omar Fardin
Già... ho scritto vivere biologico e non comprare biologico. Non è esattamente lo stesso. A comprare biologico son capaci tutti. Ammesso che siamo sicuri che tutto quello che viene marchiato come "bio" poi lo sia davvero. Ma vivere biologico be'... è un'altra storia.

Come si fa a vivere senza danneggiare l'ambiente e quindi noi stessi? Be'... innnanzitutto una precisazione. A meno che non decidiamo di tornare indietro di almeno un centinaio d'anni credo sia impossibile vivere a impatto zero per l'ambiente. Pero' possiamo limitare i danni. E di molto anche.

Vediamo in sti giorni i mucchi di immondizia del sud Italia e inorridiamo. Ma se andate ad analizzarli quei mucchi di immondizia ci trovate una prima spiegazione. C'è di tutto lì in mezzo. La raccolta differenziata non sanno nemmeno cosa sia e aspettano sempre che siano gli altri a farla.
Ecco allora che un primo passo potrebbe essere questo. Fare tutti e bene la raccolta differenziata. quanto più possibile.

E poi? E poi cercare di consumare meno prodotti dannosi per l'ambiente e per noi stessi. C'è gente che lava casa e bagno tutti i giorni con abbondanti dosi di candeggina. La candeggina ha l'innegabile proprietà di essere un potente disinfettante. Ma poi arriva tramite gli scarichi agli impianti fognari, dove distrugge anche i batteri che servono a disgregare i rifiuti biologici.
C'è gente che si lava usando quantità spropositate di bagnoschiuma, shampoo e quant'altro. Tutta roba che va negli scarichi, nelle falde e in ultima torna sempre a noi. Insomma... Bisogna che cerchiamo di essere un po' più coscienziosi. Nessuno puo' cambiare il mondo. Ma se tutti facessero qualcosa... si starebbe molto meglio.

Per cominciare forse non lo sapete, ma ormai in molte città si trovano in vendita i detersivi sfusi. E' un ottimo sistema per risparmiare almeno la plastica di milioni di flaconi buttati ogni giorno. A mestre per esempio li ho trovati facilmente. E devo dire che funzionano proprio bene. Allo stesso modo si puo' risparmiare di buttare cartoni e tetrapack comprando il latte sfuso. E' buonissimo e costa meno.

Ho trovato anche un sito interessante per chi vuole cimentarsi a fare il piccolo chimico. Ti insegnano come farsi in casa i detersivi con pochi e semplici mezzi. Non male come idea. Appena ho un po' di tempo magari provo!!

P.s. non sono molto presente in sti giorni, ma purtroppo il mio lavoro sta lasciandomi poco tempo... non disperate... non sparirò!
Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
E' arrivata la banda larga. Ma larga eh.
Dal prossimo gennaio il VEGA (che compra banda larga da Fastweb) metterà a disposizione delle imprese insediate 300 mb di banda oltre ad una importante copertura wifi.
Vega per chi non lo sapesse è il "parco scientifico-tecnologico di Venezia". In pratica una serie di uffici e di locali che nelle intenzioni dovrebbero ospitare aziende che hanno a che fare con l'information Technology.

"Da Gennaio infatti il Vega Park di Venezia si doterà di ben 300 Mb di banda (oltre a 170 hot spot wifi) dedicata alle imprese digitali che possono presentare dei progetti innovativi che usufruiranno di cotanta connettività."

Lo spot per il lancio di questa novità è appunto "cosa fareste con 300 Mb di banda larga?" e hanno organizzato un convegno per domani mattina venerdì 26 novembre 2010, con inizio alle ore 9.30, al VEGA.

Non entro nei dettagli tecnici. Li lascio a chi è più competente di me. Ma un amico un dubbio me l'ha messo. Se fosse che i 300 mb fossero in condivisione sarebbe una fregatura perchè se ci sono 100 aziende attaccate sono 3 mega a testa... come l'adsl normale. Ma sicuramente non sarà così.... vero?

Grazie a Sgio65 per la foto del Vega.
Etichette: , , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


Il 24.11.10 gli alieni si riveleranno a tutta l'umanità. Domani. Di nuovo. Ancora una volta torna il messaggio "derivato da attenti calcoli matematici" che dice che il tal giorno gli alieni si metteranno in contatto con l'umanità. Eeeeh be'...
Nel 2008 ne avevo parlato per un caso analogo. Ormai è la storia di Pierino che grida "al lupo". La volta che poi verranno davvero, se mai succederà... non ci crederà più nessuno. Ma mai disperare! Vedremo domani! Siete Pronti al contatto?

Se volete potete unirvi all'osservazione collettiva, leggendo qui.

Etichette: , , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
L'ho già detto un sacco di volte. Il mondo della scuola mi sta a cuore. Uno perchè l'ho vissuta da poco in prima persona. Due perchè sono fermamente convinto che la scuola sia una componente importante per lo sviluppo di un paese. Solo se c'è istruzione c'è progresso. Punto.

E il governo che fa? Piange, dicendo che non ci sono soldi per la scuola (oltre che per un sacco di altre cose), che bisogna tagliare e risparmiare e contemporaneamente aumenta gli stanziamenti per la scuola privata. Eccellente.
E chi ci guadagna? Solo e sempre il nostro amico Vaticano. Si perchè buona parte delle scuole private in Italia appartiene a loro. Chiudono ospedali, atenei e spariscono borse di studio, sovvenzioni, contributi. Ma i fondi alla scuola privata non solo non si toccano, ma anzi... aumentano pure rispetto allo scorso anno... Lo stato più ricco del mondo, il Vaticano, in un modo o nell’altro, riesce sempre a guadagnarci.

Come? non potete permettervi di mandare i vostri figli in una scuola che costa migliaia di euro all'anno solo di iscrizione? Affari vostri....
Etichette: , 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Volevo segnalarvi che La Stampa ha messo online il suo intero archivio storico. Ha cioè scansionato e messo online gratuitamente tutte le copie di tutti i quotidiani usciti dal 1867 ad oggi. Tratto dal sito:

[...] "L’ Archivio Storico La Stampa contiene la copia digitale dell’intera collezione di tutte le edizioni del quotidiano, dal primo numero del 9 febbraio 1867, quando si chiamava Gazzetta Piemontese fino al 2005. Tutte le pagine pubblicate durante questi 138 anni sono disponibili in formato immagine e testo digitale, così come i principali articoli (oltre 12 milioni) con la possibilità di cercare ed evidenziare tutte le parole che contengono."

Un lavoro titanico e decisamente interessante. Ho provato a fare qualche ricerca. Oltre ai vari nomi politici del passato (scrivete Mussolini o Hitler per esempio) è interessante anche scrivere anche altro.
Ricercando Idrogeno per esempio si trova un articolo del '58 in cui si afferma senza ombra di dubbio che "L'energia che sarà prodotta dalla fusione H costerà pochissimo, l'energia che si potrà ottenere da 23 litri di acqua marina avrà la stessa forza che oggi si ottiene da 10 tonnellate di carbone".
Eccellente.

Ho poi fatto una ricerca per la mia passione, scrivendo "Flipper" e sono usciti un sacco di articoli interessanti sui videogames in Italia, da quando i Flipper sono arrivati da noi e da tutte le polemiche che scatenarono... ma non voglio dilungarmi.

Vi do' qualche suggerimento. Cercate: Telefonino, Aspirina, Pane....

Fate qualche ricerca. E' interessante. E se trovate qualcosa di carino fatemelo sapere.
Vi consiglio di leggere direttamente dalla scansione del giornale, in quanto la ricostruzione Ocr soprattutto per le edizioni più vecchie ha qualche lacuna.
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Entrerà in vigore il 17 novembre 2010 il regolamento che istituisce il registro pubblico delle opposizioni, che accoglierà tutti gli abbonati telefonici che non desiderano essere contattati telefonicamente per fini commerciali o promozionali: gli abbonati potranno chiedere, gratuitamente e secondo modalità semplificate, che il proprio numero telefonico sia iscritto nel registro.

Siamo in Italia dove le cose funzionano al contrario. In teoria si dovrebbe fare una legge in cui si vieta di fare telefonate indesiderate. Nessuna famiglia può essere disturbata se non ha dato il consenso a ricevere chiamate. Invece si fa una legge che istituisce un registro dove gli utenti dovranno iscriversi (e non si sa ancora come nonostante manchi solo qualche giorno, anche se si parla di un numero verde da chiamare) se non vorranno ricevere telefonate pubblicitarie.

Al momento dell'iscrizione a sto fantomatico registro dovremo comunicare nome, cognome, codice fiscale e il numero di telefono che vogliamo preservare dalle chiamate promozionali. Da quel momento - almeno in teoria - saremo al riparo da pubblicità indesiderata. Ma nel regolamento c'è il trucco. E te pareva?All'articolo 2 infatti chiarisce che il registro protegge le persone presenti nell'elenco del telefono. Solo in quello capite? I call center potranno ancora raggiungere i numeri che abbiano ricavato (in modo lecito) da elenchi di altro tipo. Magari anche da elenchi creati ad uso interno da loro stessi.

Ha dell'incredibile tutto questo. Invece che tutelare gli utenti si continuano a fare gli interessi dei soliti noti.

Ovviamente chi ha istituito il registro dice che è un vantaggio per la riservatezza degli utenti ma anche uno stimolo per la competitività delle imprese, che potranno utilizzare con maggiore efficacia gli strumenti del telemarketing, indirizzando le proprie campagne solo a quanti non si avvarranno del "diritto di opporsi".

Siamo in Italia. Benvenuti!
Etichette: 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Consumi si. O pensavate che facebook consumasse solo l'energia necessaria per il vostro computer?
Un anno fa scrivevo che il più grande social network del mondo consumava un milione di dollari al mese in energia elettrica. Oggi saranno anche ben aumentati questi costi.
L'interconnessione di tutti i vostri amici, la possibilità di cliccare mi piace o non mi piace richiede un sacco di spazio in server che consumano energia elettrica, che riscaldano ambienti che vanno raffreddati consumando energia elettrica. Senza parlare dei costi di costruzione e di mantenimento di questi luoghi.

Insomma un bel problema. Non tanto per le casse di facebook che a quanto sembra tirano su un bel po' di soldi dalla pubblicità (anche se io qualche dubbio sulla copertura dei costi continuo ad averlo) , ma è un bel problema anche in termini ambientali.

Fa riflettere su questo punto la dichiarazione ufficiale di facebook che lo scorso gennaio ha annunciato che le sue nuove centrali dati in Oregon, ovvero le fabbriche che creano i collegamenti di cui parlavo prima saranno alimentate da un giacimento di carbone nello Stato dell’Idaho. Non c'è male.
Facebook, l'icona tecnologica del 2010 ....va a carbone.
E ovviamente lo stesso problema riguarda anche twitter, o tutte le realtà che spopolano in rete, ma Facebook è il più grosso, e l'unico che ha dichiarato da dove prende la sua energia.

Ma una potenza come Facebook non potrebbe pensare anche di ricavare l'energia che gli serve da fonti rinnovabili? In fin dei conti i server potrebbero essere messi in zone dove c'è abbondanza di sole o di vento ed essere alimentati, almeno in larga parte, da queste fonti. Ma ovviamente torniamo sempre lì... I costi. E' decisamente più economico attaccarsi alla rete elettrica e non farsi troppe domande.
Greenpeace qualche mese fa ha lanciato una campagna per invitare Facebook a rimediare...
La cosa è andata discretamente raccogliendo l'adesione di più di 500mila persone, e ora il direttore esecutivo di Greenpeace International Kumi Naidoo ha inviato una lettera aperta a Mark Zuckerberg chiedendo un cambio radicale nelle politiche energetiche della corporation.

Ce la faranno i nostri eroi?
Etichette: , 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Appaiono sempre più spesso nei banner pubblicitari su youtube. Appaiono anche negli annunci AdSense di google nei vari siti anche famosi. Ed è tutta fuffa. Ovvio.

Nonostante anche da più parti si mettano periodicamente in guardia le persone dal non farsi abbindolare da proposte miracolose di guadagno on-line, è un dato di fatto che Internet brulichi di siti che offrono promesse di questo tipo decisamente sospette, o almeno poco chiare.
Non metto link a questi siti per non fargli pubblicità gratuita, ma basta un ricerca su google per rendersi conto di questo. Scrivete cash online o cash generation e ve ne renderete conto.

Il funzionamento di quasi tutti sti siti è molto semplice: Ti invitano a fare delle giocate su vari casino' online con un metodo che loro dicono essere infallibile e che ti consentirebbe di guadagnare un sacco di soldi facilmente e senza investimenti. In realtà questi siti non fanno altro che convogliare traffico sui siti di gioco d’azzardo, con i quali sono affiliati e dai quali ricevono una commissione per ogni persona che ci va a giocare.

Inutile dire che i “metodi” consigliati da questi siti non hanno nessuna valenza matematica o scientifica. Leggo su uno dei tanti siti, che peraltro sono spesso fotocopie l'uno dell'altro: [...] "abbiamo trovato il modo di migliorare la tua fortuna attraverso la matematica. Anche se non sei un esperto di roulette, non avrai alcuna difficoltà nell'applicare il nostro metodo." [...] Di matematico e scientifico ci sono solo gli accessi generati ai vari casinò online.
Insomma, non fatevi infinocchiare. Per vincere al casinò, online o reale, ci voule solo il buon caro vecchio cu...!
Etichette: 2 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


Purtroppo in sti giorni ho poco tempo. Natale si avvicina e per noi negozianti è decisamente un periodo bello pieno...
Vi propongo questo filmato. Riprese effettuate in Brasile, qualche giorno fa. Decisamente impressionante. Sembra una costruzione di lego che cade...

Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin


La storia dei videogame in un rap-video americano, dall'atari alla wii. Be'... è ovviamente un riassunto un po' striminzito, ma l'ho trovato simpatico. Chi come me è cresciuto insieme a ste cose... saprà apprezzarlo!
Come ho trovato simpatica questa immagine di un cimitero. Sempre americano, ci mancherebbe. Oppure è un abile manipolazione photoshoppesca? mumble mumble... Chi se ne frega. In ogni caso in effetti un cimitero dove riposi pacman... non può che essere così!

Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin
Mi sono imbattutto inrete in questo sito: per i poco pratici dell'inglese vi dico io di cosa si parla.
Ci sono persone che credono seriamente che la Terra sia al centro dell'universo e che Galileo avesse torto.
E' interessante per quanto strambo il loro punto di vista.

Tratto dal sito:
"I dati scientifici a nostra disposizione negli ultimi 100 anni e che non erano disponibili durante il confronto di Galileo con la chiesa dimostrano che la posizione di quest'ultima sulla immobilità della Terra è non solo scientificamente sostenibile, ma è il modello più stabile e quello che meglio da una risposta a tutto ciò che osserviamo nel cosmo."
Se lo dicono loro...
Sostengono che il dibattito tra Galileo e la chiesa era molto più che una semplice divergenza di opinioni. E hanno sul loro sito la risposta ad ogni vostra domanda.

"Apri la mente e permetti agli autori dei libri di mostrarti fatti e cifre che sono stati nascosti al pubblico per molto molto tempo"
Già... la vendita di libri non poteva mancare no?

No dico... ce n'è di gente che ha tempo da perdere....
Etichette: 0 commenti | |
Reazioni: 
omar Fardin

Bene. Ho valutato il problema ed ho deciso di fare un post sull'argomento.
Ho trovato un interessante resoconto di Hardware upgrade.
In pratica il galaxy S ha un problema di ritardo nell'apertura della applicazioni e l'apparizione di schermate nere. Più che fastidioso per un telefono che costa più di 500 euro. E certo la spiegazione generica che da Samsung non è che mi convinca molto. E' incredibile come le aziende riescano sempre a minimizzare i problemi. Qualcuno dovrebbe dirglielo: "Caxxo ho speso una fortuna per un aggeggio che funziona di merda!!!" Fortunatamente la soluzione non ufficiale, creata cioè dagli sviluppatori di tutto il mondo, è già disponibile. Potenza del sistema operativo Android di cui è dotato sto telefono e che viene sviluppato dagli smanettoni di tutto il mondo. C'è da dire però che fondamentalmente non impedisce l'uso del telefono come invece avviene nel iphone 4.

Un paio di settimane fa è venuto in studio da me un rappresentante di una compagnia elettrica. Nulla di nuovo, passano tutti i giorni. Ha visto il mio imac e mi ha chiesto come mi trovavo. E lui mi ha mostrato il suo iphone 4 dicendomi che è un telefono stupendo ma.... che ogni volta che è al telefono cade la linea. Che gli tocca richiamare tutti i clienti più volte. E che alle sue proteste al centro apple come tutta risposta gli è stata regalata la famosa cover. Bella soluzione... davvero.

In ogni caso trovo assurdo che queste aziende immettano nel mercato prodotti che costano quasi uno stipendio e poi si scopre che hanno problemi. Siano cadute di linea o semplici rallentamenti non posso tollerare che spendo una cifra esagerata e poi son li a smadonnare per far andare l'apparecchio.
Evidentemente purtroppo le aziende hanno fretta di lanciare sempre nuovi prodotti e non stanno lì a perdere troppo tempo con test di tutti i generi. E anche se sanno di alcuni problemi poi preferiscono intanto lanciare sul mercato il prodotto e poi casomai rilasciare il nuovo software, o gli aggiornamenti o .... una cover. Ci vorrebbe un po' più di serietà... Ma non è di questi tempi. Oggi è tutto basato sulla frenesia e sulla corsa al nuovo prodotto sperando sempre di sbaragliare la concorrenza. Fregandosene del resto. Con buona pace dei clienti.
Io per ora ho il mio Ngm enjoy. E con meno di 130 euro sono un uomo felice! :-)
Etichette: , 1 commenti | |
Reazioni: