Silvia
Cari lettori, non so voi, ma io quanto ad orientamento sono una vera frana!!!
Ogni qual volta salgo in macchina e da lato passeggero cerco di leggere una cartina (nella speranza di aiutare il povero marito che non vuole MAI chiedere informazioni.) inizio ad andare in panico.. Eppure ci metto tutta la buona volontà, individuo il punto di partenza, cerco il punto di arrivo e provo con tutte le mie forze a trovare il percorso corretto e a dare indicazioni.. ma niente da fare.. mi appare il vuoto totale!!
La cartina quasi per magia si trasforma in una tavolozza di colori verde.. giallo.. rosso.. è come se diventasse un bel quadro di Picasso.. Così nella totale vergogna rassegno le speranze e cedo la cartina a chi ha molta più competenza di me. La cosa mi urta al quanto il sistema nervoso in quanto non sopporto il fatto di non essere autonoma e di avere delle limitazioni, specie verso il sesso maschile. L'altro giorno però mentre guardavo la televisione ho scoperto (quasi fosse un messagio subliminare nei miei confronti) che esiste uno sport, non molto conosciuto, che si chiama orienteering.
Ora Vi starete chiedendo: Cos'è l'Orienteering?

L'Orienteering è uno sport nato verso la fine del 1800 in scandinavia ma praticato in Italia solo circa un secolo dopo. Questa disciplina insegna tramite una cartina e una bussola ad orientarsi. Può essere inteso come una passeggiata nei boschi o come uno sport competitivo.Un percorso standard è costituito da una partenza,una serie di punti di controllo che sono segnati come cerchietti, collegati da linee e numerati nell'ordine in cui devono essere visitati, e un arrivo. I cerchi dei punti di controllo sono centrati intorno all'oggetto che deve essere trovato; questo oggetto è anche definito da descrizione dei punti di controllo. Sul terreno, una lanterna indica il posto che l'orientista deve visitare. Per verificare se il punto trovato è quello giusto, l'orientista usa una punzonatrice, appesa vicino alla lanterna, per marcare il suo cartellino. Punzonatrici diverse creano diverse combinazioni di fori nella carta. Il percorso tra i "controlli" (ci si riferisce sia alla lanterna che al punto) non è specificato, ed è determinato dall'orientista; questo elemento della scelta di percorso e l'abilità di navigare nei i boschi sono l'essenza dell'orienteering. La maggior parte delle gare di orienteering ricorre alle partenze scaglionate per assicurare che ogni orientista possa avere la possibilità di fare il proprio percorso, ma ci sono alcuni altri metodi, tra cui le staffette e le gare in cui l'orientista deve trovare più punti di controllo possibile in un determinato tempo.

Si tratta insomma di una disciplina sportiva che dovrò sicuramente provare nella speranza un giorno di poter leggere con fierezza la cartina geografica al mio maritino lasciandolo a bocca aperta.. e se nemmeno questo sarà sufficente a farmi migliorare.. bè allora dovrò haimè rassegnarmi alla tecnologia moderna ed acquistare un bel navigatore satellitare!

omar Fardin

Crisi, crisissima... Crisi dei consumi, crisi del mercato, crisi degli acquisti. Ci hanno francicato le palle con sta storia. Che se non ne parlavano forse la crisi non c'era nemmeno.

OK, lo so che non è così. Ma non se ne puo' più. D'altro canto da un lato ci dicono che la crisi si sta risolvendo. Ma poi vai a vedere i dati (perchè andate a vederli vero? Non vi accontenterete di quello che dicono i media in Italia vero??) e scopri che le cose non stanno esattamente in questo modo.

Hanno basato la notizia economica dell'estate sul fatto che il pil di Francia e Germania è cresciuto di un miserrimo 0,3% rispetto al primo trimestre di questo stesso anno. Ma ovviamente hanno "dimenticato" di dirci che il pil dell'area euro è calato del 25% rispetto all'anno scorso. E andando a capire il perchè di quel 0,3 si capisce che è stato praticamente un caso. E che anche la Francia è in calo del 2,9% rispetto all'anno scorso. Insomma, non voglio tirarla per le lunghe, ma la sostanza è che tutti i proclami di fine recessione e di riavvvio dell'economia fatti durante l'estate erano basati su... Fuffa! :-(

Ma non volevo essere pessimista. E' il caldo. Giuro che il primo che mi dice che gli piace il caldo lo strozzo.

A parte questo dettaglio, stavo riflettendo sulla crisi anche perchè il post di Yanopin e i commenti al seguito mi hanno fatto riflettere. Si perchè la crisi la sentono tutti. Almeno a parole. Poi pero' nessuno (me compreso eh) vuole rinunciare a nulla o quasi. Per la maggior parte degli Italiani telespettatori il campionato di calcio è un diritto inalienabile (anche se ormai è praticamente a strapagamento) e l'auto nuova un diritto umano. Lo stile di vita che andiamo conducendo da una trentina d'anni a questa parte non è negoziabile.

Ma tutto questo d'altronde va d'accordo con la politica attuale Americana, Italiana e anche di molti altri paesi europei alle prese con un debito pubblico imbarazzante.

Vi faccio riflettere su una cosa che ho accertato facendo le ricerche per questo post: In America il debito è di 2000 miliardi di dollari. In Italia Il debito pubblico è di 1663 miliardi di Euro. Al cambio attuale fanno 2390 miliardi di dollari. Cioè siamo più indebitati degli Americani. E non di poco, del 20%!! Il problema è che il debito pubblico andrebbe calcolato pro capite... e gli americani sono un tantino più di noi....

Altro che risoluzione della crisi!!!

Fonte qui e qui.

Vignetta gentilmente concessa da GavaVenezia (grazie Marco per la concessione!).

yanopin
Accipicchia, non si può stare tranquilli nemmeno nel proprio giardino anche se sai che il vicino non è un tipo agressivo. Ma un giorno, la ragazza del vicino lo lascia e lui decide di farla finita, però.... preso da un articolo provinciale: "RONCADE (Treviso) — Aveva deciso di farla finita. E aveva anche deciso come. Sa­peva dove trovare il fucile, lo aveva imbracciato. Ma nel tentativo di puntarlo contro se stesso qualcosa era andato storto, dall’arma a palletto­ni è partita una raffica di col­pi. I proiettili, però, hanno colpito alle gambe un quarantenne che stava caricando la mac­china per le ferie nel giardino della casa di fronte. L'uomo cade a terra raggiunto dai proietti­li alle gambe è subito allar­me: sul posto si precipitano i carabinieri che informano im­mediatamente la procura. Una tragedia sfiorata che nasce da una delusione d’amore. L’innamorato re­spinto è un cittadino rome­no. Trent’anni, operaio, l’uo­mo vive insieme a una cop­pia di anziani a Roncade. Ama una donna che non lo ri­cambia. O meglio, non più..."
E il vicino voleva andare in ferie.... che sfiga!!
P.S. ma avete notato che bella foto ho trovato!?
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
Silvia
Vi siete mai chiesti se riuscireste a vivere senza le comodità di oggi e senza il superfluo?
Bè.. io ho iniziato a rifletterci per la prima volta quando in una trasmissione televisiva ho sentito parlare della sig.ra Heidemarie Schwermer che da ben 13 anni vive grazie al "baratto".
Ha rinunciato a tutti i suoi beni per sperimentare una vita senza denaro, basata sull'ospitalità, lo scambio e la reciprocità e vi ha pure scritto un libro (naturalmente basato sulla critica del capitalismo dei giorni d'oggi) i cui proventi son poi stati donati a persone meno fortunate.
La cara signora è una psicoterapeuta che mette a disposizione la propria attitudine personale in cambio di vitto e alloggio.
Direi che la cosa è al quanto ammirevole. Quando l'ho sentita parlare e ho iniziato a riflettere sull'argomento mi sono sentita abbastanza egoista e superficiale.
Tuttavia non credo riuscirei a rinuncare a tutto per sentirmi più libera. Forse perchè sono nata in un'era in cui il benessere e il superfluo in realtà sono diventati l'indispensabile e senza una mia casa, un'auto, un telefonino.. insomma.. una qualsiasi cosa che mi gratifichi per le fatiche che ogni giorno faccio andando a lavorare non riuscirei a stare.
Se poi penso alle vincite del superenalotto che in questi ultimi mesi hanno fatto correre gli Italiani ai botteghini nella speranza di diventare milionari.. allora credo che il 90% della gente purtroppo la pensi come me e cioè che il benessere e una vita agiata permettono di vivere con serenità e in piena armonia.
Naturalmente bisogna cercare di non basare il tutto solo sui soldi in quanto il detto "i soldi non fanno la felicità" in parte è reale. Si, perchè se non hai nessuno con cui dividere questa gioia.. allora forse non ne vale la pena, vivresti sicuramente degli anni bellissimi visitando il mondo e sperimentando un sacco di novità ma nel lungo tempo non avresti nessuno con cui condividerlo.. e credo che alla fine sia questo il vero segreto del vivere bene.. l'amore!
Chissà se qualcuno condivide le mie stesse idee...??!?!?!
Un abbraccio a tutti!!
Etichette: , , 5 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Finalmente un telefonino per i fumatori, specialmente quelli che si dimenticano sempre gli accendini dappertutto. Dopo i telefonini che fanno foto, che ci ascolti la musica, che vedi la tivù, che ti colleghi in internet, che fanno restare in contatto con i tuoi amici tramite facebook arriva il telefonino che ti accende le sigarette. Oooohh! Finalmente qualche cosa di veramente utile :)
Come al solito è un articolo Cinese, che magari per qualità non è eccelsa, ma ha sempre quel qualcosa in più. Anch'io, da poco, mi sono comprato un cellulare Cinese di una marca che non riuscirei nemmeno a scriverla. Speso poco, qualità discreta, ma ci vedo la tv analogica gratuitamente, e vi dico che mi ha già salvato una volta. Una Domenica ho dovuto portatare la mia dolce metà in ospedale per dei dolori alla schiena e pancia, proprio la Domenica del MotoGp. Tenuta in monitoraggio più di un ora, intanto io, in sala d'attesa, mi sono guardato il MotoGp e le interviste con il mio amico cinese.
Questo Lighter Phone, non l'ho provato, ma mi aveva incuriosito il discorso di accendisigari incorporato. Mi piacerebbe averlo per un giorno e vedere se realmente la serpentina incandescente riesce ad accendere le sigarette. Mi domando però quanto potrebbe durare la batteria. Sul sito seabright.cn, dove ho trovato il Lighter Phone, ce ne sono di veramente bizzarri.
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Ebbene sì! Le ferie son terminate, almeno per il 90% della popolazione italiana, me compreso. Infatti questa mattina ci ho messo 40 minuti per fare 25 km per arrivare in fabbrica. Ritorna il traffico mattutino dei pendolari e di tutti i lavoratori che usano furgoni e auto. Non mi sono nemmeno accorto di esserci stato in ferie, anche perchè io ho fatto solo una settimana. Nemmeno il tempo di adattarmi ad essere in vacanza che m'è toccato riprendere la solita routine di ogni giorno. A voi le ferie come sono andate? Siete usciti dall'Italia o come la maggior parte degli Italiani avete passato le vacanze estive risparmiando un po' di soldini e le avete passate nei dintorni? Spero che almeno vi siate rilassati a dovere. Io avendo poche ferie le ho passate in città. Le giornate restano ancore belle soleggiate, e visto che a me l'estate piace, anche se il periodo è un po' troppo caldo, spero restino così ancore per molto tempo.
Vi lascio con il video del tormentone della canzone dell'estate 2009 arrivata direttamenta dalle spiagge delle isole Spagnole, così vi resta un po' di vacanze nelle orecchie (e anche negl'occhi).
Buon ritorno alla routine anche a voi!
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Qualche tempo fa scrivevo come risparmiare 4 euro ogni volta che si prendeva l'autostrada dalla tangenziale di Mestre per andare in direzione milano. Che poi con aumenti vari erano diventati 4 euro e 20.

OK. Ho trovato il modo di risparmiare un sacco di soldi anche dall'altro lato.  Adesso vi spiego come pagare 70 cent anzichè 2,30 per quando andate dalla tangenziale verso Treviso sud, direzione Belluno. Hanno costruito il nuovo casello del passante a Preganziol. Solo che in pratica è più Mogliano Veneto che Preganziol. Si tratta di uscire dalla tangenziale a mogliano Veneto, che è l'ultima uscita prima di prendere la Ve-Bl. Da lì si deve seguire per autostrade. In pratica si va al casello del passante di Preganziol che è a due minuti di auto e che consente di prendere la Ve-Bl da lì anzichè dalla tangenziale. In questo modo la tariffa per  fare il tratto  Venezia - Treviso Sud si abbassa di ben 1,60 euro. 

Stesso discorso vale per il ritorno. Prima di uscire dall'autostrada c'è lo svincolo per il passante. Si prende quello, si fanno 200 metri di passante e si esce a preganziol. Una volta usciti si seguono le indicazioni per Mogliano Veneto e per autostrade e si rientra in tangenziale di mestre. Tempo totale 2 minuti. Totale risparmiato... 3,20 euro!!

E' più lungo da spiegare che non da fare.  

Avanzo sempre il caffe' eh...

Etichette: , , , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Non lo so se sia un fake... ma anche se lo fosse è decisamente carina. Per tutti gli amanti dei Simpson ecco a voi la nuova sigla! :-) come dite? già lo sapevate? pazienza... 
Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Questa poi non me la sarei mai immaginata!! Preso dall'articolo del Corriere del Veneto: "Multato perché «spacciava» grano per i colombi. Sacco di mangime nascosto sotto la giacca, un mantovano è stato pizzicato dalla po­lizia municipale a smerciare il vietatissimo cibo per piccioni. Al passare dei turisti l’uomo mostra­va di sottecchi la mercanzia e agli interessati chie­deva in cambio del grano un’offerta in denaro..." Come siamo presi male ragazzi!!!
Siamo passati anche allo spaccio di grano per colombi in piazza San Marco, ormai per far soldi ci inventiamo proprio di tutto, e l'idea poi gli è venuta ad uno che non è nemmeno del posto, cioè s'è fatto i chilometri per raccimolare del "grano" per vivere...
Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Eccomi, nonostante il caldo. E stavolta la polemica è grossa. Perchè ho scoperto cose che scommetto che nemmeno voi sapete. Ma andiamo con ordine. Il superenalotto ultimamente sta facendo molto parlare di sé. Ma ci sono delle cose che cominciano a puzzare. Ovviamente puzzano le continue mancate vincite. Perchè se è vero che indovinare i famosi sei numeri è indubbiamente difficile è anche vero che ci sono milioni di giocatori che ci provano. E di questi milioni di giocatori ci sono centinaia di migliaia di sistemi che quindi fanno salire il numero delle combinazioni tentate ancora di più. Ma la statistica non è il mio forte e poco mi interessa a dire il vero.  

La cosa che invece ho scoperto (anche se non è certo un segreto di stato eh) è che a partire dal concorso n° 79 del 02 luglio 2009 Superenalotto e Superstar hanno un'estrazione dedicata.
I numeri della sestina vincente non dipendono più dai primi estratti delle ruote del Lotto.

Il problema è che c'è gente che si sta rovinando inseguendo i numeri ritardatari che oramai non hanno più alcun legame con il superenalotto come invece era prima. Prima era abbinato alle estrazioni del Lotto del martedì, del giovedì e del sabato, delle quali dovevi indovinare i 6 numeri primi estratti delle ruote di Bari, Firenze, Milano, Napoli, Palermo e Roma. Adesso non è più così.

Si chiudono in una stanza della sisal e fanno l'estrazione come vogliono loro. Si puo' seguire l'estrazione solo qui  e non è detto che sia in diretta. Anzi, sotto si legge che in caso di troppi accessi il servizio verrà erogato in modalità flash. Cioè registrato. E poi è tutto automatizzato. Delle sfere vengono estratte da un macchinario che sembra gestito dal caso. Ma è comunque una meccanismo elettronico che gestisce il tutto... e onestamente mi fidavo di più quando c'era il bimbo che faceva l'estrazione bendato. 

Il fatto che si siano guardati bene dal diffondere la notizia è emblematico. Lo sanno solo gli addetti ai lavori e chi proprio è un maniaco del SuperEnalotto. Che adesso dovrebbe chiamarsi SuperEnaSisal. Tristezza.

Forse sono un po' troppo pessimista. Ma come sempre... a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca.

Un vecchio Presidente della Repubblica - Luigi Einaudi - diceva che il Lotto è la tassa sugli stolti . Nessuno è obbligato a giocare. 

Io aggiungo che obbligato no, ma fortemente spinto, invogliato, martellato, quasi plagiato dalla pubblicità diretta ed indiretta... quello si! 

Meditate gente...

yanopin
In questi giorni si parla veramente tanto, e giustamente, della pulizia delle spiagge e dei nostri mari. L' altro giorno sul programma di Rai3 "Alle Falde del Kilimangiaro" con Licia Colò, parlavano proprio della durata di certi materiali gettati in acqua. Mi sono subito informarmato sui tempi di decomposizione dei materiali e ho scoperto dal sito pubblicitario del Ministero dell'Ambiente che i mozziconi di sigaretta ci mettono 2 anni a decomporsi, la lattina in acqua ci mette 100 anni invece sulla spiaggia ce ne mette 1000 di anni. La plastica è un materiale bastardo, non se ne vuole andare mai, un contenitore in plastica ci mette minimo 300 anni per decomporsi e pensate che le tessere ricarica telefonica e le tessere telefoniche ci mettono la bellezza di 1000 anni. Questo per farvi capire che se veramente ci teniamo al nostro habitat e al nostro paese, facciamo uno sforzo in più e due passi in più e buttiamo l'immondizia negli appositi cestini, specialmente quelli che si possono riciclare.
E se siete davvero degli Ambientalisti, esistono materiali biodegradabili al 100% con i quali si creano oggetti per tutti i giorni. Tipo il Reclaim (vedi foto) che è un cellulare 'verde', fabbricato con materiale ottenuto dal mais riciclabile, prodotto da Samsung che sarà in commercio dal 16 agosto negli Stati Uniti. Per vederlo in Europa dovremo attendere il 2010.
Oppure ho trovato un sito di e-commerce Italiano dedicato ai prodotti usa e getta biodegradabili e compostabili al 100%, Bio Posate, Bio piatti, Bio bicchieri e tutti quei prodotti di largo consumo destinati a trovare una collocazione nel mercato, tra gli utenti ecosensibili che preferiscono l' utilizzo di oggetti rispettosi della natura. Il sito si chiama QuiBio.
Vi ricordo che questo consiglio non vale solo per le spiagge, mi raccomando ragazzi cerchiamo di tenere pulito tutto il nostro paese, così non serve andare all'estero per vedere bei paesaggi e bellissime spiaggie, ce le abbiamo pure noi!
Etichette: , , 6 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Che tristezza. Ogni estate la solita storia. Da fine giugno terminano più o meno tutti i programmi televisivi più importanti. Luglio e agosto potremmo anche buttare la tv in discarica. Repliche patetiche e riciclo all'infinito di vecchi programmi. La tv d'estate è in vacanza. Ma mica come tutti noi comuni mortali solo per la quindicina di agosto. No, loro vanno in ferie per due mesi. Con buona pace di chi non va in vacanza ed è costretto a subirsi le più vecchie puntate di la sai l'ultima o di scherzi a parte. Di programmi come striscia la notizia o report nemmeno l'ombra. Come se d'estate non ci fossero ingiustizie o problemi da affrontare in tutta Italia.

E non parlo solo dei canali normali eh. Non è che il satellite se la cavi poi molto meglio. Hanno fatto i finali di stagione in Luglio e poi in agosto... click. Buio.I simpson su fox sarà la quarantesima volta che ripetono tutte le serie dal principio. Per non parlare del dottor house o dei vari C.s.i. . 

Insomma fatto salvo qualche programma sportivo o qualche gara (quest'anno di nuoto e non di calcio per fortuna) la tv Italiana è una vera miseria. Posso dire che con sky per fortuna c'è una tal varietà di canali e programmi che in un modo o nell'altro si trova sempre qualcosa da vedere. Per i maniaci di internet invece vi consiglio di collegarvi a rai.tv, dove oltre  a vedere i programmi rai in diretta ci sono anche un sacco di cose registrate molto carine. Teniamo duro altri 15-20 giorni. Poi tornerà anche il grande fratello.... e allora si che saremo a posto!!

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Le candid camera ormai son cose da anni 80. Ma questa qui è veramente carina e ve la ripropongo. COn un trucco elettronico fanno apparire sullo schermo di sorveglianza la morte e... guardate voi! :-) 

2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

E' estate piena. Siamo nel clou delle ferie. Molti sono in vacanza e a me il caldo toglie le forze di pensare, figuratevi di scrivere qualcosa di intelligente. Ma nei prossimi giorni ritorno, non vi preoccupate. Nel  frattempo guardatevi queste immagini. Almeno loro sono fresche e quanto di più estivo si possa immaginare!! 

Riporto da repubblica.it: "Un conto è al cinema, con tanto di computer per gli effetti speciali: che sia un uragano o uno tsunami. Un conto è "entrare" nell'evento. Ed è per questo che gli scatti di questa galleria hanno dell'incredibile. Per la qualità ma anche per il coraggio dimostrato. L'autore è Jacob Cockle fotografo ma appassionato di surf. In questa selezione il giovane "kamikaze" inglese è riuscito nell'impresa di fotografare cosa accade "dentro l'onda". Il risultato è davvero straordinario."

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
Silvia
E' davvero così.. fino a quando le cose non ti capitano, non riesci davvero a darne il giusto valore. Da quando sono incinta sto scoprendo un mondo al quale non pensavo di appartenere.
Uno dei disagi più grandi che sto provando è il fatto di non essere più totalmente autonoma, di avere difficoltà nel muovermi in macchina e soprattutto di non trovare parcheggio in centro città o al supermercato ma di dover fare un sacco di strada a piedi con un pancione che mi impedisce una piena autonomia.
Sto per entrare nel nono mese e le mie capacità fisiche sono molto ridotte inizio a provare un serio disagio nel muovermi e capisco le necessità dei disabili nell'avere posti riservati e comodi per poter solamente vivere la propria vita il più normale possibile. Già perchè di normalità si tratta.. una normalità che però noi "fortunati" non riusciamo a comprendere fino a quando non ci capita qualcosa che ci fa soffermare su questi aspetti della vita a cui forse dovremmo fare più attenzione.
Per oggi sono stata sufficentemente polemica e seria quindi vi saluto e vi lascio forse con un piccolo pensiero a chi spesso è meno fortunato di noi.

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Dall'articolo del Corriere del Veneto:"Sempre più numerose le tartarughe spiaggiate sui litorali del Veneto: il culmine dell’estate fa aumentare gli avvistamenti di questi rettili che finiscono in riva al mare, ma solo per pochi di essi è possibile fare qualcosa. Gli ultimi avvistamenti sono avvenuti al Lido di Venezia e Pellestrina...." Scusate la mia ignoranza, ma non sapevo neppure che ci fossero delle tartarughe marine nei nostri littorali...
L'altra volta ho parlato dei delfini spiaggiati ora le tartarughe, ma che razza di mare inquinato abbiamo per far perdere l'orientamento agli animali marini?!
Mi preoccupa la facenda, non solo per queste povere creature che finiscono male, ma anche per noi che andiamo al mare con i bimbi e facciamo il bagno in queste acque.
Eppure ogni anno fanno una stima delle acque dei nostri littorali dando il benestare con le bandierine blu, a chi dobbiamo credere, ai chimici umani oppure alla natura??
Mi sento un po' troppo drastico, sto diventando come Omar, trovo del marcio dappertutto!! :) Scherzo Omar.
Però un po' mi fanno pensare queste situazioni.
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
No, non nel senso che le risate sono in ferie. Voglio solo dare qualche spunto a quelli che sono in vacanza ma sono a casa, per un motivo o per un'altro. E magari vogliono impiegare il loro tempo libero per fare qualcosa di divertente. Ecco che allora vi propongo questo sito, sul quale io c'ho perso qualche ora, ma poi mi son dovuto imporre di smettere perchè era una specie di droga.

Sto parlando di nonciclopedia. Probabilmente molti di voi la conosceranno. Ma io l'ho scoperta da poco appunto. E' un po' la parodia della ben nota wikipedia, ed è veramente esilarante.

Vi invito a scrivere nell'apposito spazio di ricerca a sinistra qualche parola e leggere il risultato. Provate con sesso per esempio, o con il nome di qualche politico. Poi sarà un po' come wikipedia, piena di collegamenti alla qualunque per cui non si riesce più a smettere di leggere.

Ad esempio alla voce "differenze fra uomo e donna" si legge:

Seduzione secondo la donna

Secondo la donna, questo è un caso di abbordaggio ideale:
- M: “Salve, per caso conosci la direzione?”
- F: “La direzione per cosa?”
- M: “Per il tuo cuore!”
- F: “(Fingendo di ridere)Ihih, come sei dolce”
- M: “Anche tu... sai, se i tuoi genitori non si fossero incontrati, sarei l'uomo più triste del mondo”

Insomma, l'uomo sfodera tutti i metodi di abbordaggio che ha trovato su internet, la donna si finge divertita e dopo 3, 4 ore forse si ottiene ci si scambia il contatto MSN e al 6°-7° appuntamento "forse" si avrà un bacio


Seduzione secondo l'uomo

Secondo l'uomo, invece, è così che dovrebbe funzionare l'abbordaggio:
- M: “Ciao, ti offro qualcosa?”
- F: “Ok, grazie”
- M: “Comunque... io mi chiamo Vegezio”
- F: “Piacere Vegezio, io mi chia...”
- M: “Senti, non me ne frega nulla del tuo nome e di tutta la storia della tua vita! Sono 3 ore che andiamo avanti con queste cazzo di formalità e discorsi di merda e ho ottenuto solo il contatto MSN!... me la vuoi dare o no?”
- F: “Ma... veramente ...io”
- M: “Casa mia?”
- F: “(indignata, si alza e se ne va)”
- M: “Ma non hai dimenticato qualcosa?”
- F: “Cosa?”
- M: “ME!”
- F: “(infuriata) Ma cosa diamine vuoi ottenere così?”
- M: “Beh ecco... Non mi si drizza più... mi daresti una mano?”

Infine non si conclude nulla, ma in compenso i tuoi amici si faranno grasse risate. Nei casi più drastici si ottiene una bella denuncia per molestie «Se fossi te scoperei con me»
(Secondo l'uomo è una frase che funziona sempre)

Seduzione secondo i gay (ambo i sessi)

Tra gli/le omosessuali la questione e molto più semplice e molto meno ipocrita che sopra:
- G1: “Ciao!”
- G2: “Ciao!”
- G1: “Scopiamo?”
- G2: “Ok, andiamo!”

E tutti vissero felici e contenti.

Se diventate dipendenti da nonciclopedia io vi avevo avvertito! :-) Buone vacanze!



Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
E sì ragazzi, ora si nota proprio che molti di voi sono andati in ferie, gli uffici sono chiusi e di visitatori, specialmente in questo week-and, sono stati inferiori alla media.
Io, per arrivare in fabbrica a Noale ci metto 10 minuti di meno, nelle strade ci sono pochissime macchine e specialmente pochi camion e furgoni.
Su un punto di vista, diventa una magra consolazione essere ancora a lavoro, almeno non mi stresso già alle 7 e 30 del mattino per i soliti ingorghi o furgoni a rallentatore.
Per quanto le statistiche dicono che 20 milioni di Italiani si sono spostati nelle zone balneari, io penso che tanti siano rimasti in centro città nelle loro case con l'aria condizionata e al massimo passando la giornata in piscina o in puro relax con la famiglia. Non solo per la crisi monetaria di quest'anno, ma penso anche per non imbattersi alle solite lunghe code per arrivare in villeggiatura e vari stress dovuti ai lunghi viaggi. Lo so sto cercando di convincermi che sono felice di restare in città a lavorare, ma non ci riesco. Avrei proprio voglia di staccare dalla routine di tutti i giorni a spaparazzarmi in riva al mare a non fare assolutamente un c....
Intanto aspettando il mio momento, vi faccio gli auguri per delle buone ferie!
Etichette: , 3 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

"Entrano in vigore le nuove norme del codice della strada, presenti nel pacchetto sicurezza. Per automobilisti, motociclisti e ciclisti ci sarà un incremento delle multe di notte, dalle 22 alle 7 del mattino."

Si si, anche per i ciclisti. Ovviamente se hanno la patente. Quindi se uno non ha la patente e fa una caxxata in bici nessuno gli dice nulla. Se invece ha la patente giù di multe e punti... 

A me sembra propio una cosa "all'italiana". In ogni caso fondamentalmente è inutile inasprire le pene se poi nessuno fa i controlli o se i controlli sono compiacenti. A parte il caso della Padova-Bologna dove c'è il tutor, nel resto delle autostrade d'Italia i controlli sono inesistenti. E se ti metti a 130 all'ora sulla corsia di sinistra ti ritrovi a essere oggetto di continui insulti di quelli che ti sorpassano a 150 o più. E' sotto gli occhi di tutti e risaputo. E allora? A che servono queste nuove norme? Solo a far lavare la bocca ai politici che diranno di aver fatto molto per ridurre gli incidenti sulle strade.

Basterebbe invece una legge piccola, giusto due righe: "non si fabbricano e non si vendono più automobili che superino i 130 Km/h". Punto. Ma siamo nell'utopia, e le cose semplici non sono di questo mondo. Meglio che ci siano sempre più congegni per salvare la vita ma solo dopo che è stato fatto l'incidente, in modo che la macchina sia distrutta, ma te ti salvi per potertela comprare nuova e far "girare l'economia". Che triste.

E vedo troppa gente in giro che usa il cellulare mentre guida. Scrivono messaggi, leggono, telefonano. Forse il telefonare è la cosa meno pericolosa. Ed esistono gli auricolari che sono pure più comodi, oltre a essere meno dannosi.

Una cosa carina, ma anche qui applicata all'italiana, è invece la norma che prevede sanzioni amministrative da euro 500 a euro 1.000 a chiunque "insozza" (così è scritto nella legge n.94) le strade pubbliche mediante getto di rifiuti o di oggetti dai veicoli in sosta o in movimento. Quindi se volete gettare una cartaccia per terra vi basta scendere dall'auto. La multa infatti per chi getta a terra robaccia ma è a piedi è di 23 euro. Una bella differenza. 

Credo che basterebbe un po' di educazione, ma vedo che invece manca. Io ho un tabacchino poco distante dal mio negozio. E buona parte di quelli che si comprano le sigarette passando poi qui davanti stanno scartando il pacchetto e buttano senza problemi il cellophane e la cartina argentata in terra. Questo nonostante il cestino ci sia e sia a due (due due eh) passi da loro. Per non parlare poi dei mozziconi di sigaretta. Ma non ho mai visto in dieci anni che son qui un vigile dare una multa per questo, nonostante i vigili ci siano invece per i divieti di sosta. Insomma è la buona educazione che latita....

omar Fardin
OK, sono sempre un po' polemico, lo so. E spesso tratto argomenti che i più bollano con la frase "eh vabbe' ok, ma tanto io non ci posso fare nulla".

E allora? Non devo più parlarne di certe cose? non sarebbe da me. Mal che vada saltate il post, il blog contiene centinaia di altri post, guardatevi l'archivio! :-)

Oggi ho trovato una notiziuola che riguarda le multinazionali farmaceutiche. Vi siete accorti che stanno parlando di febbre suina come se già avesse decimato la popolazione mondiale? Ma lo sapete che nessuno puo' prevedere una Pandemia? non è che i virus vengono lì e ti avvertono. Vedono solo che è un tipo di virus agressivo, ma poi ci sono innumerevoli fattori che favoriscono o rallentano un'influenza. Il clima in primis, e di certo non è prevedibile quanto farà freddo.

In ogni caso la medicina che sembra funzionare contro questa influenza è il tamiflu. E visto che ci dicono a gran voce che l'influenza si estende su scala globale, le nazioni in via di sviluppo stanno tentando di produrre una versione economica del Tamiflu. Roche, l'azienda che produce il farmaco, si oppone però a una mossa che potrebbe salvare centinaia di migliaia di vite. Secondo Johann Hari, sull'Independent, Roche avrebbe addirittura il sostegno dell'Organizzazione mondiale della Sanità. 

Non voglio tediarvi qui. Ma vi consiglio vivamente di leggere questo articolo. Così, almeno per sapere che se moriranno tante persone un responsabile c'è, ma non è il povero virus...

Etichette: , 6 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Eccomi. Ebbene si... son tornato!

Avete mai acquistato una stampante? Immagino di si. Io con il mio lavoro di stampanti ne ho cinque. Di vario genere. Ma da sempre quelle più problematiche sono quelle a getto d'inchiostro.

Mi viene troppo il nervoso se penso che compri una stampante completa a 70-80 euro e poi spendi la stessa cifra se non di più ogni volta che devi comprare le cartucce. Ma quando compri la stampante le cartucce ci sono, comprese. E allora delle due l'una: o ci fregano dandoci robaccia senza valore quando ci vendono la stampante o ci fregano alla grande quando ci vendono le cartucce. Ovviamente è la seconda. Vendono le stampanti praticamente a prezzo di costo per poi guadagnarci alla grande con i consumabili. Io l'ultima volta ho comprato la stampante nuova direttamente.

Si lo so che esistono le cartucce non originali. Ma per esperienza mia se poi non usi molto spesso la stampante con le rigenerate è inevitabile l'intasamento delle testine che poi necessitano di infiniti cicli di pulizia testine e di infinite sequele di santi tirati giù dal paradiso...

Adesso la Epson sta per lanciare sul mercato una nuova stampante di nuova concezione. Riporto dal sito epson:

"Epson EC-01 la prima stampante senza cartucce.
EC-01 è un progetto sperimentale di Epson Italia a favore dell'ambiente. Una volta esaurito l'inchiostro, infatti, la stampante può essere restituita al punto vendita per essere rigenerata. Contiene l'inchiostro necessario per stampare fino a 8.000 pagine."

Di bello c'è che è veramente ecologica, visto che alla fine deve pure essere restituita al punto vendita per il rigenero. Consuma molto poco e stampa un sacco. Anche se 8000 pagine A4 sono calcolate con pagine di testo, non certo con foto. 

Di brutto c'è il prezzo iniziale. Poco meno di 400 euro. (meno 50 euro per rottamazione vecchia stampante) Ma tenete presente che un kit di cartucce di inchiostro per le stampanti comuni arriva a stampare benissimo che vada 500 pagine. (ovviamente dipende dal modello). Quindi facendo 4 calcoli... conviene di brutto. Conviene anche se paragonata alle cartucce rigenerate. Certo... tirar fuori subito 400 euro... Diciamo che la maggior convenienza sarà per chi la stampante la usa tutti i giorni, tipo uffici o scuole. 

Staremo a vedere se avrà successo. Ma sarà dura far capire la convenienza a lungo termine. E' più facile vendere una stampante da 70 euro e poi chi-se-ne-frega. Intanto pero' è un passo avanti. Speriam bene!

Etichette: , , 3 commenti | |
Reazioni: 
yanopin

Per tutti quelli che sono già partiti per le vacanze (fortunati voi), volevo avvertirvi delle nuove normative estive dei vari comuni. Normative sempre più strane e fantasiose.
A Eraclea sono vietati i castelli di sabbia, chissà forse le ultime sculture fatte dai bimbi erano di 30 Mq alte 5 piani e davano fastidio ai turisti. A Sanremo è vietato circolare in costume, e questo lo capisco visto che Sanremo resta sempre una Città di un certo livello. A Forte dei Marmi son vietati i tagliaerbe, motoseghe e soffiatori. La gente vuole la tranquillità, dunque se avete una casetta con il giardino dovete adoperare i tagliaerba elettrici silenziosi e per soffiare via le foglie inspirate bene a polmoni pieni e via. A Positano non si possono fare fuochi per feste private, dunque per una grigliata all'aperto l'ungo il mare richiedete un permesso al comune e fate pagare l'ingresso. A Capri, mi raccomando, non adoperate gli zoccoli in legno che sono troppo rumorosi, potreste incombere in una multa salata, riprendiamo le bellissime espadrillas :)
A Vicenza, chi è rimasto in città, si ricordi che le panchine sono vietate ai minori di 70 anni, per non prendere multe e volete farvi una passeggiata portatevi con voi al massimo una sediolina tipo pic-nic se per caso sarete un po' stanchi. Ad Azzano Decimo non si può circolare con il burqa (su questo sarei d'accordo su tutt'Italia, ma questo è solo un mio pensiero), dunque donne fatevi vedere in viso che siete tutte splendide anche se la vostra religione è diversa dalla nostra.
Ed infine per chi è in villeggiatura a Eboli, non fermatevi in auto con la fidanzata o moglie per un paio di baci innocenti, sareste multati dai vigili. Piuttosto fate del buon sesso in acqua che fà anche da ginnastica.
Io intanto resto a casa con sta caxxo di influenza suina, aspettando la mia misera settimana di ferie. Buone vacanze a tutti.
Etichette: , 3 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Avete mai ricevuto telefonate promozionali? Impossibile non avrne ricevuta almeno una.
Per prima cosa sono fastidiose perche ti chiamano a qualsiasi orario, in più ti tocca alzarti dal divano per rispondere o a una signora che inizia a leggere un papiro su quello che ti offrono e devi sparagli per interromperla, o da un registratore computerizzato.
Quando mi chiamano quelli di Sky, gliela dico io la promozione perchè ormai la so a memoria.
Poi ci sono i gestori telefonici con le loro promozioni, gratis 1 mese, ti ridiamo tutti i soldi spesi e via così. Ho sempre il terrore che dietro ci sia il trucco.
Vi è mai capitato che dopo una telefonata da un gestore telefonico vi siete trovati con una linea telefonica bloccata oppure con qualche servizio non richiesto?
Non tutti sanno che esiste una delibera dell'Agcom, l'autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, che regolamenta la fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza. Secondo questa normativa, se da un lato è sufficente una semplice telefonata per attivare un contratto, dall'altro bisogna che in questa telefonata ci sia la descrizione chiara e dettagliata di tutta l'offerta e, soprattutto, la volontà inequivoca del titolare dell'utenza di concludere il contratto. L'azienda quindi, per essere in regola, deve conservare la registrazione integrale della conversazione telefonica.
Per evitare che succeda tutto questo basta comunicare al proprio gestore telefonico che non si intende dare il consenso alle chiamate promozionali, e anche direttamente ai promotori che ti telefonano gli si spiega che desideriamo essere cancellati dai loro database.
In questo modo, se si riceveranno ancora chiamate di questo tipo, si puotrà tranquillamente chiedere l'annullamento del servizio indebitamente attivato e non dover esser costretti a pagare nulla.
Un'altro modo per non essere disturbati telefonicamente è quello di farsi cancellare dall'elenco telefonico (pagine bianche) e ovviamente non dare il numero di telefono a chi non ci interessa e specialmente in qualche iscrizione via internet.
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
yanopin
Visto che il tempo è molto buono e speriamo tenga, abbiamo deciso di iniziare la Caccia al Tesoro proprio da questa domenica del 2 Agosto.
Le regole sono semplici: alla fine di questo post troverete delle coordinate satellitari le quali vi recheranno nelle vicinanze del primo indizio, che non sarà altro che un' altra coordinata per il prossimo luogo da visitare e dove trovare l'indizio seguente. Qui troverete anche degli indizi fotografici dell'ubicazione esatta dove cercare.
Alla fine della caccia dovete mandarmi, via e-mail (la trovate nel blog a destra), la scritta che troverete guardando a sud-est dal punto che vi porterà l'ultimo indizio, vi dico solo che è una scritta nera su sfondo artistico.
Al primo che risolverà l'arcano dilemma si porterà a casa il borsone della Diadora.
Al secondo si porterà a casa gli occhiali da sole della Shimano Nexus.
Al terzo classificato il pareo per la spiaggia.
Buon divertimento!
N 45° 29' 00" E 12° 16' 44"

Per i consigli vi rimando al primo post dedicato alla caccia.
Per qualsiasi domande o spiegazioni mandatemi pure un e-mail.
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: