un posto di lavoro all'altro... Con uno stipendio così misero ti girano le balle.
Si sono sarcastico. Come non esserlo? La Lega chiede che un giocatore non possa rifiutare il trasferimento ad un club di stessa qualità e con soldi garantiti. Ma i giocatori non ci stanno. Lo vada a dire a tutti quei lavoratori che vengono spostati di continuo da un reparto all'altro, da una sede all'altra, da una mansione all'altra e se si azzardano ad aprire bocca rischiano il posto. E poi la lega chiede codici ferrei di condotta ed etica anche fuori dal campo. Le pare troppo vero? E via di questo passo.

Sti personaggi con uno stipendio medio di un milione e tre al mese (di euro, of course!) decisamente vivono in un altro pianeta. Bambini viziati abituati ad avere tutto che non si rendono conto che il resto dell'Italia è con l'acqua alla gola. Noi con lo stipendio non arriviamo davvero alla fine del mese. Loro non arrivano alla fine del millennio in effetti. No dico... Io fossi la Lega fermerei tutto e li metterei a 1500-2000 euro al mese. Punto. Essere pagati per giocare dovrebbe essere già più che sufficiente. C'è chi è pagato molto meno per farsi un mazzo tanto, mica per giocare con gli amici.

Ma è troppo facile fare retorica. Il problema non sono i giocatori. Sono coloro che offrono sti stipendi assurdi che dovrebbero ripensarci. E sono tutti gli italiani che quando sentono ste cose dovrebbero incazzarsi e spegnere la tv che dovrebbero pensarci. E invece all'italiano medio tocccagli pure la moglie, ma non la partita. Sono disposti a spendere centinaia di euro al mese per abbonarsi alle varie tv o allo stadio. C'è qualcosa di fondo che non quadra. Come sempre, i cambiamenti dovrebbero arrivare dal basso. Ma è molto comoda la poltrona davanti alla tv vero?
Etichette: , , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Ok, ultimamente più che di scrivere ho voglia di farvi vedere qualche video simpatico. Questo lo è per due motivi. Il primo: Voglio partecipare anche io a sta specie di sport. Troppo forte! Il secondo... Scopritelo vedendo il video. Decisamente impressionante!!
0 commenti | |
Reazioni: