Unknown

Quasi un anno fa a quest'ora stavo meditando di comprare un computer nuovo. Alla fine come qualcuno di voi ricorderà mi sono deciso ed ho fatto il salto. Bene. A quasi un anno di distanza è ora di fare un po' di conti e di tirare qualche conclusione.

Smorzo subito gli entusiasmi dei mac-dipendenti. Pur non essendo del tutto deluso non sono rimasto folgorato dalla mac-mania. Ma andiamo con ordine. Premetto che queste sono le mie opinioni. non voglio convincere nessuno. ma ovviamente devo dire cosa ne penso. Il computer scelto (un i-mac da 21.5) è una gran bella macchina. Sul design non si discute. E' decisamente ineguagliabile. Ma siccome non è con il design che si lavora è giusto capire come stanno le cose sotto il bell'aspetto.

Notate che ho aspettato quasi un anno prima di scrivere questo post. Un anno di uso intenso, molto intenso. Se avessi scritto prima sarei stato di parte. Perché l'impatto è di quelli tosti. E all'inizio ho faticato non poco ad abituarmi al nuovo modo di lavorare. Non tutto è stato facile ed intuitivo come tutti mi dicevano. Il sistema operativo è nettamente diverso da windows. E questo comporta una serie ovvia di piccole incomprensioni.
Ma superate le logiche difficoltà iniziali più di forma che di sostanza ho iniziato a trovarmi di fronte ad una serie di problematiche di cui nessuno mi aveva mai fatto cenno.

Innanzitutto il software. Con il Mac ti danno la suite i-life, vendendotela come la panacea di tutti i problemi di un creativo. Palle. E' una suite di programmi penosa, degna di stare su qualche cd allegato all'acquisto di una stampante di second'ordine. E vi garantisco che mi son messo d'impegno per provarla.
OK, io forse son troppo esigente. In effetti il mio uso spesso richiede delle applicazioni un po' più professionali ed invece queste son pensate per un pubblico amatoriale. Probabilmente molto amatoriale. Non entro nel merito delle singole applicazioni altrimenti dovrei scrivere pagine di insulti. Ma non è ammissibile (ma vi garantisco che è così) che se creo una presentazione con i-movie poi per masterizzarla come dvd video io debba prima passarla (con relativa renderizzazione) per quicktime, poi ripassarla (con un'altra renderizzazione) per i-dvd e infine creare il dvd (con un terzo passaggio). E alle mie rimostranze qualcuno mi ha risposto che sono io che non sono abituato, che i programmi apple son tutti interconnessi tra loro e che quindi è normale...

Secondo aspetto. La comunicazione con il resto del mondo. Se uno si compra il mac e lo usa senza mai attaccarci un tubo probabilmente lo riterrà il miglior computer di sempre. Ma appena cominci ad attaccarci qualche periferica... apriti cielo. E sto parlando anche di semplici stampanti eh. Intendiamoci, non che non funzionino. Ma I driver ed i relativi programmi che ho avuto modo di testare e che prima usavo su pc son decisamente più scarni e poco intuitivi. Ovviamente qui mi si risponde che la colpa non è di apple, ma di chi crea i driver ed i software per mac che li fa in maniera diversa o meno accurata. Giusto. Ma io intanto ho dovuto installare una macchina virtuale con dentro windows (perché con windows i driver funzionano benissimo) per esempio per vedere i livelli di inchiostro della stampante epson.
E non sto qui a parlarvi del fatto che per fare trasferimenti di grosse quantità di dati in un disco esterno spesso il sistema si blocca. Come non sto qui a dirvi che molti dei programmi ai quali ero abituato su pc su mac non esistono oppure esistono in versioni decisamente inferiori e ridicole o, ben che vada, solo in inglese.

Terzo aspetto. La non infallibilità del sistema. Spesso sono le aspettative che ti fregano. Quando lo compri ti dicono che puoi dimenticarti le scermate blu di windows. Vero. Non sono blu infatti. Photoshop mi si è chiuso più volte "inaspettatamente" come dice la simpatica schermata che appare dopo il crash. La masterizzazione di cd e dvd fallisce spesso e volentieri. Anche usando programmi diversi. Proprio mentre scrivo queste righe ho tentato di masterizzare delle foto su un dvd. Si è inchiodato tutto e adesso non mi vede più il masterizzatore e dovrò riavviare tutto il sistema. E non è la prima volta.

E poi un paio di dettagli. La apple cura i dettagli. Ma allora perché diamine mi metti solo 4 porte usb, tutte nel retro quindi non certo comode, e tutte appiccicate? E perchè sulla tastiera non c'è il tasto canc??? Perché???? Diamine, a uno che scrive testo (ma non solo) il tasto canc gli risolve un sacco di cose. E non venitemi a dire che è lo stesso il backspace abbinato al tasto fn!

Insomma... non voglio tirarla troppo per le lunghe. E non voglio nemmeno dire che sia tutto pessimo e negativo, altrimenti a quest'ora l'avrei già dato via. Invece un po' perchè ci si abitua a tutto e un po' perché almeno spero di non dover formattare tutto due volte all'anno come con windows me lo tengo. I vantaggi di un mac non ve li elenco. Li trovate ovunque. Il mio voleva essere un punto di vista diverso dalla massa. Perché se qualcuno mi avesse detto tutto questo quando mi sono informato io per comprarlo... Magari l'avrei comprato lo stesso, ma con delle aspettative più corrette. Insomma, ci sono molti pro, ma ci sono anche dei contro, e quando si parla di apple i contro sembrano svanire nel nulla, anche di fronte all'evidenza. Per la cronaca... ho comprato proprio oggi il mouse nuovo per sostituire il magic mouse apple, che è decisamente troppo sensibile facendoti cambiare le pagine senza volerlo...

Sono stato un po' cattivello, lo so. E con questo post mi sono giocato tutti i lettori mac-dipendenti. Ma mi pareva giusto far sentire una voce fuori dal coro. Spero solo che le eventuali critiche siano costruttive...
Etichette: , , |
Reazioni: 
7 Responses
  1. Sam Says:

    finalmente un'opinione abbastanza neutra sul "Dio Mac"!!!


  2. Sam Says:

    cavolo....però scritto così sembra una bestemmia..... :(((
    non era quella l'intenzione...


  3. yanopin Says:

    E scese in terra per porre fine alle ingiustizie windowsoriane.....hahaha!!

    Ottima recensione Omar, ci siamo persi gli amici "melanini"....
    Scherzo, so che anche loro hanno capito la buna fede (e si riparla di religione)nella tua recensione..


  4. enrico Says:

    riprendo questo post perchè sono stato incuriosito da yanopin dopo una breve chiaccherata, e ho voluto leggere questo post, sicuramente il mio imac non è la perfezione, ma quando lo accendo posso fare subito quello che mi serve senza pensare a : installare driver per qualsiasi cosa, con relativo riavvio, installare programmi con tempi assurdi, sperare che la periferica usb sia riconosciuta, ho la necessità di usare un hub, e con xp mi ha creato spesso problemi, mi sono dimenticato di defrag e scandisk
    come pro é estremamente compatto e silenzioso, nell'uso amatoriale ilife a mio parere e a parere di altri che sono riuscito a contaggiare è molto più semplice, mi fermo qua, sono troppo pro Apple ...


  5. Omar Says:

    Mi fa piacere leggere che qualcuno davvero non ha problemi con il mac. Io a dire il vero sento tanti che professano mac come fosse una religione, pero' quando poi vai a indagare e gli dici i problemi che hai avuto nel dettaglio ti rispondono che si... è successo anche a loro, ... e segue qualche giustificazione per dare la colpa ad altri e non al mac. Proprio con i driver per esempio delle stampanti mi è successa una cosa simile. Certo, la stampante potrebbe funzionare anche senza driver. Ma stampando solo su carta comune e senza nessuna opzione. ora sinceramente chi è lo scemo che si copra una stampante senza poi poterla sfruttare? E allora ti devi installare i driver. Ammesso che li trovi, e non è così scontato, anzi. Io su 5 stampanti di 2 non li ho trovati. Inutile dire che per windows ci sono. E poi, una volta che li hai installati devi sperare che siano funzionali tanto quanto quelli di windows. E non lo sono. La mia stampante epson in effetti non mi fa vedere quando finisce l'inchiostro. Allora devo avviare la macchina virtuale windows e guardare, perchè li, guardacaso, funzionano.
    Poi indubbiamente il vantaggio di non dover star lì a deframmentare è indubbio. Pero' se vai a legger eun po' di forum capisci che anche il mac, ogni tanto, va formattato e reinstallato. Molto meno di windows indubbiamente.
    Mi fermo qui... ho idea che questa potrebbe essere una conversazione mooolto lunga!


  6. Tommaso Says:

    Una recensione - se così la si può definire - molto interessante. Sono un utente mac passato per windows e reputo il "salto" una grande conquista, ma ammetto sinceramente che mac non è la cura di tutti i mali. Recensione oculata


  7. Omar Says:

    Grazie. Fa sempre piacere ricevere complimenti. A presto, spero continuerai a seguirci sul blog! :-)